Trend landscape primavera-estate 2014

Scelto da tutti i maggiori stilisti e diventato subito tendenza di stagione, in questa primavera-estate nessuno potrà fare a meno del landscape

Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Missoni
  • Trend Landscape primavera estate 2014 Diane Von Furstenberg
  • Trend Landscape primavera estate 2014 Diane Von Furstenberg
  • Trend Landscape primavera estate 2014 Diane Von Furstenberg
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Dolce&Gabbana
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Dolce&Gabbana
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Dolce&Gabbana
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Dolce&Gabbana
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Antonio Marras
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Antonio Marras
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Antonio Marras
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Antonio Marras
  • Trend Landscape primavera estate 2014_Antonio Marras
Tra le numerose tendenze di questa primavera-estate 2014 figura anche il landscape. Molte si staranno chiedendo di cosa si tratta: letteralmente landscape significa paesaggio, e infatti è proprio questo che gli stilisti hanno cercato di ricreare sugli abiti creando stoffe appositamente studiate che vanno a rappresentare tutto ciò che ci circonda, dalla natura alle città. Dall’arte dei grandi pittori, il paesaggio è passato dalle grandi tele agli abiti. Il landscape da sempre ha dominato le generazioni di grandi artisti dalla Land art degli anni ’60 che agiva direttamente sul paesaggio, fino alla moda di oggi la quale non fa altro che riprendere questi elementi e interpretarli sul tessuto.

Di questo trend per le collezioni primavera-estate 2014 non possiamo non citare Dolce & Gabbana, che uniscono elementi siciliani e greci ad antiche rovine di templi, fiori e giardini che si tramutano in stampe full size. Mentre gli elementi dorati, ricorrenti da vario tempo nelle collezioni del brand, impreziosiscono l’outfit.

Diversamente, Prada sceglie un landscape urbano e metropolitano aggiungendo un tocco pop che prende ispirazione dai murales per gli abiti, mentre sulle giacche replica grandi volti di donne simbolo di femminilità.

Anche l’italianissimo Antonio Marras nella sua collezione primavera-estate 2014 si ispira al paesaggio. Un paesaggio tropicale, con grandi foglie e fiori dal sapore esotico. Ad ogni modo, lo stilista non rinuncia ai paesaggi urbani immortalandoli nel momento del tramonto, giardini incantati dal gusto italiano con rose e farfalle diffondono una vena poetica su tutti gli abiti.

Missoni segue il trend riproducendo paesaggi stilizzati che si ispirano al mare e alla sua fauna e flora; ritrae gabbiani e montagne di paesi lontani. Utilizza nuance chiare come il rosa e il verde acqua e aggiunge a tutta la collezione un tocco etnico.

Si ispirano alle tele di Paul Gauguin con i suoi paesaggi polinesiani e alla molteplicità di colori Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi.

Anche Diane Von Fürstenberg per la primavera-estate 2014 si ispira ai paesaggi africani e allo stile animalier. Capi pensati per una donna sicura di sé, una collezione che vuole mostrare il meraviglioso panorama africano con i suoi colori e i suoi animali. Un paesaggio che prende vita sulla stoffa e sugli abiti dallo stile moderno che mette in evidenza la silhouette della donna.

Un trend quello del landscape che ha contagiato tutto il settore della moda unendo l’arte dei grandi pittori del passato alle rivisitazioni degli stilisti moderni.


Vedi altri articoli su: Trend |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *