quinoa rossa

Quinoa rossa: cos’è, come si cucina e quali sono le proprietà

Un ingrediente senza glutine ricco di proteine e fibre, adatto anche per chi è a dieta. Provatelo in tanti modi diversi

Alzi la mano chi non conosce la quinoa rossa! È una pianta erbacea, della stessa famiglia degli spinaci, originaria del Sud America, ormai diffusa anche in Italia. Si tratta di un alimento nutriente, ma allo stesso tempo leggero, utilizzabile anche da chi segue una dieta ipocalorica. Conosciamola più da vicino, imparando quali sono i suoi valori nutrizionali, le differenze con la varietà bianca, le modalità di cottura e qualche gustosa ricetta.

Valori nutrizionali

Per quanto riguarda le caratteristiche nutrizionali, 100 g di Chenopodium quinoa (il suo nome tra gli esperti) contengono circa 64g di carboidrati, di cui 52g di amido. Per questo viene erroneamente considerata un cereale alternativo, ma in realtà è un pseudo-cereale, non appartenendo alla famiglia delle graminacee. É molto adatta ai chi soffre di celiachia, per l’assenza di glutine. Inoltre, è ricca di proteine (ben 14g) e di lisina, un aminoacido essenziale per la nostra alimentazione. Contiene circa 6g di grassi, soprattutto polinsaturi e 7g di fibra, fondamentale per il buon funzionamento intestinale. Infine, fornisce minerali importanti come fosforo, potassio, magnesio, ferro e zinco. L’apporto calorico è di 368 kcal ogni 100 g.

Differenza tra quinoa bianca e quinoa rossa

Tra le numerose varietà, le due più conosciute sono la rossa e la bianca. Differiscono principalmente per i tempi di cottura e per l’utilizzo in cucina. La quinoa rossa cuoce in circa 40 minuti e ottima per le insalate e in abbinamento ad altre preparazioni, rispetto alla bianca che richiede circa 20 minuti di cottura ed è più indicata per le zuppe. Anche i profumi e le consistenze sono diverse: profumo più delicato per la varietà bianca; consistenza più croccante per quella rossa.

insalata quinoa
Cottura

Vediamo ora come preparare la quinoa rossa. Come primo passaggio, sciacquarla bene in acqua fredda per eliminare gli eventuali residui di saponine, sostanze caratteristiche di questa pianta, in grado di conferire un sapore amaro. Poi far bollire l’acqua in quantità doppia rispetto al peso della quinoa e lessarla fino a completa cottura (circa 40 minuti). Infine far riposare per 5 minuti.

Ricette

E ora due gustose ricette. Provate l’insalata aromatica tricolor, a base di quinoa rossa, piselli, finocchi a julienne, cipollotti, arancia a spicchi, basilico fresco e olio extravergine di oliva. Ottime anche le zucchine gratin con ripieno di quinoa, da preparare scavando le zucchine, sbollentandole per 3 minuti e concludendo la cottura in forno, dopo averle riempite con la quinoa cotta, la polpa scavata, una mozzarella light e una spolverata di pangrattato. E avete mai provato le polpettine di quinoa e zucchine, le polpette di quinoa e ceci o la quinoa con pollo e verdure?



Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso