Gravidanza multipla: quale dieta alimentare seguire?

Gravidanza multipla: quale dieta alimentare ?

In gravidanza è necessario porre particolare attenzione alla dieta: che cosa succede quando si aspetta più di un bambino? Ecco alcuni consigli utili.

La gravidanza richiede al corpo femminile un grande sforzo: tutto dentro la mamma cambia per prepararsi ad accogliere il feto.

Gli organi lentamente si spostano per far spazio all’utero che aumenta di volume con il passare dei mesi. Il corpo si fa più pesante e un po’ meno agile, la pressione diventa più alta soprattutto sul finire della gestazione e talvolta anche la tiroide può subire una piccola alterazione.

Queste sono solo alcune delle tante cose che risentono dell’influsso dei nove mesi di attesa: ma che succede quando la gravidanza è multipla?


Proprio per la sua natura più articolata e complessa, tale gravidanza viene etichettata da subito con l’appellativo “ad alto rischio”.

Ciò vuol dire che la futura mamma deve porre particolare attenzione al proprio stile di vita e al proprio regime alimentare in modo da riuscire a portare avanti la gravidanza il più a lungo possibile.

Una dieta ricca e bilanciata

Per supportare al meglio la corretta crescita dei feti è importante arricchire la dieta di vitamine e sali minerali.

Durante ogni gestazione il medico o l’ostetrica di riferimento consigliano alla mamma di assumere integratori volti a sostenere i tanti cambiamenti che il suo corpo dovrà affrontare.

Come è noto gli integratori non possono però in alcun modo sostituirsi a una dieta equilibrata e varia.

Per questo è fondamentale che attraverso i cibi che selezionate, contribuiate in modo significativo all’apporto necessario di vitamine e nutrienti.

Prediligete carni non grasse, uova, pesce, legumi e fate in modo che nella dieta ci siano tanti tipi di verdura e frutta.

Prestate attenzione agli zuccheri che come è tristemente noto possono essere insidiosi. Potete togliervi lo sfizio del dolce quando proprio sentite che è inevitabile ma è sempre bene a detta degli esperti limitare il consumo di dolci in particolare in caso di gravidanza multipla.

Un’abbondante assunzione di liquidi

Durante i nove mesi di gestazione i liquidi sono fondamentali. Bere acqua, consumare una buona minestra o altri tipi di liquidi è una costante che deve accompagnare la futura mamma per tutto il tempo dell’attesa.

“L’acqua tira acqua” come direbbero i saggi ed è proprio così: attraverso l’acqua che assumete dall’esterno contribuite al benessere dei feti, avete più possibilità di mantenere un buon livello di liquido amniotico e una minore ritenzione idrica.

Ogni occasione è buona per bere: cercate da subito di abituarvi ad una massiccia assunzione di liquidi fino all’ultimo giorno di attesa.

Un po’ di sano movimento

Fare attività fisica può contribuire a tenere sotto controllo il peso e allontanare lo spauracchio del diabete gestazionale.

Una donna che si trova ad affrontare una gravidanza multipla, può essere maggiormente esposta al diabete gestazionale: dedicare del tempo a lunghe e salutari passeggiate o a qualche ora di movimento in piscina è un’ottima idea.

Nonostante l’aumento di peso ponderale sia maggiore rispetto a una gravidanza singola, ci sono comunque dei limiti da rispettare per evitare un eccessivo appesantimento e altre spiacevoli conseguenze.



Gatti e gravidanza, le cose da sapere
Gravidanza

Gatti e gravidanza, le cose da sapere

Gravidanza

Procreazione assistita in Italia

Gravidanza

Il cuscino per la gravidanza: nove mesi all’insegna del comfort

Gravidanza

Rimanere incinta a 40 anni, i consigli

Fecondazione eterologa cos'è
Gravidanza

Fecondazione eterologa cos’è

Non riesco a rimanere incinta del secondo figlio
Gravidanza

Non riesco a rimanere incinta del secondo figlio

Procreazione assistita: che cos'è e quali sono le tecniche
Gravidanza

Procreazione assistita: che cos’è e quali sono le tecniche

I 5 falsi miti sulla gravidanza
Gravidanza

I 5 falsi miti sulla gravidanza

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?
Consigli per mamme

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?

A partire da quale età si può coinvolgere i bambini nelle faccende di casa? Scopriamo insieme come coinvolgerli facendoli sentire importanti e gratificati.

Leggi di più