Gravidanza isterica: cause e sintomi

Un problema che esiste ma del quale non si parla abbastanza: si tratta della gravidanza isterica che può capitare davvero a chiunque. Vediamo di cosa si tratta e qual è la cura più adatta

Avere tutti i sintomi di una comune gravidanza, sentirsi praticamente incinta, quasi mamma, per poi scoprire che in realtà non c’è alcun bebè in arrivo: questa è la classica condizione di una gravidanza isterica, un qualcosa di non molto conosciuto in realtà, di cui non si discute spesso, perlomeno in Italia, ma che però può capitare.

Le cause di una gravidanza isterica

Dalla testa al fisico: la gravidanza isterica viene considerata una malattia psicosomatica, cioè uno stato di disagio che parte a livello psicologico e poi si ripercuote anche sul fisico. Il fattore scatenante sarebbe la grande voglia di diventare mamma, un desiderio che spesso può degenerare in una vera e propria fissazione, specie quando il tanto atteso lieto evento tarda ad arrivare. Tutto ciò ha origine soprattutto dal contesto sociale che, nonostante ci troviamo alle soglie del terzo millennio, considera la maternità come un passaggio obbligato nella vita di una donna, e non come una libera scelta che può anche essere ritardata nel tempo oppure del tutto messa da parte. Molte donne, quelle psicologicamente più fragili, possono soccombere a pressioni che giungono dall’esterno e ritrovarsi incinte ma soltanto nella loro mente.

I sintomi di una gravidanza isterica

Succede all’improvviso di avvertire un gonfiore addominale, il classico senso di nausea, dolori al seno e di avere il ciclo in ritardo. “Sono finalmente incinta!”, ma al momento del test di gravidanza si scopre che il bebè non sta ancora arrivando e che, peggio, ci ritroviamo psicologicamente stressate al punto da ‘sentirci’ incinte anche senza esserlo. Un caso ‘storico’ fu quello di Mary Tudor nel 1500: la regina d’Inghilterra annunciò di aspettare un erede per poi scoprire di non essere incinta. Morì senza mai diventare madre.

La cura

Dal momento che si tratta di un disagio psicologico, è della stessa natura il rimedio al momento ritenuto il più adatto. Quindi, affidarsi a un professionista serio e d’esperienza sarà di grande aiuto per la donna. Da non tralasciare, però, anche il fattore umano: circondarsi delle persone giuste, quelle che ci vogliono bene e che sono in grado di sostenerci sul serio farà certamente la differenza in questo particolare momento.


Vedi altri articoli su: Gravidanza |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *