5 piante da interni che non hanno bisogno di luce: per una casa più green e chic

Per dare un tocco green e chic alla casa, si possono utilizzare delle piante da interni che non hanno bisogno di luce.

Se amate le piante, ma non avete abbastanza tempo da dedicare o posti luminosi per mantenerle sane e rigogliose, sappiate che non dovete per forza rinunciare ad un tocco green e chic per la vostra casa.

Infatti, anche se è difficile da credere, esistono delle piante da interni che non hanno bisogno di molte attenzioni e nemmeno di luce naturale per sopravvivere.

Curiosi di conoscerne qualcuna?

Con questi 5 esemplari di piante da interni potrete valorizzare ed abbellire anche quegli ambienti di casa poco luminosi, oltre a trarne i benefici per quanto concerne la purificazione dell’aria.

Regalerete un tocco green e chic a qualsiasi ambiente di casa, le piante da interno migliorano l’aria, eliminando tossine, agenti chimici e cancerogeni.

1) La Zamia

[dup_immagine align=”alignnone” id=”1539540″]

La Zamia o Zamioculcas è una pianta tropicale che richiede pochissime cure e cresce molto velocemente. Si tratta di una succulenta sempreverde esteticamente perfetta per essere inserita in contesti architettonici moderni.

La Zamia teme i ristagni idrici e ha bisogno di temperature superiori ai 16 °C, condizioni che le permettono di fiorire più volte durante l’anno.

Per quanto riguarda l’annaffiatura, sarebbe preferibile che questa pianta ricevesse molta acqua durante la stagione primaverile e poca durante gli altri periodi dell’anno.

2) La Calathea

[dup_immagine align=”alignnone” id=”1539542″]

La Calathea è una pianta perenne originaria del Sud America che appartiene alla famiglia delle Marantaceae. È molto apprezzata per via del suo fascino e del design decorativo del suo straordinario fogliame.

Essendo una pianta che in natura cresce all’ombra della fitta vegetazione nelle estese foreste dell’Amazzonia, è abituata a vivere in condizioni di luminosità ridotta.

3) La Chamaedorea

[dup_immagine align=”alignnone” id=”1539543″]

La Chamaedorea o Camaedorea è una pianta originaria del Messico meridionale che appartiene alla famiglia delle Arecaceae.

È definita una palma nana ed è considerata una tra le piante da interno più resistenti.

La Chamaedorea può crescere fino ad un metro d’altezza e può diventare molto rigogliosa. Predilige zone di mezza ombra e un terriccio molto fertile e nonostante ami le temperature attorno ai 18°, resiste bene a qualsiasi tipo di clima e temperatura.

4) Il Filodendro

[dup_immagine align=”alignnone” id=”1539544″]

Il Filodendro o Philodendron è una delle piante d’appartamento più diffuse in Italia e in Europa.

Si tratta di un esemplare tropicale che appartiene alla famiglia delle Araceae e che in natura cresce sugli alberi delle foreste, motivo per cui non sopporta la luce diretta del sole.

Tutte le specie di Filodendro (se ne contano circa 300) possiedono radici aeree e foglie molto grandi e cuoiose.

5) L’Aspidistra

[dup_immagine align=”alignnone” id=”1539545″]

L’Aspidistra è una pianta d’appartamento ornamentale che appartiene alla famiglia delle Liliacee ed è originaria dell’Asia orientale e dell’Africa.

È molto rinomata in quanto cresce senza problemi dove c’è poca umidità e scarsa luce naturale, quindi ottima da posizionare in ambienti con scarsa luce e freschi come i sottoscala, il balcone, la veranda.

Infatti, se posizionata in zone con eccessiva esposizione solare, l’Aspidistra può avere dei problemi di salute manifestando delle bruciature sulle foglie.