Splendida Marilyn in vestito azzurro a pois
Moda

Pois: tutta la magia di un pattern che non passa mai di moda

Polka dot, vale a dire pois. Andiamo alla scoperta dei segreti e della storia di un pattern che non passa mai di moda. Da Marilyn Monroe alle collezioni 2014

Polka dot. Vale a dire, pois. Quel pattern geometrico e femminile, vezzoso e incantevole, che incanta da decenni. Dai pois rosa su rosa di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, a quelli sexy di Marilyn, all’ossessione-pois di Yayoi Kusama, fino alla passerelle e ai guardaroba di mezzo mondo. Senza passare mai di moda.

Dalla nascita ai pois di Marilyn

Erano i lontani anni Trenta quando i pois vestirono per la prima volta abiti e gonne dell’epoca, direttamente dall’Est Europa. Piccoli, piccolissimi e su sfondi scuri. Ma il vero boom fu negli anni Cinquanta. Grazie a colori più vivaci – bianco e rosso su tutti –, e alle curve mozzafiato che li indossavano. Quelle della splendida Marilyn Monroe di The Seven Year Itch, ma anche dell’audace Michele Berardini, danzatrice francese e prima donna a indossare, per Louis Réard, un bikini. E pure sui vestiti, sempre più succinti, provocatori per l’epoca, ecco spopolare i polka dot. Sinonimo di femminilità e sensualità tanto da diventare negli anni Sessanta uno dei must have, e uno dei simboli, delle pin up. Dell’epoca e del giorno d’oggi, Dita Von Teese su tutte.

Pois d’autore nella musica e nell’arte

Bob Dylan... a pois
Bob Dylan... a pois
Non solo donne, però. Persino Bob Dylan, sulla cover dell’EP Just like tom thumb’s blues del 1965, indossava una vistosa camicia a pois bianchi su sfondo verde. Di musicista in musicista, è rimasta famosa anche la chitarra a pois di Randy Rhoads. E ancor più quella di Buddy Guy, una Stratocaster nera a pallini crema. Insomma, i pois avevano conquistato anche la musica.

E poi? Poi fu la volta dell’arte. Dove i puntini avevano già ispirato la mano di Georges Seurat, e dove spopolarono nei quadri di Roy Lichtenstein e di Damien Hirst. Ma soprattutto, dove i pois diventarono quasi un’ossessione per l’artista giapponese Yayoi Kusama.

Moda: passione pois!

Dall’arte, eccoci di nuovo alla moda. Non solo per il ritorno dei pois – e in generale dello stile ’50s-’60s – negli anni Ottanta, ma per avvenimenti assai più recenti. Era il 2012 e il direttore artistico di Louis Vuitton, Marc Jacobs, propose proprio alla Kusama una collaborazione: nell’estate, coloratissimi e ironici pois rivestirono abiti, ma anche scarpe e accessori della maison.

E di altre grandi firme: in questo inizio anni Dieci abbiamo visto i polka dot sfilare sulle passerelle dei più importanti stilisti. Da Dior – che già li propose decenni prima, a dire il vero, insieme a Jacques Fath – a Vivienne Westwood, da Valentino a Dolce & Gabbana. Fino ai brand di abbigliamento più diffusi (e più economici), per una vera “democratizzazione” dei pois.

Piccoli o grandi, colorati o black&white, su abiti sexy o bon ton, sempre amabilmente retrò, è il caso di dirlo: quella per i pois è una passione senza tempo. E, per rimanere fashion attraverso i decenni, anche una sorta di magia.



Moda Made in Italy, i brand indipendenti da seguire
Moda

Moda Made in Italy, i brand indipendenti da seguire

Costumi da bagno interi i modelli più belli
Abbigliamento

Costumi da bagno interi: i modelli più belli

Chunky Sneakers, come abbinarle senza fare errori
Scarpe

Chunky sneakers, come abbinarle senza fare errori

Come indossare il giubbino di jeans
Abbigliamento

Come indossare il giubbino di jeans

Quanto deve essere lunga la camicia
Abbigliamento

Quanto deve essere lunga la camicia

Costumi a vita alta a chi stanno bene
Abbigliamento

Costumi a vita alta: a chi stanno bene

Come indossare il foulard
Abbigliamento

Come indossare il foulard

Total denim look: gli abbinamenti vincenti
Abbigliamento

Total Denim Look, gli abbinamenti vincenti

Streetwear, le collezioni scarpe di adidas e Nike. Chi vince?
Collezioni

Streetwear, le collezioni scarpe di adidas e Nike. Chi vince?

Nike o adidas, quale brand vi piace di più? Si contendono la corona per lo streetwear e soprattutto per le scarpe. Ecco le ultime collezioni presentate.

Leggi di più