Come gestire le emozioni

Come gestire le emozioni

Gestire le proprie emozioni non è facile a nessuna età, ma non è neanche impossibile.

Come gestire le emozioni? Si pensa spesso, a torto, che raggiunta l’età della ragione, della consapevolezza, sia tutto molto più semplice. Che emozioni come l’amore, la rabbia, la tristezza, possano essere trattenute e poi fatte emergere nel luogo e nel momento più giusto.

Reazioni esagerate, come urlare in pubblico non sono mai ben accettate, ben viste dalle persone che ci stanno attorno e che subiscono passivamente le nostre emozioni, da quelle positive a quelle considerate negative.

Come gestire le emozioni buone e le emozioni cattive

Non esistono emozioni buone e emozioni cattive. Questo è quello che viene solitamente usato come canone per dare uno stereotipo alle cose. La rabbia, la frustrazione, la tristezza sono emozioni negative, la gioia, l’allegria, la felicità positive. In realtà non è così. Le emozioni sono semplicemente emozioni e come tali vanno trattate. Nel corso della vita è normale trovarsi di fronte a sentimenti contrastanti che, ci portano ad avere sentimenti diversi che però non devono essere stigmatizzati anche perché, questo provoca ritorsioni all’interno del nostro organismo.

Il nostro corpo contenitore di emozioni

Noi siamo quello che mangiamo diceva qualcuno ma, noi siamo anche e soprattutto, quello che proviamo. Spesso le persone vengono identificate per i loro atteggianti e una persona sempre allegra è una persona superficiale, una persona sempre arrabbiata e una persona che ha dei problemi. Ecco perché spesso le persone tendono a mascherare quello che provano per mettere in campo dei comportamenti socialmente accettabili. Così facendo però si rischia di sottoporre il nostro corpo ad inutili stress che, in alcuni casi, possono anche sfociare in malattie.

L’accoglienza delle emozioni

Per quanto sia ovvio che la società ci impone dei ritmi anche nella gestione delle emozioni e delle nostre piccole crisi quotidiane, dobbiamo imparare a convivere con tutte le nostre emozioni. Con tutto quel ventaglio di opportunità che la vita ci offre e non considerare sbagliato quello che proviamo. Spesso ci sentiamo dire in momenti particolarmente bui della nostra vita: “ passerà”, oppure “cerca di essere positiva e tutto andrà bene”. Magari è vero ma è anche vero che persone hanno bisogno di farsi attraversare dalle emozioni, viverle, magari in privato o con le persone con le quali si sentono maggiormente a loro agio per poterle sviluppare e conoscere.

Il nostro corpo come contenitore

Il nostro corpo è quello che meglio di tutti conosce noi stessi e le nostre emozioni. Non è un caso che spesso sintomi come il mal di testa o altre malattie lievi siano lo sbocco naturale di emozioni non vissute. Noi e il nostro corpo dobbiamo imparare a gestire fisicamente ed emotivamente le emozioni che proviamo giorno dopo giorno ma, soprattutto, dobbiamo imparare a non avere un atteggiamenti giudicante nei confronti di noi stessi. Siamo noi ad essere la nostra prima cura, siamo noi le prime che dobbiamo amarci per capire come gestire le emozioni che ogni giorni attraversano la nostra vita.

La gestione delle emozioni “negative”

Sebbene abbiamo detto che non esistono emozioni negative ed emozioni positive, si è portati a classificarle a seconda se queste ci rendono felici oppure no. O meglio, le emozioni vengono classificate a seconda di come queste hanno un impatto verso gli altri. Consideriamo quindi emozioni come la rabbia, la paura, la tristezza come negative. Anche queste vanno affrontate e, per farlo al meglio, la prima cosa è accettarle.

Dopo aver accettato la possibilità che nella nostra giornata ci sia una componente di rabbia e di frustrazione dobbiamo imparare a gestirla. Per prima cosa è importante comprendere il nostro stato d’animo, accettarlo e farlo diventare parte di noi. Subito dopo dobbiamo capire il motivo che ci rende così infelici, cercare di riuscire a renderlo parte della nostra esistenza e poi metterlo come in circolo nella nostra vita per poterlo finalmente farlo uscire da noi e ricominciare a vivere in maniera serena.

Come gestire le emozioni “positive”

Essere sempre felici e contenti sarebbe bello ma è certamente un utopia. Ad ogni modo anche le emozioni considerate positive hanno bisogno di essere gestite. Reazioni esagerate in luoghi inappropriati non sono accettate e accettabili ed ecco che anche questa volta è necessario imparare a gestire emozioni come la gioia e la felicità. Ipotizziamo di essere per strada e aver avuto una buona notizia che rende felici, la nostra gioia si leggerà sul nostro viso ma non possiamo certo abbracciare la prima persona che abbiamo accanto. Ecco che dobbiamo fermarci, trovare un momento di raccoglimento tutto per noi e assimilare tutta quella contentezza e quell’allegria. Allo stesso modo dobbiamo fare in modo che questa carica di energia data dalla felicità ci accompagni nelle ore successive, così da fare scorta di buone emozioni.

Le emozioni nei bambini

Sin dalla nascita proviamo emozioni. I bambini piangono, sorridono, cercano di guardare, questo è un modo per trasmettere cosa stanno provando. Il pianto del neonato per esempio non è sempre lo stesso. C’è quello da fame, quello da paura e tante altre varianti che fanno capire ad un genitore quello che prova il bimbo. Crescendo si tende ad insegnare ai piccoli a non arrabbiarsi, a non essere tristi e questa è la cosa più sbagliata che possiamo fare. Anche i piccoli provano delle emozioni e noi adulti non dobbiamo minimizzarle: abbiamo il compito di insegnare loro a viverle e a condividerle così che un domani potranno gestirle al meglio quando la vita metterà loro di fronte degli ostacoli.

Inside out

Stiamo parlando del cartone animato della Disney di qualche anno fa. Un cartone che racconta proprio le emozioni. Rabbia, gioia, disgusto, tristezza e paura sono i piccoli protagonisti. Un cartone per grandi e piccoli che insegna come, per vivere bene, le emozioni devono essere considerate a pari merito.Ci insegna che spesso, per arrivare alla gioia dobbiamo prima incontrare vari stadi di emozioni, non da ultimo la tristezza che, per quanto considerata negativamente, è in grado di farci affrontare le difficoltà della vita regalandoci nuovi punti di vista e nuove opportunità da cogliere con le persone che abbiamo accanto.



Uomini metrosexual, alle donne piacciono davvero?
Single e Dating

Uomini metrosexual, alle donne piacciono davvero?

Uomo immaturo: la psicologia del bambinone
Single e Dating

Uomo immaturo: la psicologia del bambinone

Gli uomini bugiardi cambiano?
Single e Dating

Gli uomini bugiardi cambiano?

Com'è una relazione aperta? Le cose da sapere
Single e Dating

Com’è una relazione aperta? Le cose da sapere

Taglie preservativi: guida alla grandezza e dimensioni dei condom
Single e Dating

Taglie preservativi: guida alla grandezza e dimensioni dei condom

Appuntamento da dimenticare Cosa dire per non rivederlo più
Single e Dating

Appuntamento da dimenticare? Cosa dire per non rivederlo più

Uomini eterni indecisi: come gestirli
Single e Dating

Uomini eterni indecisi: come gestirli

Come superare l'ossessione per un uomo che non ti vuole
Single e Dating

Come superare l’ossessione per un uomo che non ti vuole

Amare il proprio corpo: consigli su come imparare a piacersi
Myself

Amare il proprio corpo: consigli su come imparare a piacersi

Siamo tutte diverse e siamo tutte bellissime esattamente così come siamo. Se a volte ci sentiamo un po’ giù, leggete i nostri consigli su come amare il proprio corpo e imparare a piacersi.

Leggi di più