Crema di riso al latte di cocco

Esotica ma dal sapore delicato, dolce e rassicurante: la crema di riso al latte di cocco è facile da preparare e ancora più facile da finire (cinque minuti).

Crema di riso al latte di cocco
Crema di riso al latte di cocco.

Il brodo primordiale era fatto d’acqua, anche se pare non ci fossero né carote né sedano. Il punto è che tutto il nostro mondo dipende dall’acqua, da quello che nell’acqua vive e muore.

Prendete il riso: quando il primo sciame di zanzare assetate di sangue vi si fa incontro sapete che le risaie sono state allagate e che in pochi mesi ci sarà il raccolto. Dopo il raccolto, il riso bollirà nella vostra pentola e le zanzare scompariranno fino al prossimo ciclo.

L’acqua è così vitale che sarebbe meglio dare retta a chiunque cerchi di sensibilizzarvi sulla sua scarsità o inquinamento, se siete delle golose patologiche, per convincervi, potete pensare «senz’acqua, niente integratore rimineralizzante alla frutta» oppure immaginarvi perse su un’isola deserta senza sorgenti: è vero che potete sopravvivere bevendo latte di cocco, ma purtroppo ha moltissime calorie e andrebbe meglio limitarsi a usarlo per preparare una confortante crema di riso al latte di cocco.

Ingredienti

  • 250 g di riso Originario
  • Un litro di latte intero
  • 250 g di latte di cocco denso (in scatola)
  • 125 g di zucchero di canna
  • Un pizzico di sale
  • Un baccello di vaniglia
  • Scaglie di cocco o frutta secca caramellata per guarnire

Procedimento

  1. Portate a ebollizione una pentola d’acqua senza aggiungere sale e lessate circa 250 g di riso Originario per 10 minuti.
  2. Contemporaneamente, portate ad ebollizione il latte, mescolato al latte di cocco, allo zucchero, a un pizzico di sale ed il baccello di vaniglia inciso per il lungo e raschiato.
  3. Scolate il riso, pesatene 450 g e versatelo nel latte bollente.
  4. Portate avanti la cottura, lasciando sobbollire dolcemente, per altri 40 minuti.
  5. Togliete il baccello di vaniglia, distribuite la crema nelle coppette, fatela raffreddare completamente e passatela in frigorifero per un paio d’ore prima di servirla cosparsa di cocco o frutta secca caramellata.

[Il racconto e la ricetta sono tratti da In cucina con i tacchi a spillo, Guido Tommasi Editore]

Per chi ama il cocco!


Vedi altri articoli su: Cosa Cucino Stasera |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *