stress

Stress post-vacanza: addio in sole 3 mosse

Sentirsi stanchi, depressi, pessimisti al rientro in ufficio è normale. Ecco alcuni consigli per ritrovare presto l’equilibrio e il sorriso

Al rientro dalle vacanze siete tristi, fate fatica a concentrarvi e a dormire, avete sbalzi d’umore, mal di testa e dolori allo stomaco? Niente paura, si tratta di sindrome da rientro, stress post-vacanza o Post-Vacation Blues, come lo chiamano gli inglesi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, è un problema che interessa il 50% dei vacanzieri. Ecco quindi tre mosse per riprendere velocemente il ritmo e le energie!

Alimentazione

Durante le vacanze ci si lascia andare e si accumula qualche chilo, ma non iniziate diete ferree appena disfatta la valigia. Tornate gradualmente a un regime alimentare sano, raggiungerete comunque il vostro peso forma, aiutandovi anche con un po’ di palestra. Preferite alimenti ricchi di magnesio, un anti-stress naturale, come verdura verde, cerali integrali, legumi, frutta secca, soprattutto mandorle, e cacao. Non esagerate però con cioccolato e dolci: l’appagamento è solo temporaneo e potrebbe lasciare un senso di vuoto maggiore di quello colmato.

Stress di notte

Scegliete verdura e frutta di stagione, in particolare l’uva, così ricca di melatonina, l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia. L’uva poi favorisce la produzione di un altro ormone importante, la serotonina, che stimola il benessere finisco e mentale.

Stress da lavoro

Anche la ripresa del lavoro deve essere graduale. Fate qualche pausa in più, approfittate di tutti i momenti al sole e all’aria aperta, incontrate vecchi amici e raccontatevi le rispettive vacanze.
Importante per superare lo stress post-vacanza è lo sport: con il movimento il cervello produce sostanze chimiche che favoriscono il buonumore, le endocrine. Non importa quale sia il vostro sport preferito: nuoto, corsa, zumba, tennis… tutte le attività fisiche possono aiutarvi a ritrovare il vostro equilibrio. Scegliete quella che preferite e portatela avanti con regolarità!

australian flowers
Fiori australiani
Rimedi naturali

La natura anche in questo caso ci può venire in aiuto. Oltre ai fiori di Bach, potete provare con l’omeopatia, che consiglia granuli di Nux Vomica 30 CH o di Gelsemium 30 CH, oppure con i fiori australiani, usati da secoli dagli aborigeni per curare gli squilibri emozionali. I fiori australiani sono usati nelle essenze del dottor Ian White, distribuite in Italia da Green Remedies. L’essenza Ottimismo, come dice il nome aiuta a ritrovare positività, fiducia e benessere. Per una maggior carica di energia, meglio scegliere le essenze Macrocarpa e Banksia Robur, mentre, per aumentare la concentrazione bastano 7 gocce dell’essenza Concentrarion per 2-3 volte ogni giorno.



Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso

Come smettere di mangiarsi le unghie
Vivere bene

Come smettere di mangiarsi le unghie