Sushi: piccola guida ai vari tipi di sushi

Tutti pazzi per la cucina giapponese. Ma sapete riconoscere (e magari preparare) i vari tipi di sushi? Dai futo maki al sashimi, dall'uramaki al nigiri, ecco la nostra guida

Sushi, sushi, sushi!
Sushi, sushi, sushi!
  • Sushi, sushi, sushi!
  • Hosomaki
  • Nigiri / photo credit: Think Draw from Dubai UAE
  • Gunkan
  • Futomaki
  • Uramaki
  • Sushi: futomaki, gunkan e nigiri
  • Temaki
  • Uramaki
  • Nigiri
  • Sashimi
  • Mix di sushi

Leggera, invitante, esotica e stuzzicante, la cucina giapponese ha ormai da tempo conquistato i palati occidentali. E ristoranti e take-away spopolano in ogni città con proposte – sempre apprezzatissime – per una cena tra amici o un romantico tête-à-tête. A cui non vogliamo arrivare impreparate: ecco una mini-guida per orientarci tra i tanti tipi di sushi e diventare delle vere esperte.

Sushi… e sushi

Si fa presto a dire sushi: un piatto di riso e altri ingredienti. Pesce (o gamberi) crudi, ma non solo: anche alternative vegane come cetrioli o avocado, altre più ricche come frittatine o carne. E poi? L’alga nori e ad accompagnare il sushi non possono mancare la salsa di soia, lo zenzero e la salsa wasabi. Tutto pronto? Non resta che scoprire i vari tipi di sushi.

Hosomaki

L’hosomaki è probabilmente il tipo di sushi più conosciuto, diffuso e apprezzato da noi. E, non a caso, il primo che ci viene in mente pensando al sushi: un rotolo di riso dalle dimensioni ridotte, con l’alga nori all’esterno e un pezzetto di pesce all’interno. Qualche sua variante? Cetriolo o avocado per vegetariani e vegani.

Futomaki

Il futomaki, per così dire, è la versione XL dell’hosomaki. Alga nori all’esterno, riso e ripieno solitamente più ricco del suo “fratellino” minore.

Uramaki

Nell’uramaki – di dimensioni un po’ più grandi –  invece, l’alga è all’interno, attorno alla farcitura fatta un paio di ripieni. All’esterno, riso e in ultimo semi di sesamo oppure tobiko: uova di pesce.

Gunkan

Più che un rotolo, il gunkan sushi è una polpetta di riso, con all’esterno solitamente l’alga nori (o, in alternativa, il pesce). La caratteristica di questo tipo di sushi? Il ripieno – il più diffuso sono le uova di pesce – sta sopra il riso ed è da questo che il gunkan prende il suo nome, barca in giapponese.

Temaki

Per mangiare un temaki, lasciate da parte i bastoncini. Questo tipo di sushi, con l’alga nori all’esterno, a forma di cono, e all’interno il riso, con la farcitura che sporge un poco, va mangiato con le mani. Del resto, è troppo grande e pesante per fare altrimenti.

Nigiri

Non rotolino e non cono: l’onigiri è una strisciolina ben pressata di riso – spesso con aggiunto un tocco di wasabi – e la guarnizione sopra, ben sottile e possibilmente legata al riso da un’altrettanto sottile striscia di alga nori.

Onigiri

Detto anche nigirimeshi oppure o-musubi, l’onigiri è una pallina di riso dalla forma ovale o trinagolare, solitamente avvolto in una foglia di alga nori. All’interno o sopra possiamo trovare solo un pizzico di sale, sgombro, salmone affumicato, tempura, frutta e verdura sottaceto, carne di maiale e, per i più chic, caviale.

Sashimi

Infine, un tipo di sushi molto buono ma che non piace a tutti i palati occidentali: niente riso e niente alga, nel sashimi le fettine di pesce – spesso, ma non necessariamente, crudo: talvolta viene impiegato pesce in salamoia oppure cotto – sono da gustare con un po’ di wasabi e zenzero, accompagnate dalla shiso, un’erba aromatica dal sapore sorprendente.


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *