Intossicazione da cozze, quando viene e come evitarla?

Intossicazione da cozze, quando viene e come evitarla

L’intossicazione alimentare da cozze è un disturbo frequente fra i consumatori di questi molluschi. Scopriamo di più.

Tutti gli amanti del buon pesce difficilmente riescono a resistere a un piatto di cozze.

Sì, perché questi molluschi possono essere cucinati in mille modi differenti, gratinati in forno, con la pasta oppure in guazzetto ed essere sempre super buoni.

Ovviamente, come molte altre tipologie di pesce anche con le cozze bisogna prestare massima attenzione, poiché consumando accidentalmente un prodotto non fresco si può incorrere in un’intossicazione alimentare.

Quando avviene l’intossicazione da cozze

L’intossicazione da cozze si verifica, ovviamente, solo dopo aver consumato cozze non fresche oppure crude.

La contaminazione avviene perché si tratta di organismi filtratori, ossia assorbono tutto ciò che c’è nel mare; quindi, se non sono pulite in modo corretto e, soprattutto, se mangiate crude possono provocare seri problemi a livello gastrointestinale.

La contaminazione batterica fortunatamente si risolve in alcuni giorni, ma porta diversi disturbi davvero poco piacevoli, come nausea, vomito, dissenteria e dolorosi crampi addominali.

Se doveste incappare in questa tipologia di intossicazione vi consigliamo di consultare immediatamente il vostro medico di base e, nei casi più estremi, recarsi al pronto soccorso più vicino.

Ma non è tutto, perché il consumo di pesce crudo può portare epatite A e salmonellosi che può sfociare anche in una febbre alta.

Come evitare l’intossicazione da cozze

Per evitare la contaminazione batterica da cozze è bene consumare solo ed esclusivamente pesce fresco, ben pulito e risciacquato più volte e, soprattutto, cotto.

Per gli amanti del pesce crudo è importante fare estrema attenzione alla provenienza del pesce e recarsi solo presso ristoranti conosciuti per l’alta qualità.

Inoltre, è fondamentale che tutto il pesce crudo che si consuma sia stato precedentemente sottoposto a un processo di abbattimento secondo le normative vigenti in materia.

Un’altra cosa importante da sottolineare è che se si consuma del pesce crudo l’aggiunta del succo di limone non vi proteggerà da eventuali intossicazioni, in quanto questo agrume non ha alcun potere di cottura del cibo.



cibi che fanno bene al cervello e alla memoria
Vivere bene

10 cibi che fanno bene al cervello e alla memoria

Come sgonfiare la pancia
Vivere bene

Come sgonfiare la pancia: dieta, esercizi e metodi naturali

Addominali obliqui
Vivere bene

Addominali obliqui: esercizi da fare da terra

Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli