Foscarini sponsor per la Biennale di Venezia

Dal 1 Giugno al 24 Novembre la prestigiosa Azienda d'illuminazione Veneziana fornirà la scenografia alla Manifestazione Internazionale d'Arte contemporanea e alle nuove tendenze artistiche

Lampade da terra Avana
Lampade da terra Avana
  • Lampade da terra Avana
  • Sospensioni Allegro Biennale
  • Foscarini Poligreg
  • Sospensione Allegro
  • Avana e New Buds
  • Sospensione Plass
  • Lampade Avana alla Biennale
  • Lampade da terra Avana
Anche quest’anno Foscarini sarà protagonista indiscusso della 55ma edizione della Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, una delle istituzioni culturali più prestigiose al mondo che fin dalle sue origini (1895) è all’avanguardia nella promozione delle nuove tendenze artistiche, e organizza manifestazioni internazionali nelle arti contemporanee  secondo un modello pluri disciplinare che ne caratterizza l’unicità. La mostra aprirà i battenti il 1° giugno e li chiuderà il 24 Novembre e avrà come titolo “Il Palazzo Enciclopedico”,  un museo immaginario che avrebbe dovuto ospitare tutto il sapere dell’umanità, raccogliendo le più grandi scoperte del genere umano, dalla ruota al satellite, e del quale  l’artista auto-didatta italo-americano Marino Auriti il 16 novembre 1955 depositava presso l’ufficio brevetti statunitense i progetti.

La contemporaneità sposa i luoghi storici di Venezia

Foscarini Biennale2
Sospensioni Allegro Biennale

Ancora una volta Foscarini, azienda nata nel 1981 sull’isola di Murano, sarà sponsor ufficiale della manifestazione,  è infatti dal 2008 per il sesto anno consecutivo che l’azienda, leader nel settore della illuminazione di design, con le sue lampade dalle linee ricercate frutto del continuo lavoro di ricerca e delle idee dei migliori designers internazionali, fa coppia con gli incantevoli e suggestivi  luoghi storici della Biennale, dall’Arsenale ai Giardini svelando al pubblico scenografie in grado di evocare emozionanti sensazioni anche in spazi di imponente dimensioni. Sistemi di luce, lampade, sospensioni dalle forme innovative saranno disseminate per i luoghi della Biennale avvicinando questi alla contemporaneità e dialogando con un pubblico eterogeneo attraverso il linguaggio della creatività e della innovazione. Non solo patrocinio, ma anche  scenografia, saranno infatti proprio le lampade dalle multi sfaccettate sembianze, le protagoniste dell’allestimento, dell’esposizione e accompagneranno il visitatore nel percorso attraverso la scoperta dei tesori dell’arte contemporanea.

In mostra le foto dei modelli storici della collezione Foscarini

In occasione della 55ma edizione della Esposizione Internazionale d’Arte Foscarini ha allestito, all’interno del secondo piano del bookshop dell’Arsenale, l’area Relax con una inedita mostra fotografica nella quale verranno esposte dodici grandi tele che riproducono immagini dei modelli storici della collezione, commissionate da Foscarini, a grandi fotografi di fama internazionale per la sua rivista-libro “ INVENTARIO – tutto è progetto”. I fotografi Massimo Gardone, Max Rommel, Moreno Gentili, Lena Amuat, Emmanuel Mathez, Gionata Xerra, hanno creato e allestito dei set, ognuno dei quali dedicato ad una delle creazioni della storica azienda Veneziana, rendendo le lampade, sotto una “luce” diversa, protagoniste di un modo di comunicare ed emozionare nuovo e simbolico.

Un anno ricco di avvenimenti

E’ questo un anno ricco di avvenimenti per l’Azienda che ne segneranno la storia già ampiamente ricca di significativi eventi e proficue collaborazioni. A trent’anni, infatti, dalla prima collezione di lampade, nel confermare il legame con la creatività, con l’innovazione e con il desiderio di aprire ai giovani creativi le porte dell’arte, Foscarini ha inaugurato il 18 Maggio scorso a New York Foscarini Spazio Soho nel cuore di una delle città simbolo del design contemporaneo –  in occasione della New York Design Week. Questa apertura segue di poco quella di Foscarini Spazio Brera appena inaugurato a Milano ed entrambe  non saranno semplici showroom, bensì spazi dove raccontare storie, trasmettere emozioni e stimolare la creatività. Essi ospiteranno infatti perennemente installazioni site-specific firmate da artisti ed esponenti della creatività internazionale come è il caso di Stefano Arienti e Attilio Stocchi che con le loro creazioni hanno già celebrato la nascita di questo nuovo modo di concepire l’arte e lo showroom.


Vedi altri articoli su: Arredamento |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *