Betsey Johnson: la sfilata S/S 2015 alla NYFW

Betsey Johnson: la sfilata S/S 2015 alla NYFW

Kitsch, sexy, divertente: la sfilata Betsey Johson primavera-estate 2015 porta alla NYFW un party di nozze

11/09/2014

Non una sfilata, ma un party in passerella: così Betsey Johnson ha presentato la collezione s/s 2015. A tema “love and marriage”, amore e matrimonio. L’occasione per schierarsi a favore dei matrimoni LGBT e per omaggiare un settore, quello da future spose e sposine, che per la stilista sta diventando un giro d’affari sempre più importante.

I capi di “PRE-NUP” – questo il nome di sfilata e collezione vista al Lincoln Center alla New York Fashion Week – sono stravaganti, capricciosi, kitsch. Insieme ironici e sexy.
Tulle bianco e non solo: anche azzurro, rosa, lilla e perfino multicolor in stile candy – abbinato a reggicalze bianco – che qua copre e là,  svelando seducenti lingerie. Abiti a strati come fossero torte nuziali, in lamé dai mille riflessi metallici. Indossati da celebri drag queen e modelle transgender: da William Belli a Cynthia Bailey, da Camille Grammer a Kristen Taekman.

Non mancano ammiccanti completi intimi, minigonne e top ristrettissimi fatti di piuma; zeppe colorate, acconciature elaborate, gioielli e copricapi che più appariscenti non si può, abiti – per così dire – di plastica trasparente: sulla passerella si susseguono divertite pin up e femmes fatales in mood anni Ottanta.


Leggi anche: New York Fashion Week: il calendario sfilate di settembre 2014

Ancora: chemisier in chiffon, smoking bianchi addobbati da lustrini, e perfino splendidi abiti da sposa lunghi o corti, in seta, ricamati o decorati con una profusione di perle. Fino a quello che ha chiuso la sfilata, indossato da Sharon Needles, vera celebrità oltreoceano. Che prima di sollevare davanti al pubblico una raggiante Betsey Johnson, ha pure tirato il bouquet.

Così la festa può avere inizio; nessun dubbio che sarà come la sfilata Betsey Johnson ss 2015: volutamente eccessiva, divertente, chiassosa. Gustosissima!

Photo credits: Getty Images