La dieta del riso: ma come funziona?

La dieta del riso: ma come funziona?

Tre giorni detox e nove per il dimagrimento veloce: ecco cosa c’è da sapere del regime alimentare messo a punto quasi un secolo fa e tornato di gran moda.

La dieta del riso ha quasi un secolo di vita. Elaborata inizialmente come terapia non farmacologica per pazienti affetti da ipertensione, è tornata in auge negli ultimi anni come regime detox che consente di perdere diversi chili in pochi giorni.

Le proprietà del riso

Il riso (Oryza Sativa) è un cereale della famiglia delle graminacee alla base dell’alimentazione di molte popolazioni, si legge in uno dei libri più recenti dedicati all’argomento, “La dieta del riso” di Annamaria Valenti (Leggere Editore). Sul mercato sono disponibili decine di varietà di riso, diverse per forma (chicchi corti o lunghi), dimensioni (chicchi piccoli o grossi) e contenuti (integrale, brillato, parboiled, ecc.). In generale, è un alimento altamente digeribile e – se integrale – aiuta l’evacuazione intestinale. È ricco di antiossidanti, ha poco sodio e poche calorie: 130 per 100 grammi di riso bianco cotto, 111 per quello integrale. Può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al glutine. Per seguire la dieta del riso, il metodo di cottura da preferire è la bollitura. Il riso bollito, anziché tostato, contiene meno amido e ha un indice glicemico inferiore.

Come è nata la dieta del riso?

Questo regime alimentare è stato messo a punto per la prima volta nel 1939 dal Dr. Walter Kemper della Duke University, nel North Carolina. In assenza di farmaci adeguati, la dieta è stata inizialmente studiata per pazienti affetti da patologie croniche come insufficienze cardiache o renali, diabete, artrite, obesità e ipertensione. La terapia originaria, da circa 2000 calorie al giorno, prevedeva la sola assunzione di riso bianco, frutta fresca o in succo, ferro e vitamine. Dopo alcuni mesi venivano introdotte piccole quantità di carne magra e verdure. Negli ultimi anni, la dieta del riso è tornata alla ribalta. Prima con la pubblicazione, nel 2006, del libro “The rice diet solution” di Kitty e Robert Rosati, successivamente con altre rivisitazioni. Tra le celeb che hanno provato questo regime dietetico, Kylie Jenner e Jenny McCarthy.

Lo schema base: i tre giorni detox…

La dieta del riso, nella versione più attuale, ha uno schema 3+9: tre giorni detox seguiti da nove di dieta vera e propria. Questo regime limita strettamente il sale, che stimola l’appetito, i grassi e rivaluta il consumo dei carboidrati. Per la precisione, dei carboidrati complessi – come quelli presenti in riso, patate, orzo, quinoa – al posto dei carboidrati semplici, come quelli contenuti in merendine e biscotti.

Il menu per i primi tre giorni prevede:

  • Colazione: crema di riso dolce (riso bollito in molta acqua e poi frullato), con un cucchiaino di miele o dei frutti rossi (frutti di bosco, fragole, ciliegie);
  • Pranzo: riso integrale bollito in molta acqua (anche l’acqua di cottura del riso andrebbe consumata), condito con un filo d’olio extravergine d’oliva e un frutto;
  • Cena: minestra di riso (in alternativa, orzo o quinoa) con verdure lessate a parte.

…E i nove giorni di dieta vera e propria

Nella seconda fase, oltre alle verdure, il riso può essere abbinato a prodotti caseari leggeri (yogurt, ricotta scremata, fiocchi di latte, formaggi spalmabili), carne bianca senza pelle, uova, lenticchie, fagioli e pesce magro. Al termine della fase uno, disintossicazione dell’organismo, e della fase due, dimagrimento, si possono perdere fino a cinque chili. Ecco alcuni esempi di menu per la fase due:

  • Colazione: Un bicchiere di latte di riso con tre gallette di riso, qualche cucchiaino di marmellata bio (frutta al 100%, senza additivi né dolcificanti) oppure porridge preparato con latte di riso e fiocchi di riso con frutta candita;
  • Spuntino: un frutto di stagione;
  • Pranzo: risotto con ricotta scremata e zucchine oppure riso con verdure crude e primo sale; o ancora, pesce – spigola, nasello, cernia -, pollo senza pelle, verdure e ortaggi (sia la carne che il pesce devono essere cotti al forno o grigliati senza condimenti e accompagnati da verdure e ortaggi);
  • Spuntino: un frutto di stagione
  • Cena: risotto con funghi oppure riso bollito con gamberi cotti a vapore (o carne bianca) con insalata mista (o verdure alla griglia) con un filo d’olio; o ancora, crema di riso con gamberi e zucchine oppure risotto agli spinaci con pollo e verdure.

Le porzioni e gli alimenti ammessi

Per quanto riguarda le varietà di riso, durante i dodici giorni totali di dieta è possibile alternare il consumo di riso bianco tradizionale a quello integrale, al basmati, al riso nero (Venere) e al riso rosso. L’integrale è più ricco di vitamine, minerali e fibre di quello bianco. Il riso rosso è ricco di polifenoli, potassio ed è da preferire se bisogna tenere sotto controllo colesterolo e trigliceridi. Il riso Venere contiene antociani, antiossidanti noti per le proprietà anti-invecchiamento. Il basmati, infine, è quello che contiene meno grassi. Tra i cereali privi di glutine che è possibile consumare in sostituzione del riso, ci sono orzo, quinoa, miglio, amaranto o grano saraceno. Le porzioni si intendono tra i 60 e gli 80 grammi per il riso, mentre per le verdure l’unità di misura è la cup americana, la tazza da 237 millilitri: una tazza di verdure a crudo o mezza tazza di verdure cotte. Ogni giorno, inoltre, bisogna bere almeno due litri d’acqua. Per chi ha fretta o ha poca dimestichezza con le quantità, è disponibile (in farmacia e online) il kit Dietidea, messo a punto dal prof. Nicola Sorrentino in collaborazione con Riso Scotti. Dura sette giorni, le dosi sono già pronte per ogni momento della giornata e i prodotti possono essere consumati anche in ufficio.

Controindicazioni

Prima di iniziare la dieta del riso è necessario avere il via libera da parte di un bravo nutrizionista. È un regime piuttosto restrittivo e non tiene conto del fabbisogno del singolo individuo. Va inteso semplicemente come dieta-lampo per depurarsi e perdere qualche chilo in vista della prova costume o dopo le festività. Tra gli effetti indesiderati può causare: affaticamento fisico e mentale, indebolimento del sistema immunitario, diminuzione della massa muscolare, flatulenza. È sconsigliata ai minorenni, alle donne in gravidanza, durante l’allattamento e a chi ha delle patologie in atto.

Ti potrebbe interessare anche

Dieta vegana per dimagrire: consigli e errori da evitare
Dieta

Dieta vegana per dimagrire: consigli e errori da evitare

Le celebrità bevono latte vegetale, ma quanti tipi esistono?
Dieta

Le celebrità bevono latte vegetale, ma quanti tipi esistono?

Saltare i pasti aiuta a dimagrire o rallenta il metabolismo?
Dieta

Saltare i pasti aiuta a dimagrire o rallenta il metabolismo?

La dieta zero carboidrati fa bene o no?
Dieta

La dieta zero carboidrati fa bene o no?

La dieta di Okinawa: il segreto della longevità secondo il Giappone
Dieta

La dieta di Okinawa: il segreto della longevità secondo il Giappone

Dieta
Dieta

Dieta Kousmine: cosa mangiare per colazione

Insalata di orzo.
Dieta

Dieta DASH: ricette da provare

Tempo di detox
Dieta

Tempo di detox: ecco come eliminare le tossine accumulate durante l’inverno

Tutti i vantaggi degli sport all'aria aperta
Fitness

Tutti i vantaggi degli sport all’aria aperta

Altro che palestra! Fare sport all’aria aperta presenta moltissimi vantaggi, vi sveliamo quali.

Leggi di più