Menù per il Thanksgiving day
Consigli di cucina

Menù per il Thanksgiving Day

Alla scoperta dei classici piatti serviti in occasione del Giorno del Ringraziamento. Tra questi, tacchino ripieno, patate dolci, cornbread e pumpkin pie.

Oggi ci trasferiamo negli Stati Uniti e andiamo a curiosare a casa di una tipica famiglia americana nel Thanksgiving Day, il famoso Giorno del Ringraziamento. Andremo in particolare alla scoperta dei classici piatti serviti in quest’occasione e delle loro ricette.

Tacchino ripieno accompagnato da salsa gravy o da quella ai mirtilli, purè di patate dolci, cornbread, che è poi pane di mais, vellutata di zucca e, per finire, pumpkin pie, l’americanissima crostata di zucca servita durante le festività. A dire il vero, il menù può comprendere tanti altri piatti, ma questi sono indubbiamente i più tradizionali.

Il Giorno del Ringraziamento

Negli Stati Uniti il Giorno del Ringraziamento è festa nazionale e viene celebrato il quarto giovedì di novembre. È l’occasione perfetta per riunire, almeno una volta l’anno, tutta la famiglia sotto lo stesso tetto e ringraziare per tutto ciò che la vita ha regalato. Parte centrale dei festeggiamenti è il momento del pranzo, rigorosamente consumato a casa e non al ristorante. Ma il Thanksgiving Day inizia già di prima mattina, quando molti americani si recano in chiesa per assistere al proprio culto religioso.

Sempre al mattino si tengono, in diverse città degli Stati Uniti, le ormai tradizionali sfilate; tra queste, la più famosa è sicuramente la parata dei grandi magazzini Macy’s di New York. E così, mentre in cucina fervono i preparativi per ultimare le varie pietanze, c’è sempre qualcuno che si ferma davanti alla TV accesa in salotto, attirato dalla sfilata di carri, bande musicali, cheerleader e palloni giganti.

Mentre nel pomeriggio vengono trasmesse in televisione le partite di football americano e, soprattutto gli uomini di casa, si ritrovano sul divano a tifare per la propria squadra preferita.

Tacchino ripieno, il grande protagonista del Thanksgiving Day

Ma torniamo al pranzo, di cui l’indiscusso protagonista è il tacchino ripieno ed è questo il motivo per cui il Giorno del Ringraziamento viene anche chiamato Turkey Day. Il consiglio è di iniziare la preparazione il giorno prima, ricoprendo e massaggiando la carne con un mix di sale e spezie varie. Dopo averla coperta con pellicola, la si lascia riposare 24 ore in frigorifero, così che si insaporisca bene.

Create poi un mix con burro morbido ed erbe aromatiche tritate e ricoprite con il composto ottenuto la superficie interna ed esterna del tacchino.
Ecco finalmente giunto il momento di farcirlo con il ripieno. Per semplicità potreste anche cuocere quest’ultimo a parte, ma la ricetta perderebbe così molto del suo fascino!

In cosa consiste dunque la farcitura per il tacchino?
Non vi sono a riguardo ingredienti fissi, tanto che le sue varianti sono moltissime. Ogni famiglia americana ha in pratica la sua, anche se la versione più comune prevede pane tagliato a cubetti, castagne bollite, sedano, cipolla, mele e salvia. Una volta farcito, potete infornare il tacchino a 220 gradi. Trascorsi circa venti minuti, bagnatelo con un mix di brodo di pollo e vino in pari quantità. Dovrete ripetere questa stessa operazione ogni mezz’ora.

Abbassate il forno a 180 gradi e proseguite la cottura per almeno tre ore, ma cominciate a verificare la temperatura interna del tacchino dopo due ore. Quando raggiungerà gli 80 gradi, sarà pronto. Estraetelo a questo punto dal forno, trasferitelo in una pirofila e, prima di servirlo, lasciatelo riposare per una mezz’oretta. Indicativamente, in modo che possiate regolarvi, la ricetta è riferita ad un tacchino di 5 o 6 Kg..

La salsa Gravy

Una volta finito di cuocere il tacchino, è bene ricordare di tenere da parte i succhi di cottura perché serviranno per preparare la Gravy, tradizionale salsa di accompagnamento. Iniziate preparando un roux. Fate quindi sciogliere in un pentolino il burro, aggiungete la farina e mescolate con una frusta in modo che non si formino grumi. Quando il roux avrà assunto una colorazione dorata, potete iniziare ad aggiungere il brodo di pollo e i liquidi di cottura già filtrati con un colino. Fate sobbollire fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Salsa di mirtilli

Un’altra classica salsa di accompagnamento per il tacchino ripieno è la salsa ai mirtilli. E qui potete trovare la ricetta.

Purè di patate dolci

Per quanto riguarda il contorno, il tacchino può essere servito con le verdure più varie, come barbabietole, carote, cavoletti di Bruxelles, spinaci e insalate miste. Il purè di patate dolci continua però a rimanere un vero classico del Giorno del Ringraziamento. Prepararlo è piuttosto semplice.

Immergete le patate in una pentola piena d’acqua, salate, accendete il fuoco e portate ad ebollizione. Da questo momento fatele cuocere per almeno mezz’ora; controllate comunque la cottura delle patate punzecchiandole con una forchetta. Ora pelatele, passatele in uno schiacciapatate e trasferitele in una ciotola. Aggiungete, mescolando, panna e sciroppo d’acero in pari quantità, fino ad ottenere la consistenza desiderata. Aggiustate di sale e pepe e il purè è pronto.

Cornbread, il pane di mais

E il pane? Beh, sulla tavola del Thanksgiving Day non può di certo mancare… Tipicamente americano è il cornbread, un pane di mais preparato in modo diverso a seconda che ci si trovi negli Stati Uniti del Nord o del Sud. Al Nord è una preparazione più dolce, simile ad una torta e prevede sia farina di mais che di frumento, latticello, uova e naturalmente zucchero. Al Sud è tutta un’altra storia. In Texas esiste ad esempio un Cornbread preparato con mais fresco, peperoni jalapeño e formaggio grattugiato; quanto di più distante ci sia da una torta.

Noi abbiamo optato per una ricetta Stati Uniti del Nord. Quindi mescolate in una ciotola gli ingredienti secchi, cioè 150 grammi di farina di mais e 150 grammi di farina 00, 3 cucchiaini di lievito, 2 cucchiai di zucchero di canna e 1 cucchiaino di sale. La seconda ciotola sarà per gli ingredienti liquidi: 2 uova, 200 millilitri di latticello e 100 grammi di olio. Versate a questo punto i liquidi nella ciotola degli ingredienti secchi, amalgamate bene il composto e trasferitelo in uno stampo quadrato di 20 centimetri per lato. Infornate a 180 gradi per circa 30 minuti.

Vellutata di zucca

Altro cibo tipico del Giorno del Ringraziamento è la zucca che, dopo essere stata protagonista durante i festeggiamenti di Halloween, ha continuato ad essere presente nelle case degli americani. Qui potete trovare la ricetta.

Pumpkin Pie o crostata di zucca per concludere il pranzo del Thanksgiving Day

E, volendo restare in tema, non si può che concludere il pranzo del Thanksgiving Day con l’americanissima pumpkin pie. Una base di pasta brisée e un ripieno di crema di zucca aromatizzata con spezie varie. Diverse sono le varianti, c’è chi preferisce una base di pasta frolla, chi aggiunge biscotti sbriciolati, chi la serve accompagnandola con panna montata e chi con una pallina di gelato. Perché ognuno in fondo ha i propri gusti! Ecco la ricetta.



Percebes costo, cosa sono e come si mangiano
Consigli di cucina

Percebes: costo, cosa sono e come si mangiano

Chips di zucchine al forno light senza farina
Consigli di cucina

Chips di zucchine al forno light senza farina

Come cucinare le pannocchie
Consigli di cucina

Come cucinare le pannocchie

Pane siciliano fatto in casa la ricetta
Consigli di cucina

Pane siciliano fatto in casa: la ricetta

Frutta disidratata come farla
Consigli di cucina

Frutta disidratata: come farla

5 Ricette con la friggitrice ad aria calda
Consigli di cucina

5 Ricette con la friggitrice ad aria calda

4 ricette con la Portulaca Oleracea
Consigli di cucina

4 ricette con la Portulaca Oleracea

Panini alla zucca
Consigli di cucina

Panini alla zucca

Taccole, fagioli corallo o piattoni come cucinarli
Ricette vegane

Taccole, fagioli corallo o piattoni: come cucinarli

Taccole, piattoni e fagioli corallo: tre legumi ricchi di proprietà benefiche. Ecco alcune ricette per gustarli al meglio.

Leggi di più