Le migliori LGBTQ+ dating app

Le migliori LGBTQ+ dating app

Lgbtq, cosa significa? Sai che ci sono molte app di incontri decicate a ogni genere sessuale? Vediamo un po' insieme prima di entrare nel mondo social

-
14/07/2021

LGBTQ, quante volte abbiamo letto o sentito questo acronimo? Sappiamo cosa significa?

La sigla LGBTQ può essere usata per riferirsi a chiunque sia non-eterosessuale, invece che esclusivamente a persone lesbiche, gay, bisessuali o trans gender.

Un po’ di storia

La sigla LGBTQ nata negli anni ’90 è stata registrata ufficialmente nel 1996 per sostituire il termine “comunità gay”, ritenuto troppo generico per rappresentare una comunità ben più vasta e diversificata.

L’acronimo ha infatti il fine di indicare le molteplici diversità sessuali esistenti senza discriminare alcun genere ma cercando di soddisfare il desiderio di identificazione personale di tutti

Vediamo nel dettaglio cosa significa ciascuna iniziale

Lesbiche: omosessualità femminile, attrazione fisica e mentale tra due donne;
Gay: omosessualità maschile, attrazione fisica e mentale tra due uomini;
Bisessuali: attrazione fisica e mentale per entrambi sessi, sia maschile che femminile;
Transgender: termine che indica le persone che non si riconoscono con il proprio sesso;
Queer: una persona Queer è “senza etichette”, ovvero non desidera essere sessualmente identificata, etichettate.

Nel corso del tempo si sono unite anche altre iniziali come I – A – P – K, ovvero:

Intersessuali: termine che indica le persone nate con caratteri sia maschili che femminili a livello fisico e cromosomico;
Asessuali, chi non prova attrazione sessuale o desiderio per il sesso.
Pansessuali: persone che desiderano avere rapporti sessuali senza badare al genere o all’orientamento sessuale;
Kink: sono amanti di pratiche sessuali non convenzionali.

L’acronimo completo è quindi LGBTQIAPK: Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgendere, Queer, Intersex, Asessuali, Pansessuali, Kink.

Le app di incontri

Ovviamente nel tempo sono nate anche tante app e siti d’incontro per la comunità LGBTQ e, piano piano, hanno preso piede e si sono sempre più sviluppate nel mondo social. Come per gli eterosessuali, anche per gli omosessuali il mondo delle app è pieno zeppo di siti d’incontro che regalano la possibilità di incontrarsi seguendo un semplice algoritmo. Vediamo quali sono le migliori app del momento.


Leggi anche: Quando è nato il Gay Pride

Grindr

Grindr è un social network che riunisce uomini gay e bisessuali che vogliono incontrare altri uomini vicini a loro in modo completamente discreto e anonimo, senza dover fornire alcuna informazione personale o dover compilare un profilo con informazioni riservate per registrarsi . Questa app utilizza la posizione esatta di ogni utente, il che rende più facile per le persone trovare altri vicini a loro. A colpo d’occhio puoi vedere quali utenti sono più vicini e quali sono online in quel preciso momento. Puoi filtrare i profili disponibili in base a determinati valori che ti aiutano a trovare i ragazzi più vicini ai tuoi gusti e preferenze specifici. Quindi, puoi impostarlo per parlare solo con persone che hanno una certa età, hanno determinati sguardi o sono alla ricerca di un certo tipo di relazione.

Tinder

Tinder è un’app di appuntamenti progettata per aiutarti a trovare persone attraenti nelle vicinanze con cui condividere interessi comuni. Parla con loro direttamente dall’app stessa e sei sulla buona strada per uscire al tuo primo appuntamento su Tinder. Tinder ti mostra altri utenti in un formato molto semplice. In effetti, la semplicità del suo marchio di fabbrica è ciò che l’ha resa ancorata all’Olimpo di tutte le altre app di appuntamenti, se vuoi. Dopo aver effettuato l’accesso, vedrai una foto di un altro utente. Se lui o lei è di tuo gradimento, tocca semplicemente la loro foto per ottenere altre foto e alcune informazioni di base. Quindi, scorri verso destra se ti è piaciuto, altrimenti scorri verso sinistra se non ti è piaciuto. Con questi due semplici gesti – scorri verso sinistra e verso destra – la gestione del tuo account Tinder è una sincronizzazione. Ora puoi filtrare chiunque non sia immediatamente attratto o entrare in contatto con persone che potrebbero piacerti in un secondo momento.


Potrebbe interessarti: La tecnologia che fa battere il cuore: quali sono le app per trovare l’amore?

Collottola

Scruff è un’app di appuntamenti che puoi utilizzare per fare rete con ragazzi che si trovano nelle vicinanze o addirittura in tutto il mondo. Con oltre 12 milioni di utenti alla ricerca di potenziali appuntamenti su questo social network, avrai accesso aperto a buona parte del pool di incontri di uomini gay, bisessuali, trans e queer. Dopo aver creato inizialmente il tuo profilo, sarai pronto per incontrare tantissime persone di comunità diverse. Per ricevere appuntamenti dovrai scegliere se preferisci contattarli direttamente o aspettare di vedere se rispondono ai tuoi messaggi.

Azzurrato

Blued è un’app pensata appositamente per la comunità gay che ti consente di incontrare persone vicino a te e stabilire una conversazione con milioni di persone a seconda dei tuoi interessi e preferenze. Se ti piacerebbe scoprire nuovi amici intorno a te, questo strumento ti darà accesso a più di 30 milioni di profili in tutto il mondo. Una delle maggiori caratteristiche di Blued è che non ha una limitazione di posizione, come la maggior parte delle altre app simili, quindi puoi stabilire una conversazione con chiunque sia in qualsiasi parte del pianeta. Non ci sono confini virtuali.

Jack’d

Jack’d è un’app diversa e autentica per ragazzi gay, bi e curiosi per connettersi, chattare, condividere e incontrare. Che tu stia cercando di chattare, fare amicizia, iniziare una relazione o mantenerlo informale, con più foto pubbliche e private, una griglia mondiale e abbinamenti infiniti, lo troverai su Jack’d.  Jack’d crede che tutti dovrebbero essere orgogliosi di chi sono e da dove vengono; e quella tecnologia va oltre quando avvicina le persone. Abbiamo tutti diversi tipi di corpo, opinioni e preferenze, e su Jack’d – queste differenze ci rendono più forti.

Wapa

Wapa si definisce come “l’app di incontri più diffusa al mondo per donne (lesbiche, bisessuali o curiose) che cercano altre donne“. Si tratta di un’applicazione gratuita, di facile utilizzo, sicura, grazie a un sistema di moderazione che garantisce la veridicità dei profili creati, e divertente. Non è necessaria la mail per registrarsi.

Her

Un’applicazione molto gettonata fra lesbiche, panessuali, bisessuali e genderqueer. Si tratta di una via di mezzo fra un social network e un sito di online dating. Per utilizzare l’app basta effettuare l’accesso utilizzando il proprio profilo Facebook. In questo modo diminuisce la possibilità di chattare con persone che lo utilizzano sotto mentite spoglie, tipo uomini che si fingono donne per provare a farsi mandare qualche foto piccante. Le utilizzatrici hanno accesso a un numero illimitato di messaggi e possono caricare tutte le foto che desiderano!

Silvestra Sorbera
  • Scrittore e Blogger