Le frasi più celebri e divertenti di Mara Maionchi

Sincera e con un linguaggio colorito, Mara Maionchi è un mito per le sue frasi divertenti. Scopriamo le più belle.

09/02/2020

Quali sono le frasi celebri e divertenti di Mara Maionchi? Classe 1941 la discografica e talent scout è conosciuta soprattutto per aver ricoperto il ruolo di giudice a X Factor e Italia’s Got Talent. Originaria di Bologna, è amatissima dal pubblico per il suo modo di esprimersi sempre schietto e sincero, le sue frasi colorite ed esilaranti.

Mara Maionchi: la carriera e le sue frasi famose

Era il 1967 quando Mara entrò nel mondo della discografia. All’epoca aveva 26 anni e venne assunta presso la Ariston Records, seguendo, durante il suo primissimo Sanremo, Ornella Vanoni, Anna Identici e Mario Guarnera. Nel 1969 divenne l’addenta stampa di Mogol e Battisi, in seguito entrò nella Dischi Rotti dove venne scelta come responsabile editoriale. Fu in quegli anni che la Maionchi iniziò a seguire la carriera artistica di Mia Martini, Fabrizio De André e Umberto Tozzi, ma soprattutto scoprì Gianna Nannini.

Dieci anni dopo lei e il marito Alberto Salerno fondarono la loro etichetta discografica, la Nisa, e nel 2000 Mara iniziò a collaborare con Tiziano Ferro, producendo i suoi primi tre anni. In seguito la coppia creò un’altra società: Non ho l’età, dove hanno lavorato anche le figlie di Mara, Giulia e Camilla.


Leggi anche: Le figlie di Mara Maionchi: chi sono e cosa fanno nella vita

L’esordio in tv risale al 2008 con la partecipazione a X Factor nelle vesti di giudice, mentre fra il 2011 e il 2012 è stata un ospite fisso di Amici di Maria De Filippi. In seguito ha lavorato a Italia’s Got Talent e Sanremo Young.

https://www.instagram.com/p/BmoASHTFovf/

Mara Maionchi: le frasi più divertenti e belle della
discografica e giudice di X Factor

Mara Maionchi sin dal suo esordio in tv ha conquistato il pubblico grazie alle sue frasi a effetto, spesso accompagnate da parolacce e gaffe involontarie.

Mara Maionchi: le frasi più famose e sagge

Non solo: la discografica ha spesso mostrato la sua saggezza, con discorsi che parlano della forza di volontà e del coraggio necessari per arrivare al successo. Ecco le più belle:

“Nella mia vita ho fatto più errori che cose giuste. Ho
fatto crescere artisti che non sono cresciuti, ho lavorato per risultati che
non sono arrivati, cercato di fare passi che non tutti sono stati in grado di
fare”.

“L’essere radical-chic è una posizione che non amo: non si ascolta
liberi e io amo la libertà”.

Mick Jagger? Uno noioso, che non sa affatto divertirsi. Mi è sembrato un gelido amministratore delegato di un’azienda piuttosto che il leader della più grande rock band del mondo”.

https://www.instagram.com/p/B2mlxzBC9qo/

Mara Maionchi: le frasi romantiche

Mara Maionchi è stata scelta in passato per realizzare le frasi romantiche inserite all’interno dei Baci Perugina. In occasione di San Valentino, la discografica ha collaborato con il cantante Enrico Nigiotti e la celebre azienda di cioccolatini. Ecco alcune frasi zuccherine create da lei:


Potrebbe interessarti: Mara Maionchi: tutte le scoperte della talent scout

“In amore rompere gli schemi è importante quanto non rompere
le scatole”

“Un bacio è la virgola rosa tra le parole: Ciao, io esco”

“In una storia d’amore il passo dalle luci rosse alle
abat-jour è molto breve”

“In principio l’amore fa girare la testa, poi cominciano i
mal di testa”.

https://www.instagram.com/p/Bsxf_Bvh0wS/

Mara Maionchi: le frasi divertenti

Scopriamo altre frasi divertenti di Mara Maionchi sul suo lavoro con le star:

“Per una pop-star la presenza fisica conta ma non è un fatto
di bello e brutto bensì di presenza sul palcoscenico, di carisma. Ci sono
persone che istintivamente si fanno notare, hanno qualcosa di speciale che
affascina la gente. Battiato non è certo bello. Eppure ci sono momenti nel
palco che è bellissimo. Quella che conta è la personalità. Anche Madonna è una
che ha una componente fisica molto importante e non è certo bella. Ma è una che
a 50 anni si fa seguire dalle ragazzine, detta moda”.

“Io e mio marito abbiamo le stesse idee. Condividiamo amici
e lavoro. Poi abbiamo due figlie, la maggiore lavora con me, la più piccola mi
fa gli orecchini che metto in tv. Altro che pubblicità occulta, l’ho già detto
anche a Striscia la notizia: speriamo che riesca a commercializzarli, così me
la levo un po’ dalle croste”.

“Litigo con Morgan quando lui mi dice che la musica
d’avanguardia non è mai premiata dalle vendite. Su questo punto ci scanniamo.
Si può fare ricerca musicale, essere una novità e avere pure un successo
commerciale, che non è un crimine. Guarda i Depeche Mode quanto hanno venduto.
O lo stesso Battisti. Lui fu una novità assoluta per l’Italia, dove si cantava
ancora partendo dalla lirica. Battisti rivoluzionò la canzone italiana
contaminandola con tendenze più moderne, che venivano dall’estero”.

“Il rapporto con Dio mi dà forza e comprensione. Lo ammetto,
forse sono un filo opportunista ma ci credo. Ci sono stati momenti nella vita
in cui mi ha davvero aiutato”.

“Io non penso di aver “scoperto” nessuno. Le
persone sono venute da me con un talento loro, io ho saputo riconoscerlo. È
diverso. Col talento da solo non ci fai niente, devi lavorare”.

“Io sono sempre stata libera: libera di testa, voglio dire,
un po’ anarchica. Sono me stessa. Quando hai vissuto un po’ capisci che è
importante fregarsene e divertirsi”.

“La natura non ripaga mai nella stessa maniera, la salute è
tutto”.

“Le vecchie hanno il loro perché, non lo sa?”

“Tiziano Ferro: non se lo filava nessuno ma io sentivo che
c’era qualcosa, e abbiamo insistito, insistito. Quando è entrato in classifica
è stata felicità pura”

“Sulla mia tomba vorrei che fosse scritto: ‘Era una testa di
cazzo, ma aveva un culo terribile’”

“Quella che è cambiata di meno sono io, però capisco che
intorno a me il mondo è diverso. È diverso politicamente, economicamente, musicalmente,
ma in fondo è normale”

“Mango aveva una vocalità celeste, mondiale: se fosse nato
in un Paese che non era l’Italia poteva avere ancora più successo. Ma lui stava
bene a casa sua, a Lagonegro. Era un ragazzo quieto […] La musica italiana
perde qualcosa di molto importante, che forse non ha mai capito in pieno. Non è
mai stata colta tutta la sua potenza”

“Sanremo si chiama “festival della canzone italiana” ma la canzone italiana non c’è più”

https://www.instagram.com/p/B2JTATQpwtL/

Foto Credits: Account Instagram @realmaramaionchi