Costume National: la sfilata S/S 2015 alla Milano Fashion Week

Costume National: la sfilata S/S 2015 alla Milano Fashion Week

Un dialogo tra rock'n'roll alla Seventies e minimalismo: la collezione primavera-estate 2015 firmata Costume National

20/09/2014

La donna di oggi? Libera e sofisticata. Una fusione di rock and roll e couture minimalista. Parole di Ennio Capasa, e pure fatti: quelli visti in passerella per la collezione primavera-estate 2015 di Costume National, brand amatissimo da star di casa nostra e di tutto il mondo che trova tra i suoi più noti estimatori niente meno che Mick Jagger e Lady Gaga.

Una linea che, per ammissione del designer stesso, prosegue il lavoro della Resort vista a NY lo scorso giugno. E che affonda le sue radici in un certo sperimentalismo datato ’70 – decennio che in queste fashion weeks sembra decisamente andare per la maggiore – e si ispira agli Stonehenge free music festival dell’epoca.

Così, in passerella sfilano per la ss 2015 abiti dai tagli netti e asimmetrici, lunghi gilet, pantaloni e shorts a vita alta e altissima, gonne mini ma anche lunghe, tubini in techno pizzo macramé. La palette comprende molto, moltissimo cioccolato (ovvero, camoscio), blu, viola prugna e tanto nero per gli outfit serali, ricchi di di chiffon e frange.


Leggi anche: New York Fashion Week: il calendario sfilate di settembre 2014

A proposito di frange, che sfilata dopo sfilata si candidano sempre più seriamente a essere tra i maggiori trend della prossima bella stagione tanto per gli abiti quanto per gli accessori: a esse si affiancano e avvicendano dettagli che rimandano allo stile Costume National degli esordi: cinture alte con grandi fibbie e buchi-oblò in metallo.

Le reminescenze hippie vengono desaturate, decostruite e ricostruite insieme a dettagli più urban e moderni, quasi grunge. E così anni gli anni ’10 hanno un sapore di ’70 rinnovato, più essenziale, minimale e un pizzico severo – ma del resto, coi tempi che corrono…. Che piacerà moltissimo anche a quante nei mitici Seventies non erano nemmeno nate.

 

Photo credits: Pier Marco Tacca / Getty Images Entertainment