Come cucinare i carciofi
Consigli di cucina

Come cucinare i carciofi

Crudi in insalata, ma anche bolliti, al forno, in padella o fritti. I carciofi si prestano ad essere preparati in mille modi. Andiamo a vedere come!

Caratterizzato da un sapore dolce e amaragnolo insieme, il carciofo è un ortaggio in grado di apportare diversi benefici alla nostra salute. Ha infatti proprietà digestive e diuretiche, abbassa i livelli di colesterolo cattivo e favorisce la regolarità intestinale. Per quanto riguarda le varietà di carciofi, ve ne sono diverse, ma volendo semplificare, possiamo distinguerli in due grandi categorie: quelli con le spine e quelli senza. Tra questi ultimi non si può non citare il carciofo romanesco del Lazio a marchio I.G.P., anche detto mammola. Dopo aver quindi scelto la propria varietà di carciofi preferita e averli puliti, ecco le modalità per cucinare i carciofi. Le tecniche possono essere le più svariate.

Carciofi crudi

Nel caso non abbiate alcuna voglia di cucinare, sappiate comunque che i carciofi si possono consumare anche crudi, affettati molto sottilmente e poi conditi in insalata. Devono in questo caso però essere particolarmente teneri.

Carciofi bolliti

E se non volete consumare carciofi crudi ma neppure impegnarvi troppo, potete semplicemente farli bolliti. In questo caso immergeteli interi in acqua fredda salata e fateli cuocere per circa mezz’ora dal momento dell’ebollizione. Una volta raffreddati, saranno perfetti conditi con olio, sale e pepe.

Cucinare i carciofi al forno

Anche la cottura in forno è piuttosto semplice: basterà infatti tagliare a metà i carciofi, trasferirli in una teglia, condirli con olio, sale, pepe e se volete, con un trito di erbe aromatiche. Poi tutto in forno a 180 gradi per circa mezz’ora e potrete portarli in tavola!

Carciofi saltati in padella

Un altro modo per cucinare i carciofi è quella di saltarli in padella, preparando i cosiddetti carciofi trifolati. Ecco come fare: mettete in padella un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e del peperoncino. Accendete il fuoco. Quando l’aglio comincerà a soffriggere, è il momento di aggiungere i carciofi precedentemente tagliati, a fettine sottili o a spicchi, come più preferite. In ultimo salate, pepate e cospargete con un trito di prezzemolo, mescolate e coprite. Il tempo di cottura può variare a seconda della consistenza e della grandezza degli ortaggi, come minimo sarà di cinque minuti.

Una volta pronti, potrete poi servire i carciofi come contorno, ma anche utilizzarli come base per altre ricette. Potrebbero ad esempio diventare un sugo per la pasta o un ripieno per una torta salata.

Idee per altre ricette

E non si possono poi dimenticare i carciofi fritti in pastella o famosissime ricette come i carciofi alla giudia o quelli alla romana. Ma sono in realtà tantissimi i piatti che si possono preparare: vellutate, sformati, lasagne, contorni, minestre, risotti, insalate e probabilmente l’elenco non finisce qui.



Come scrivere sulle torte
Consigli di cucina

Come scrivere sulle torte

Tortini svuota frigo
Consigli di cucina

Tortini svuota frigo

Colazione sana idee e ricette per dimagrire
Consigli di cucina

Colazione sana: idee e ricette per dimagrire

Come conservare i pancake
Consigli di cucina

Come conservare i pancake

Come conservare il lievito di birra
Consigli di cucina

Come conservare il lievito di birra

Salmone surgelato, come cucinarlo
Consigli di cucina

Salmone surgelato, come cucinarlo

Colazione salata, 5 idee
Consigli di cucina

Colazione salata, 5 idee

Come fare il pane in casa
Consigli di cucina

Come fare il pane in casa

Spaghetti di riso con gamberetti
Ricette Primi Piatti

Spaghetti di riso con gamberetti

Una tipica ricetta da ristorante cinese. Ma potete preparare gli spaghetti di riso con i gamberi anche a casa… L’ideale in questo caso è utilizzare un wok!

Leggi di più