Quadri moderni: per una galleria da professionista

Qualche suggerimento per arredare la casa con qualche quadro.

Arredare casa con quadri moderni
Arredare casa con quadri moderni.

Per molte persone i quadri rappresentano un elemento di prestigio e di arricchimento indispensabile per la bellezza della propria casa, oltre che di prestigio. Sono, quindi, ben più di un semplice elemento di arredo, perché contribuiscono a creare una particolare atmosfera nell’abitazione, la quale rifletterà indubbiamente la personalità del proprietario.

Ma quale quadro vale la pena scegliere per creare una sorta di galleria personalizzata, quasi al pari di un professionista?

Solitamente i quadri astratti sono quelli che meglio si adattano alle varie esigenze, anche la più estrosa. Ovviamente devono piacere, perché richiedono uno sforzo interpretativo.

Un quadro dipinto a mano può rendere lo spazio più accogliente
Un quadro dipinto a mano può rendere lo spazio più accogliente.
I quadri moderni possono essere dipinti a mano o stampe su tela, avendo come oggetto l’arte e la cultura di strada e del mondo. Spesso questi quadri rappresentano animali, fiori, paesaggi, metropoli, arte primitiva.

I quadri dipinti a mano possono essere su tela, su pannelli di alluminio o di legno. La tipologia di materiale va scelta in funzione del tipo di arredo della stanza, così come le dimensioni.

Un quadro di grandi dimensioni va scelto quando lo si vuole rendere protagonista di stanze ampie o di open space. Si opta, invece, per un piccolo quadro, per conferire un tocco di ricercatezza agli ambienti meno spaziosi.

Secondo gli esperti del settore i quadri moderni sono in grado di creare subito atmosfera nel luogo ove sono collocate, perché sono un connubio di discrezione e linee pulite, armoniose e all’avanguardia. Possono essere di materiali decorativi diversi: legno e pannelli lignei, ottimi per i mobili in legno; vetro e materiale plastico, che ben si adattano agli arredi con finitura satinata, lucida o con dettagli cromati; ferro e metallo, per le case orientate sui toni del grigio, del nero o del black&white.

È importante anche la scelta della cornice: è meglio evitare cornici in oro e in argento, soprattutto se il proprio arredamento è molto moderno. Una cornice sbagliata, quindi, può sminuire la bellezza del quadro e l’effetto che si vuole ottenere, vanificando gli sforzi di creare la propria galleria d’arte. Per coordinare la cornice al quadro, bisogna porre l’attenzione sul soggetto scelto: classica in caso di stampe o tele classiche; semplice e lineare per le immagini o foto moderne. Per le tele etniche e moderne non bisogna usare la cornice.

Scegliere con attenzione il tema e i colori del quadro
Scegliere con attenzione il tema e i colori del quadro.
Come già suggerito uno degli elementi chiave per scegliere i quadri è la tipologia di stanza in cui sarà esposto. Per l’ingresso e il corridoio optare per quadri piccoli, a meno che l’ingresso sia piuttosto importante, in questo caso si sceglie un quadro d’impatto, anche di grandi dimensioni. Per il soggiorno, è consigliabile scegliere due quadri importanti, coordinati con l’arredamento e con i colori dell’ambiente. Per la cucina è meglio scegliere delle piccole stampe o dei quadretti con immagini a tema, di facile pulizia.

Non dimentichiamoci degli abbinamenti cromatici: i veterani del settore giocano spesso sugli abbinamenti dei colori o sui contrasti cromatici, ma bisogna avere un po’ di dimestichezza, per non sforare con lo stile della stanza. Ma dove dobbiamo disporre i quadri per ottenere l’effetto voluto? I quadri di grandi dimensioni vanno appesi più in alto rispetto a quelli più piccoli. Se si vuole far risaltare un quadro, va appeso senza altre immagini attorno, al centro della parete. Solitamente i designer consigliano alcune precise disposizioni per appendere i quadri.

· A croce: i quadri più larghi vengono posizionati nella parte superiore, quelli più lunghi nella parte inferiore.

· Centripeta: un quadro di maggiori dimensioni al centro, con attorno tanti quadri più piccoli.

· A quadrato: quadri delle stesse dimensioni e con lo stesso tema sistemati in modo equidistante tra loro.

· A linea: la composizione si snoda su un bordo (come lo stipite di una porta) e i quadri vengono appesi lungo questo limite.

Insomma, ne avrete da fare per creare la vostra galleria d’arte!


Vedi altri articoli su: Arredamento | Consigli per la casa | Décor e Fai da te |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *