Valeriana rossa

La valeriana: un alleato naturale contro lo stress e l’ansia

Pianta assai diffusa e facilmente reperibile, della valeriana già i greci conoscevano le benefiche proprietà come calmante, anti-stress e regolatore del sonno

La valeriana comune è una pianta erbacea assai diffusa che ha una origine essenzialmente spontanea e che trova nei luoghi maggiormente ombrosi e ad alta umidità il proprio habitat naturale, con una capacità di adattamento che le permette di attecchire al mare e in altura fino a 1400 metri e quindi di prosperare sia in Europa che in America, principalmente nelle zone boschive.

Valeriana
È la più popolare “esponente” della famiglia delle Valerianacee che conta circa 150 specie diverse ed è anche conosciuta con il curioso nomignolo vulgaris di “erba dei gatti”, data la sua capacità sorprendente e un po’ misteriosa di attirare a sé i felini con il profumo intenso e gradevole dei suoi fiori. Il suo nome scientifico è Valeriana Officinalis, cosa che dovrebbe rendere evidente quanto le sue caratteristiche curative – officinali, appunto – fossero già conosciute da tempo immemore, tanto da renderla una delle piante più diffusamente e costantemente utilizzate come rimedio fitoterapico: il termine stesso Valeriana deriva dal latino valere che si traduce, in maniera assai significativa, in godere di buona salute. Non sorprende quindi che la valeriana sia coltivata un po’ ovunque – compresa l’Asia e il Giappone – in virtù delle sue proprietà.

I principi attivi della valeriana

Già i greci, oltre duemila anni fa, conoscevano le benefiche proprietà della valeriana, cui sono universalmente, ed oggi anche scientificamente, riconosciuti effetti calmanti sul sistema nervoso, cosa che la rende un ottimo sedativo e un importante supporto per limitare gli stati di ansia e agitazione nonché regolare i disturbi del sonno. I principi attivi sono contenuti nella radice della pianta che, a differenza dei fiori, ha però un odore sgradevole: olii essenziali come ad esempio l’acido valerianico ricco di idroidi specifici come i valepoitrati, diversi alcaloidi e flavonoidi, tutti elementi in grado di interagire con il sistema nervoso centrale e in particolare quella sua parte “autonoma” che governa gli stati e le attività involontarie dell’organismo e che presiede quindi anche alla gestione della calma e dell’ansia, nonché alla regolazione del sonno.

La modalità di azione di tali sostanze è ormai ben conosciuta dalla scienza: gli olii essenziali, e in particolare i valepoitrati, agiscono da un lato direttamente sui recettori del sistema nervoso inibendo gli stati di agitazione, e dall’altro evitando la degenerazione nel corpo del neurotrasmettitore gamma-aminobutirrato che, naturalmente presente nell’organismo, è il principale responsabile del meccanismo del sonno.

Proprietà, effetti e modalità di impiego della valeriana

Valeriana
I principi attivi della valeriana sono assai efficaci, ma degradano anche molto facilmente se sottoposti ad eccessivo calore ed umidità e per questo la pianta una volta recisa va conservata con estrema cura per non disperderne le proprietà.

L’uso della valeriana come blando calmante e come inibitore degli stati di stress, irritabilità o anche paura, oltre che essere un rimedio assolutamente naturale, ha altri due importanti caratteristiche: da un lato, a differenza degli ansiolitici “chimici” non comporta nel soggetto che la assume alcuno stato di assuefazione o dipendenza, dall’altro non ha effetti collaterali particolari, non provoca sonnolenza e pertanto non è incompatibile con la pratica di attività che richiedono attenzione come, ad esempio, la guida.

Uniche cautele da tenere sono quella di evitare la somministrazione a bambini piccoli, donne in gravidanza ed in allattamento o in generale a soggetti in cui la situazione metabolica è “particolare” in relazione ad altrettanto particolari “stati fisici” e quella di non eccedere rispetto alle dosi consigliate, cosa che potrebbe causare mal di testa o disturbi di digestione. Inutile dire che il modo universalmente più utilizzato per la sua assunzione sia quello della tisana, ma sono reperibili sul mercato anche altri prodotti a base di valeriana come estratti, tinture o anche preparati per uso esterno, come i sali da bagno.



Quante fibre bisogna assumere al giorno
Vivere bene

Quante fibre bisogna assumere al giorno?

Vuoi vincere un abbonamento in palestra? Partecipa al concorso!
Vivere bene

Vuoi vincere un abbonamento in palestra? Partecipa al concorso!

cibi che fanno bene al cervello e alla memoria
Vivere bene

10 cibi che fanno bene al cervello e alla memoria

Come sgonfiare la pancia
Vivere bene

Come sgonfiare la pancia: dieta, esercizi e metodi naturali

Addominali obliqui
Vivere bene

Addominali obliqui: esercizi da fare da terra

Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli