Intossicazione alimentare: sintomi e rimedi

L'intossicazione alimentare si verifica quando mangiamo del cibo contaminato da tossine. Scopriamo i sintomi e le cure di questo problema e come prevenirlo.

intossicazione alimentare

L’intossicazione alimentare si verifica quando mangiamo del cibo contaminato da tossine. Di solito si tratta di batteri comuni, come l’Escherichia Coli o lo Stafilococco.

Le cause

La causa è solitamente una conservazione inadeguata degli alimenti che vengono lasciati troppo a lungo fuori dal frigo o vengono preparati senza rispettare le norme igieniche. Parliamo ad esempio di carne poco cotta, alimenti a base di maionese mal conservati e prodotti caseari. Spesso l’intossicazione alimentare si verifica quando si mangia in un luogo pubblico, come ristoranti, mense o durante i pasti all’aperto. La forma più grave di intossicazione alimentare è il botulismo che deriva dai cibi inscatolati e può rivelarsi fatale.

Quali sono i sintomi di un’intossicazione alimentare?

Solitamente dopo aver mangiato del cibo contaminato dopo un’ora si accusano vomito, diarrea e nausea. Dopo qualche giorno invece si possono verificare anche dei sintomi cutanei come eritemi o bolle. I sintomi possono aiutare a capire anche di quale tipo di intossicazione si tratta. Se compaiono 12-48 ore dopo aver mangiato gli alimenti, soprattutto i prodotti ittici, si tratta di un’intossicazione di tipo virale. Quando a diarrea e vomito si aggiungono vertigini, sudorazione e lacrimazione, 30 minuti dopo i pasti, si tratta di un’intossicazione di tipo chimico. Una paralisi muscolare, vomito e la perdita parziale della vista o della parola, possono essere sintomi di botulismo.

Rimedi immediati ed efficaci

Quando si viene colpiti da un’intossicazione alimentare è fondamentale mantenere il corpo idratato e tentare di tenre a bada i sintomi più fastidiosi come diarrea e vomito. L’intossicazione alimentare infatti, soprattutto nei casi più lievi, di solito guarisce spontaneamente nel giro di qualche giorno. Durante questo periodo è necessario evitare cibi e prodotti caseari, è inoltre importante integrare i liquidi persi bevendo molto, non solo acqua, ma anche tè e succhi, evitando invece le bevande con caffeina e il latte.

Generalmente il medico non prescrive nemmeno gli antibiotici perché potrebbero peggiorare la diarrea, ma quando si verifica un’intossicazione alimentare da frutti di mare e funghi è necessario ricorrere all’intervento di un medico, per rimuovere le tossine e svuotare lo stomaco. Infine se il cibo contaminato proviene da un negozio oppure da un ristorante è indispensabile fare una denuncia, per evitare che altre persone possano riscontrare lo stesso problema.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *