Matrimonio con rito civile: come organizzarlo

Con un rito meno formale, il matrimonio civile è sempre più diffuso anche tra i giovani. Ecco consigli su come prepararlo, tra documenti e idee per la cerimonia

Decorazione per cerimonia civile.
Romantica cerimionia civile. Un allestimento curato renderà l'atmosfera magica.

Un tempo vi si ricorreva soltanto nel caso di seconde nozze, ma oggi sposarsi con rito civile è un’opzione molto frequente anche fra le giovani coppie, che ne apprezzano la minore formalità e – cosa non trascurabile – i costi più contenuti.
 Certo, per molti permane l’idea che i matrimoni civili manchino dell’atmosfera e del calore di quelli celebrati in chiesa, ma con qualche accorgimento e tocco di stile si può tranquillamente ovviare a questo rischio. Senza dimenticare che per l’occasione molti comuni mettono a disposizione anche sale da ricevimento di suggestive ville, palazzi storici e persino giardini: cornici perfette per un nozze civili eleganti e memorabili.

Tempistiche e procedure

Come procedere per sposarsi in comune? I futuri sposi devono presentarsi all‘Ufficio Matrimoni con i propri documenti d’identità (certificati anagrafici e di stato civile), in originale e in fotocopia. La pratica può essere presentata anche solamente da uno dei due fidanzati, con delega firmata dallo sposo assente e copia del documento di identità del delegante. La richiesta di pubblicazione costa 16 euro (prezzo della marca da bollo da apporre sui documenti), cifra che raddoppia se gli sposi risiedono in due comuni diversi. Dopodiché, gli incaricati comunali procedono con l’elaborazione della documentazione necessaria per la pubblicazione di matrimonio, la quale prevede otto giorni di affissione, fisicamente presso il comune oppure online. Trascorsi tre giorni dall’esposizione, il comune rilascia il certificato di avvenuta pubblicazione, documento necessario per fissare la data del matrimonio. Tale certificato ha una validità di 180 giorni: le nozze dovranno essere celebrate entro questo termine, pena la decadenza di validità dei documenti.

Stile e buon gusto

Sbrigative e impersonali: è ciò che molti pensano delle nozze civili. In realtà, queste possono risultare altrettanto eleganti e magiche della cerimonia religiosa. In che modo? Per esempio, ricorrendo ad addobbi floreali in sintonia con il contesto, capaci di infondere colore e calore e di ingentilire l’ambiente. Non fermatevi ai soliti colori pastello, ma pensate anche a qualche tonalità più vivace (ovviamente in linea con il mood delle vostre nozze). Basteranno poche composizioni ma ben fatte e ben dislocate per fare la differenza. Anche l’accompagnamento musicale potrà fare molto, considerando il fatto che avrete maggiore libertà di scelta rispetto ai classici pezzi ammessi nel rito religioso. Dunque, selezionate con cura i brani che faranno da sottofondo ai diversi momenti del rito, dall’ingresso della sposa allo scambio delle fedi, prediligendo note romantiche e lievi che possano riscaldare l’atmosfera della sala comunale. La cerimonia si basa perlopiù sulla lettura degli articoli del codice civile? Potete considerare l’idea di far leggere ai vostri testimoni dei pensieri, così da rendere la celebrazione, seppur breve, ancora più emozionante.

Abito e look

Inutile dire che la scelta è di gran lunga più ampia rispetto a quanto è concesso in chiesa. Se avete sempre sognato il classico abito da sposa, magari con un lungo strascico, total white, romantico e dalla gonna ampia e lunga, non dovete rinunciarvi. La vostra scelta potrà ricadere anche su un abito sontuoso e principesco, a patto che le nozze siano all’aperto con una coreografia floreale d’eccezione. Il look migliore? Un grazioso abito corto, dall’impronta rétro. Quanto ai colori, potrete andare ben oltre i classici avorio, acquamarina e tonalità pastello. Al posto del velo meglio un bel fascinator, un originale fermaglio-gioiello o un cappellino intonato al vestito. Infine, il bouquet: anche in questo caso, saranno perfette le sfumature intense, in sintonia con l’abito. E per un tocco ancora più sbarazzino e originale, valutate l’idea di un bouquet che al posto dei classici fiori freschi abbia, per esempio, fiori di carta, pietre preziose, bottoni, farfalle… insomma, via libera con la fantasia!


Vedi altri articoli su: Ricevimento matrimonio |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *