amaranto

Amaranto: il finto cereale ricco di proprietà nutrizionali

Una alternativa ai cereali tradizionali, ricco di proteine ma senza glutine, da mangiare a chicchi tostati, in insalata dopo la cottura o come farina

Non è un vero cereale, ma fornisce molta energia. Di chi si tratta? Dell’amaranto, una pianta originaria dell’America Centrale, molto apprezzato dagli Aztechi e dagli Incas, che lo consideravano una pianta sacra. È uno pseudocereale, così come la quinoa sia rossa che bianca, poiché non appartiene al genere delle graminacee, ma a quella delle amarantacee. Per decenni è stato dimenticato, ma se ne è riscoperto l’utilizzo negli Usa negli anni ’60, con una maggiore diffusione negli ultimi vent’anni. È naturalmente senza glutine, quindi ben si adatta alla tavola dei celiaci. Cerchiamo di scoprirne le proprietà, i valori nutrizionali, i metodi di cottura, le caratteristiche dell’alimento e dei suoi chicchi e perché è adatto alla alimentazione senza glutine.

Proprietà

Partiamo dalle proprietà. È un alimento altamente digeribile, difatti viene consigliato per l’alimentazione delle persone che soffrono di intolleranze e problemi intestinali di varia natura, per quella delle donne in gravidanza, dei bambini in fase di svezzamento e degli anziani inappetenti. Secondo alcuni studi potrebbe contribuire a ridurre il colesterolo e avere benefici sul sistema cardiovascolare.

Valori nutrizionali

Per quanto riguarda la composizione nutrizionale, è ricco di proteine di buon valore biologico, includenti la lisina, un aminoacido essenziale. Su 100 g di prodotto, ben 14 g sono costituiti da proteine, 65 g da carboidrati (di cui 57 g da amido), 7 g da grasso e 6 g da fibra, con un apporto calorico di circa 371 kcal. È una buona fonte di minerali, come ferro, calcio, fosforo e magnesio.

Cottura

Veniamo ora alla cottura. Per prepararlo correttamente, innanzitutto bisogna sciacquarlo sotto l’acqua corrente e successivamente farlo bollire in una quantità di acqua pari a tre volte il peso a crudo dell’amaranto. Saranno necessari circa 30-40 minuti in una pentola tradizionale e 20 minuti in quella a pressione. Non è necessario mescolare e a fine cottura far riposare per almeno 10 minuti, per dare il tempo ai chicchi di gonfiarsi. È gustoso sia abbinato alle verdure e ai legumi, sia in insalate o zuppe insieme agli altri cereali.

amaranto chicchi
Alimento e chicchi

L’amaranto viene consumato sia come chicco, che può essere fatto tostare per ottenere una sorta di muesli o di popcorn, sia come farina per la preparazione di prodotti da forno o creme amidacee, sia come foglie, ricche di ferro, calcio e fosforo, ma difficili da reperire.

Senza glutine

Infine, è considerato un alimento gluten-free. Per questo è ampiamente impiegato per la preparazione di crocchette, barrette, cracker e sformati dolci e salati per i celiaci.



Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso

Come smettere di mangiarsi le unghie
Vivere bene

Come smettere di mangiarsi le unghie