Le proprietà del ginseng

Il ginseng è un rimedio naturale utilizzato da secoli, ottimo nel caffè, ma anche utile come integratore grazie alle sue proprietà.

Il ginseng è una radice conosciuta in tutto il mondo per le sue molteplici proprietà benefiche.

Il ginseng è un rimedio naturale ricavato dalle radici delle piante che fanno parte della famiglia delle Araliaceae. Da secoli viene utilizzato come stimolante e tonico per l’organismo in tantissimi paesi come la Cina, la Corea, il Giappone e la Russia. Fin dai tempi antichi infatti le radici di ginseng sono considerate un ottimo rimedio con proprietà rivitalizzanti e afrodisiache in grado di combattere la stanchezza, l’impotenza e l’invecchiamento.
Oggi i principi di questa pianta si trovano in tantissimi preparati, lo possiamo bere anche al bar mescolato con la caffeina e bevuto in una tazza grande con tanta schiuma. Si tratta del caffè al ginseng adatto sia a chi soffre di disturbi all’apparato digerente, sia a chi vuole ritrovare la carica senza ricorrere al solito caffè.

pulizie di primavera - no stress
Le proprietà

Ma quali sono le straordinarie proprietà del ginseng? Secondo alcuni studi esso agirebbe direttamente sul sistema nervoso centrale aumentando l’eccitazione dei neuroni e di conseguenza la reattività dell’intero organismo.
Inoltre è un potente tonico, ottimo per potenziare il sistema immunitario e la capacità di resistenza fisica e mentale di chi lo ingerisce. Ciò è dovuto al fatto che il ginseng agisce direttamente all’altezza dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene aiutando a liberare cortisolo, ossia l’ormone dello stress in grado di migliorare la risposta dell’organismo allo stress psicofisico.
Noti sin dall’antichità anche i suoi effetti afrodisiaci, legati alla sua capacità di accrescere il rilascio di ossido nitrico delle cellule endoteliali verso i corpi cavernosi del pene provocando un’erezione migliore.
Molti studi scientifici hanno dimostrato i benefici del consumo di ginseng perfino nel caso di soggetti affetti da diabete di tipo II.  Esso infatti possiede proprietà ipoglicemizzanti determinati dai panaxani e dai ginsenosidi. Inoltre permette di combattere fastidi come l’affaticamento, ma anche patologie più gravi come la pressione bassa e la gastriteIl ginseng infine è indicato per gli sportivi e le persone in convalescenza, perché aumenta la resistenza dell’organismo, migliora l’appetito e allevia la stanchezza.

Controindicazioni

I principi attivi del ginseng possono causare alcuni effetti collaterali. Un’assunzione eccessiva a esempio può provocare nausea, diarrea, ipertensione, orticaria, mal di testa e palpitazione. Non assumetelo se soffrite di stati di ansia e insonnia grave, pressione alta e ulcera duodenale. Infine interagisce con alcuni farmaci come gli opoglicemizzanti orali, l’insulina, gli psicofarmaci come il nardil e gli anticoagulanti come il cumadin. Nel dubbio rivolgetevi sempre al medico.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *