Frittura di Paranza
Ricette

Frittura di paranza

Per chi pensa che una buona frittura di pesce si possa gustare solo al ristorante, ecco una ricetta che forse gli farà cambiare idea: la frittura di paranza.

La frittura di pranza è un secondo piatto di pesce gustosissimo e sfizioso come solo un fritto sa essere!

Tradizionalmente, con questo termine si intendeva la frittura di pesciolini di piccola taglia che, proprio per le loro dimensioni ridotte, faticavano ad essere venduti e rimanevano sulla paranza, ovvero su un particolare tipo di imbarcazione per la pesca a strascico. Si tratta quindi di un piatto nato per recuperare ciò che altrimenti sarebbe stato scartato.

Noi possiamo preparare la frittura di paranza scegliendo pesciolini piccoli come alici, merluzzetti, soglioline, triglie, ecc.

5 trucchi per una frittura perfetta

La ricetta di per sé è molto semplice: i pesciolini, una volta puliti, lavati e asciugati vanno passati nella farina e immersi in olio bollente per pochi minuti, fino a doratura. Ci sono però degli accorgimenti da non sottovalutare che ci permetteranno di ottenere una frittura (quasi) perfetta!

Farina: scegliete di preferenza la semola di grano duro o la farina di riso per gli intolleranti al glutine. Queste farine infatti, maggiormente rispetto alla farina 0 o 00, permettono di ottenere un fritto ben croccante. È importantissimo non eccedere con la farina, quindi munitevi di un setaccio!

Olio: essendo il pesce un alimento delicato, si consiglia di usare un olio di semi per la frittura, che non ne altera il sapore (se usate l’olio di oliva avrete un fritto dal sapore più deciso).

Temperatura: è fondamentale tenere costantemente monitorata la temperatura dell’olio così da permettere al pesce di cuocere in pochi minuti e rimanere leggero, senza impregnarsi di olio. La temperatura dovrebbe mantenersi tra i 170° e i 180°.

Sale: non salate il pesce prima di friggerlo, ma solo a cottura ultimata altrimenti si creerà più umidità che andrà a rendere il fritto meno croccante.

Consumo: immediato! La frittura di paranza va mangiata subito, croccantissima e caldissima.

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 5 minuti

Ingredienti

  • 1 chilogrammo pesce misto di paranza dipiccola taglia
  • semola di grano duro
  • olio di semi di girasole
  • sale

Preparazione

  1. Pulite il pesce, sciacquatelo sotto acqua fredda e tamponatelo bene su carta assorbente.
  2. Mettete in un sacchetto per alimenti qualche cucchiaio di semola e inseritevi poco pesce per volta.
    Scuotete il sacchetto delicatamente in modo che il pesce risulti ben infarinato.
    Trasferite il pesce su un setaccio e scuotetelo in modo da eliminare l’eccesso di farina.
    Ripetete la stessa operazione con tutti i pesciolini.
  3. Portate abbondante olio di semi di girasole alla temperatura di 170°-180° (controllate la temperatura con un termometro da cucina) e immergetevi poco pesce alla volta.
  4. Fate cuocere per 3-4 minuti in relazione alla grandezza del pesce, scolate con una schiumarola e passate su carta assorbente.
  5. Salate la frittura e servite condendo a piacere con qualche goccia di limone.
    Potete accompagnare, per esempio, con una maionese o con verdure.


Cous cous alla trapanese
Ricette Piatti Unici

Cous cous alla trapanese

Pancake con lo yogurt
Ricette Dolci e Dessert

Pancake con lo yogurt

Profiteroles al cioccolato
Ricette Dolci e Dessert

Profiteroles al cioccolato

Agnello con carciofi
Ricette Secondi Piatti

Agnello con carciofi

Colomba di Pasqua al pistacchio
Ricette Dolci e Dessert

Colomba di Pasqua al pistacchio

Colomba di Pasqua senza burro
Ricette Dolci e Dessert

Colomba di Pasqua senza burro

Salsa Worchestershire ricetta e come usarla
Consigli di cucina

Salsa Worchestershire ricetta e come usarla

Pesce in umido in bianco
Ricette Secondi Piatti

Pesce in umido in bianco

Coccoli prosciutto e stracchino
Ricette Primi Piatti

Coccoli prosciutto e stracchino

I coccoli sono delle frittelle salate tipiche della tradizione culinaria toscana. Solitamente si servono con prosciutto e stracchino.

Leggi di più