Conserve fatte in casa
Consigli di cucina

Come sterilizzare i vasi di vetro per le marmellate

Amate realizzare conserve e marmellate fatte in casa? Vi consigliamo qualche metodo veloce e sicuro per sterilizzare i vasi di vetro

Prima di confezionare le conserve sterilizzate tappi e vasetti
L’estate è il periodo delle albicocche, delle ciliegie, dei fichi, dei lamponi e di molti altri frutti deliziosi. Per chi ama i sapori genuini e le tradizioni di una volta, questo è il momento migliore per realizzare deliziose marmellate e conserve fatte in casa.
La parte più difficile nel concretizzare questa passione non è certo la reperibilità della frutta, per chi abita in città consigliamo di affidarsi a un fruttivendolo di fiducia o informarsi sui numerosi rivenditori di prodotti a km zero, per chi ha la fortuna di abitare in campagna invece il raccolto è presto fatto!
Il “nocciolo” della questione arriva nel momento in cui è necessario sterilizzare i contenitori per le marmellate.
Meglio utilizzare vasi di vetro nuovi o riciclare quelli delle precedenti conserve? In entrambi i casi è assolutamente consigliato, prima di procedere alla preparazione e quindi al confezionamento delle conserve, sterilizzare contenitori e tappi.

Imparare questo tipo di procedimento è fondamentale per ottenere dei prodotti che si conservino a lungo e in totale sicurezza. Esistono diversi metodi e molti consigli delle nonne, di seguito ve ne indichiamo due sicuri e veloci ideali per chi, all’interno della giornata, ha i minuti contati.

Sterilizzare i vasi di vetro in forno

  1. Preriscaldare il forno a 100°
    Vasi di vetro
    Sterilizzare nel forno a microonde è un metodo sicuro e veloce
  2. Una volta raggiunta la temperatura inserire i vasetti e attendere 5 minuti
  3. Trascorso questo breve tempo spegnere il forno, ma lasciare che i vasetti si raffreddino al suo interno in modo da non creare un eccessivo sbalzo di temperatura che potrebbe venare il vetro
  4. Quando la temperatura inizia a scendere inserire anche i tappi fino a completo raffreddamento

Sterilizzare i vasi di vetro con il microonde

Si tratta di una soluzione ancor più rapida della precedente, ma altrettanto sicura.

  1. Prendere ogni vasetto e riempirlo con circa due dita d’acqua
  2. Inserire i vasetti, privi di coperchio, all’interno del microonde
  3. Scaldare fino a ebollizione (circa 2 minuti)
  4. Estrarre i vasetti e versare l’acqua rimasta
  5. Capovolgere i vasetti e lasciarli asciugare naturalmente
Marmellate in vasetto
Una volta sterilizzati, i vasetti possono essere decorati
Con questo metodo la sterilizzazione dei tappi avverrà in un secondo momento seguendo questa procedura: una volta riempito ogni vaso con il composto bollente realizzato, chiudere con il tappo e mettere nuovamente i contenitori sottosopra per il raffreddamento. In questo modo si attuerà un processo di auto sterilizzazione del tappo altrettanto veloce e sicuro!
A questo punto non vi resta che realizzare la vostra conserva preferita seguendo le numerose ricette presenti in rete o sui libri di cucina e, per per un aspetto ancor più tradizionale e casalingo, decorare i vasi di vetro con adesivi personalizzati e fiocchi di rafia o spago.



Menù festa di compleanno bambini
Consigli di cucina

Menù festa di compleanno bambini: buffet, stuzzichini e dolci

Menù per la prima comunione
Consigli di cucina

Menù per la prima comunione: consigli e idee

Maracuja: proprietà, gusto, ricette
Consigli di cucina

Maracuja: proprietà, gusto, ricette

Durian
Consigli di cucina

Durian: come tagliarlo e aprirlo

Come fare il green smoothie in casa
Consigli di cucina

Come fare il green smoothie in casa

Come essiccare i peperoncini a casa
Consigli di cucina

Come essiccare i peperoncini a casa: ecco come fare

Ricette con fiori di acacia
Consigli di cucina

Ricette con fiori di acacia

Come conservare le olive
Consigli di cucina

Come conservare le olive

Come fare la pizza senza lievito
Consigli di cucina

Come fare la pizza senza lievito

La preparazione della pizza richiede di solito l’uso del lievito di birra e tempi di attesa per la lievitazione. Ma non sempre è così: ecco le alternative.

Leggi di più