Anna Sui: la collezione S/S 2015

Anna Sui: la collezione S/S 2015

La sfilata di Anna Sui per la primavera-estate 2015 propone una collezione un po' hippie, un po' dark, un po' psichedelica per distinguersi dalla massa.

12/09/2014

È possibile che una sfilata della New York Fashion Week faccia dimenticare di essere alla New York Fashion Week? Sì, se la stilista porta il nome di Anna Sui e in passerella va in scena la sua collezione primavera-estate 2015.

Anna Sui 2015: non vestiamoci tutti uguali!

Non perché la collezione vista in stilata sia poco glam o stylish – tutt’altro – ma perché la sua spring-summer 2015 ha un sapore prezioso. Insieme fresca novità e object trouvé, come lontano e vicino, nuovo – e ancor di più, futuro – e passato.
Una creazione unica, come ha dichiarato la fashion designer: “La mia collezione nasce da una reazione contro le masse, e contro tutti coloro che si vestono uguali agli altri”.  La designer di origini cinesi nata a Detroit è inconfondibile nel suo stile, composto da una serie di motivi che tornano e si sovrappongono quasi come metafore-ossessioni.

Boho-glam in salsa space oddity

Hippie anni Settanta, ma anche deco tardi anni Sessanta, rock alla Keith Richards e space oddity alla David Bowie, con influenza dark evidente negli ultimi abiti sfilati in passerella, più scuri (ma con contrasti shining) e notturni. Fiori e denim, arcobaleni e nuvole, motivi su motivi, righe e mini-fumetti, stampe mini e meno mini. T-shirt grafiche e top iridescenti, pantaloni larghi e variopinti, shorts e vestitini boho-glam. Lavorazioni all’uncinetto e frange, pizzi e cotone.

A completare la collezione ss 2015 firmata Anna Sui, accessori coloratissimi con inserti in tema stelle e luna – vedi gli stivali antipioggia patchwork con marsupio abbinato – grossi pendagli e sottili e lunghe collane. Occhiali da sole, deliziosi copricapo e foulard.


Leggi anche: Al via le quattro Fashion Week

Anna Sui dipinge un mondo decisamente indie e dominato da forme e colori che si sovrappongono, si mischiano, si sommano in una dimensione un po’ onirica un po’ psichedelica. Ci piace!

Photo credits: Getty Images