Allergie primaverili

Come riconoscere le allergie primaverili e come curarle: dai sintomi ai rimedi, naturali e non, contro la pollinosi

13/03/2014

Arriva la primavera, e siamo tutti più contenti. Tutti, o quasi, perché la bella stagione, coi suoi pollini, è anche sinonimo di allergie, un fastidio davvero enorme per chi ne soffre. Quali sono i sintomi, i test e i rimedi, naturali e non, contro le allergie primaverili?

Cosa sono le allergie primaverili?

Sempre più persone soffrono di allergie primaverili, le pollinosi. Con un esordio sempre più precoce, già da febbraio, e con un aumento delle allergie “da pollini minori” accanto a quelle “da pollini maggiori”. Le piante che provocano reazioni allergiche sono le graminacee, la betulla, il nocciolo e l’ontano. Ma chi soffre di allergie deve fare attenzione anche ai pollini emergenti, come il cipresso e, a fine estate, l’ambrosia nel Nord Italia.

Sintomi delle allergie primaverili

Starnuti, naso chiuso con prurito e fastidio, ma anche lacrimazione, occhi rossi e con sensazione di fastidio. Stanchezza, insonnia, mal di gola con tosse secca e stizzosa e, nel 30-40% dei casi, perfino difficoltà a respirare e asma.
Chi soffra di tutti questi sintomi o soltanto di una parte di essi dovrebbe rivolgersi al medico: una pollinosi in questo periodo è più che sospetta.

[dup_immagine align=”alignright” id=”98449″]

Dopo che test diagnostici allergologici avranno stabilito che si soffre di pollinosi, il medico prescriverà una cura ad hoc.
Il trattamento delle forme allergiche primaverili prevede di solito farmaci antiallergici da assumere durante la stagione dei pollini – che agiranno contro i sintomi delle allergie, ma purtroppo non contro le ricadute future – e vaccini antiallergici, che però non sono efficaci per tutti.

Prevenzione e rimedi

Alcuni abitudini quotidiane peggiorano le reazioni allergiche. Ecco perché qualche precauzione è fortemente raccomandata. Chi è allergico dovrebbe:

  • ridurre, per quanto possibile, i tempi di permanenza all’aperto durante la stagione dei pollini, e soprattutto in giornate secche e ventose o in zone dove l’erba è stata tagliata di recente
  • chiudere le finestre di casa verso sera, momento della massima concentrazione dei pollini nell’aria, ed evitare di aerare le stanze durante le ore più calde
  • fare la doccia e lavare i capelli ogni giorno, per rimuovere i granuli di polline
  • lavare spesso il pavimento e cambiare spesso le lenzuola
  • tenere sotto controllo il calendario dei pollini

Anche stress e fumo influiscono negativamente sulla pollinosi, mentre le cure termali con acque sulfuree hanno un effetto benefico e antiinfiammatorio.

Rimedi naturali contro le allergie primaverili

[dup_immagine align=”alignleft” id=”98450″]

Chi soffre di pollinosi può trovare un valido alleato nell’alimentazione: largo ad alimenti ricchi di principi attivi e depuranti, come le cipolle, di magnesio, come banane, verdure a foglia e cereali, e di vitamina C.
Attenzione invece a quegli alimenti che aumentano naturalmente il rilascio di istamina da parte dell’organismo: fragole, pomodori, cioccolata, formaggi e insaccati.
Oltre all’alimentazione, alcuni rimedi naturali possono poi aiutarci ad affrontare le allergie ai pollini. Ecco i più efficaci:

  • adatoda vasica, il cui succo e foglie alleviano tosse e congestione
  • boswelia
  • echinacea, per liberare naso e vie respiratorie
  • elicriso, per calmare le mucose infiammate
  • liquirizia
  • perilla, antistaminica e antiIgE, utile contro le riniti allergiche e l’asma
  • propoli, utile per le vie respiratorie
  • ribes nero, potentissimo antistaminico naturale
  • rosa canina, antiossidante e antiinfiammatorio che rafforza le difese immunitarie grazie alla vitamina C.

Allergie primaverili e gravidanza

Se molti tra quanti soffrono di pollinosi ricorrono all’automedicazione, con antistaminici orali o spray vasocostrittori, è bene che durante la gravidanza si eviti l’assunzione di farmaci antiallergici senza aver consultato prima il ginecologo. Meglio ricorrere ai rimedi naturali, innocui per la gestante e per il feto.

Allergie primaverili e bambini[dup_immagine align=”alignright” id=”98451″]

È tra i bambini che le allergie primaverili sono più diffuse: non sottovalutiamo tosse, arrossamento degli occhi e gli altri sintomi tipici della pollinosi nei piccoli di casa.
Anche per i bambini adottiamo precauzioni e rimedi naturali e consultiamo un pediatra, che ci indicherà modi e dosi della terapia farmacologica più adatta.