Come arredare la cucina secondo il Feng Shui

Per arredare la cucina di casa secondo il Feng Shui serve prestare attenzione a diversi fattori. Dagli elettrodomestici ai colori adatti, scopriamone insieme alcuni.

Come arredare la cucina secondo il Feng Shui
Come arredare la cucina secondo il Feng Shui

Secondo la disciplina orientale cinese del Feng Shui, l’uomo avrebbe la capacità di controllare quelle sensazioni che ogni ambiente è in grado di generare, favorendo il flusso di energia positiva, donando calma, armonia e prosperità alle persone che la abitano.

Il Feng Shui si esprime attraverso forme, colori, materiali e la disposizione di oggetti e mobili e questo vale ovviamente anche per l’ambiente più usato della casa: la cucina.

Ma quali sono gli aspetti da considerare se si vuole arredare la cucina seguendo i principi del Feng Sui?

Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere secondo questa disciplina nata più di tremila anni fa e ormai divenuta molto popolare anche nei Paesi occidentali.

La scelta dei colori e le forme

Uno degli aspetti più importanti per il Feng Shui è la scelta dei colori giusti in base alla stanza di casa. Nel caso della cucina, i colori da prediligere per la tinteggiatura delle pareti sono: bianco (consigliato dal Feng Shui soprattutto per il piano lavoro), verde, giallo, arancio e le varie tonalità di blu.

Tra tutti, il colore più indicato è il giallo, in quanto legato alla terra e al cibo, mentre sono da evitare i colori troppo accesi.

Tutti gli spigoli devono essere arrotondati, perché sono accumulatori di energie negative e possono causare malumore e negatività. Meglio optare per le forme morbide in cucina, anche per il tavolo da pranzo e le sedie e scegliere mobili il più naturali possibili con le ante e non i ripiani a vista.

La disposizione dei moduli della cucina

Anche la disposizione dei vari moduli della cucina è molto importante e dovrebbe seguire il principio dei 5 elementi, ma in particolare di acqua e fuoco: il fornello e il forno non dovrebbero essere posizionati vicino al frigorifero, alla lavastoviglie e alla lavatrice per evitare conflitti di energie.
Il fornello (simbolo del fuoco) non andrebbe mai rivolto verso il nord, ma verso est o al massimo sud-est; la dispensa (simbolo del legno) a est, mentre la posizione ottimale del lavello è sotto la finestra o davanti.
 Il microonde invece non deve essere presente in casa per cui è meglio optare per il classico forno.

L’ordine e la pulizia

Una delle prime regole del Feng Shui in generale riguarda l’ordine. Secondo questa filosofia, oggetti fuori posto emanerebbero energia negativa. Al contrario, una cucina ordinata, pulita e sempre organizzata, permette alle energie positive di fluire tranquillamente.

È importante mantenere le superfici libere sia per avere spazio per cucinare, sia per rendere l’ambiente più accogliente e armonioso.
Oggetti e strumenti vari andrebbero sempre riposti al sicuro in mobili e dispensa e quelli che non si usano da tempo andrebbero eliminati. Fate attenzione a mantenere puliti e in ordine non solo ripiani e superfici, ma anche i cassetti e i mobili, così come gli elettrodomestici.
In particolare il fornello, vero cuore della stanza, nonché un potente simbolo di ricchezza per il Feng Shui. Fondamentale assicurarsi che sia sempre pulito e funzionante.

L’illuminazione

La cucina è il centro di molte attività casalinghe e per questo andrebbe sempre ben illuminata, in modo da permettere alle energie buone di fluire nell’ambiente.

Si consiglia di sfruttare al massimo la luce naturale che entra dalle finestre e poi posizionare diversi punti luce, sia al soffitto che alle pareti, evitando, se possibile, le lampadine a fluorescenza.


Vedi altri articoli su: Arredamento |

Commenti