Come scegliere il forno

Scegliere un forno è sempre un'impresa difficile. Ventilato? Elettrico? quali sono le differenze? Tutti i consigli per scegliere il forno più adatto alla vostra cucina

come scegliere il forno

Per chi si trasferisce in una nuova casa trovare i mobili e gli elettrodomestici giusti può risultare un compito impegnativo da affrontare.
Scegliere un frigo non è difficile, basta sapere quanto cibo vogliamo che contenga e quanto consumi… la stessa cosa però non si può dire per gli altri elettrodomestici da cucina che sono super accessoriati in base al tipo di pietanze che andranno a cucinare.

La scelta di un forno, per chi non si intende di elettrodomestici ed è abituato a cucinare poco, può risultare ardua perché non si conoscono le caratteristiche principali, le differenze fra i vari tipi presenti in commercio, e perché non si pensa mai all’uso che ne faremo.

Per questo prima di procedere nell’acquisto sarebbe importante domandarsi quanto segue:

  • Quanto spesso utilizzerò il forno?
  • Mi servirà soltanto per riscaldare e scongelare?
  • Quante persone dovranno sfamare le pietanze sfornate?
  • Preparerò molti dolci e panificati?
  • Quanto spazio ho in cucina per utilizzarlo comodamente?

Se riuscirete a rispondere a queste domande, non sarà più un problema recarvi al centro commerciale. Anche fra mille elettrodomestici, troverete quello più adatto alla vostra casa e alle vostre abitudini culinarie.

E’ ovvio che per una persona anziana che vive da sola sarà sufficiente un fornetto scaldavivande per ravvivare la brioche per la colazione o pietanze già cucinate in precedenza; mentre per i single andrà benissimo un forno di piccole dimensioni. Alcuni hanno le stesse caratteristiche di quelli grandi e possono essere utilizzati con un normale forno elettrico. E’ un po’ difficile trovare teglie che abbiano le giuste dimensioni, ma permettono di preparare sia dolci, che arrosti o pizze dall’ottimo sapore.

Una giovane coppia in una cucina moderna ancora da accessoriare, potrà optare per un forno a colonna o in unico pezzo con il piano cottura. Quelli a colonna sono molto comodi in quanto essendo posizionati ad altezza fornelli ne rendono più facile l’utilizzo.
Se la cucina è sprovvista del forno potremmo ricorrere a un forno elettrico da appoggiare su banconi o ripiani. I forni elettrici generalmente hanno le seguenti funzioni base:

  • Timer con autospegnimento
  • Manopola per la temperatura
  • Cottura grill
  • Cottura statica
  • Cottura ventilata

Differenze fra le funzioni forno statico e forno ventilato

Il forno elettrico può essere statico o ventilato. Mentre il forno statico emana calore soltanto attraverso due resistenze (una posta nella parte inferiore, l’altra in quella superiore) il forno ventilato, oltre alle due resistenze del forno statico, utilizza una ventola che distribuisce il calore rendendo la temperatura omogenea in ogni punto del forno.

Nel forno ventilato la cottura è più veloce ma i cibi rischiano di disidratarsi eccessivamente. La particolarità è quella di donare croccantezza fuori e morbidezza al ripieno, si consiglia di cucinare nel forno ventilato lasagne, biscotti, patatecartocci di mare e piatti unici ricchi di condimento.
Il forno statico è più indicato per cucinare dolci, pizze, panificati o ricette che prevedono l’uso del lievito, in quanto cuociono più lentamente.

Per una corretta igiene, seguite tutti i nostri consigli su Come pulire il forno!


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa | Elettrodomestici |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *