Fendi: la sfilata S/S 2015 alla Milano Fashion Week

Artigianalità, orchidee, piume. Lavorazioni dal sapore futuristico e richiami alla tradizione. Tutto questo e molto di più è Fendi, in passerella con la sua collezione Primavera-Estate 2015

Tagli cut-out, degradé e artigianalità: Fendi incanta la MFW
Tagli cut-out, degradé e artigianalità: Fendi incanta la MFW
  • Tagli cut-out, degradé e artigianalità: Fendi incanta la MFW
  • Orchidee sul look in black
  • Digressioni in grigio
  • Romanticismo per il long dress
  • Abito in piume: per chi si sente aggressiva
  • Cara Delevingne in passerella da Fendi
  • Nero e trasparenze
  • Mix materici ad effetto
  • Sapore future per il minidress grigio
  • Tonalità candy per un look fresco e moderno
  • Nero, bianco e arancio: un matrimonio dal sapore tecno
  • Eleganza moderna è una camicia ed una gonna fluttuante
  • Pantaloni loose e top ridotto per la SS15
  • Rosa, romantica e vaporosa: ci piace!
  • Dettagli ipermoderni per questo look
  • Handbag+mini Karl :)
  • Alta artigianalità per la Baguette bag
  • Close-up sulle frange dell'abito decò
  • Trasformazioni: le frange diventano motivo del top
  • Close-up sui pantaloni decò firmati Fendi
  • Peekaboo bag, SS15 edition
  • Quando un giacchino solo non basta...
  • Dicotomie: sopra look da giorno, sotto da sera
  • Tridimensionalità in white
  • Sovrapposizioni
  • Finale della sfilata Fendi SS15
  • Grafismi ad effetto
  • Close-up sull'ingresso finale delle modelle
  • Sfumature di grigio per Fendi
  • Kendall Jenner in passerella per Fendi

La primavera-estate 2015 di Fendi è un incantevole esempio di artigianalità, tematica onnipresente in tutta la sfilata, così come il desiderio di esprimere, attraverso i capi della collezione, i valori che più corrispondono all’italianità: moda, architettura, tradizione, secondo la volontà espressa dal direttore creativo Karl Lagerfeld.

Benvenuta innovazione, con uno sguardo al passato

Questo ha probabilmente a che fare anche con il fatto che Fendi, maison familiare di origini romane, sta per trasferire la propria sede capitolina presso il Palazzo della civiltà italiana. Gli archi dell’edificio ispirano, oltre al layout del fashion show, le lavorazioni in laser presenti su gonne e giacche. I capi sono resi importanti da lavori di altissima sartoria, cut out, sovrapposizioni, sfumature dégradé e volontà di proporre una Spring-Summer più urbana ma senza rinnegare la tradizione. In piena continuità con quella che è la storia di Fendi, spuntano puntuali pantaloni alla cavallerizza, riferimento alla Selleria, e la pelliccia usata per gli ormai iconici portachiavi da appendere alle bags.

Colori, texture e silhouette

Nero, bianco, tante sfumature in grigio, azzurro, arancio, un po’ di rosa. Pochi colori ma ben definiti, perché a sorprendere davvero sono, oltre alle lavorazioni, le texture dei capi: così le orchidee sono protagoniste di abiti delicati e pantaloni morbidi, le piume sono in realtà realizzate in organza, coperture lucide rivestono i capi in maglieria per regalare un ulteriore finish, pellicce rasate che sembrano tessuto sono la base materica perfetta per bomber e abiti. Le frange sono un elemento imprescindibile, ondeggiano e creano motivi.
Le silhouette sono morbide, le lunghezze si fermano alla caviglia, giacche e top sono corti ma accostati.

Accessori must

Dall’iconica baguette, che qua diventa 3Baguette, ai fermacoda, dal portachiavi Bag Boy Karlito, mini versione di Karl Lagerfeld, alla Peekaboo, è certo che gli accessori visti in sfilata siano già divenuti oggetti del desiderio, da acquistare e indossare su tutto. Architettoniche le calzature, svettanti e dal sicuro impatto, oppure rasoterra in versione flat.
In passerella nomi noti del fashion system e non solo, da Cara Delevingne, ad aprire lo show fino a Mariacarla Boscono a chiuderlo passando per Kendall Jenner, sorella di Kim Kardashian.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | Milano Fashion Week | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *