Letti di notte, la notte bianca dei libri

La notte del 20 giugno in tutta Italia si svolge una festa della lettura diffusa e simultanea tra librerie e biblioteche, oltre a musei e spazi pubblici, aperti oltre il consueto orario con più di quattrocento appuntamenti creativi

letti di notte

La notte del 20 giugno non è una notte qualunque. Sarà una notte magica per tutti coloro che amano i libri e la lettura. In occasione del solstizio d’estate in tutta Italia si svolge infatti Letti di notte, festa della lettura diffusa e simultanea.
Nata nel 2012 da un’idea dei fondatori della casa editrice Marcos y Marcos e di una libreria indipendente Letti di notte è diventata una grande notte a cui partecipa tutto il mondo del libro e da quest’anno anche alcuni comuni e ben 10 festival culturali.

Una grande festa della lettura animata da cinquanta editori, più di duecento tra librerie e biblioteche, aperti oltre il consueto orario per accompagnare questo inizio d’estate con più di quattrocento appuntamenti creativi, chiamati dagli organizzatori di Letteratura rinnovabile  “lampadine”, pronte ad accendere la notte in tante parti dello stivale.
Si parte dalle oramai conosciute Letture bendate con tanto di mascherine per godere del puro ascolto dei brani: un viaggio alla scoperta di un’opera, senza distrazioni. Si lascia il mondo alle spalle: la vista riposa, rimane la voce del lettore, dal vivo o registrata, e un solo senso per alimentare l’immaginazione: l’udito. Si passa per Librai per una notte in compagnia di sindaci, autori e volti noti che si aggireranno tra gli scaffali, e Letti di note che raccoglie incontri di musica e letteratura. La parola scritta sfuma nello spartito e le melodie si intrecciano alle trame dei romanzi e ai versi poetici. La commistione di musica e letteratura, espressioni artistiche diverse e complementari, non può che generare una serie di interessanti combinazioni.

Si arriva poi all’apparizione per il primo anno di Folletti di notte dedicato ai più piccoli: ci sono notti speciali in cui compaiono boschi pieni di folletti nei luoghi più impensati, come le librerie e le biblioteche. In alcune librerie si trovano i foglietti dei folletti sui quali i più piccini possono raccontare il loro folletto. Ma anche Notte diVersi, momenti inediti e particolari per vivere la poesia in modo unico e Giallo di notte: letture del mistero, incontri noir, giochi letterari, e un’occasione irripetibile con Ammazza un amico, l’unico concorso che permette di far fuori chiunque (in senso letterario, s’intende). Nella notte dei libri si leggono pagine da brivido di Prendimi, il nuovo romanzo della maestra del thriller Lisa Gardner. Al termine i lettori potranno candidare le loro vittime, scrivendo il nome in un’apposita cartolina e accompagnandolo con un valido movente. La motivazione più convincente concorrerà per l’immortalità. L’autrice sceglierà tra i vincitori di ogni libreria il nome della vittima del suo prossimo romanzo, tradotto in Italia nel 2016.

Tanti i giochi intorno alle parole tutti da scoprire in libreria, dal Trivial Pursuit letterario, al Testastorie degustazione al buio di brani e vini illustri, al Birra-pong una vera e propria istigazione all’ubriacatura di parole. Come detto gli appuntamenti si svilupperanno per tutta Italia: per scoprirli è sufficiente andare sul sito dell’iniziativa.


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura | Eventi |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *