Fruttosio caramelle

Intolleranza al fruttosio

Scopriamo di più sui disturbi legati all’assunzione del fruttosio, uno zucchero naturalmente presente nella frutta.

L’intolleranza al fruttosio (al contrario dei fastidi legati al lattosio) è una malattia genetica che impedisce di mangiare la frutta e tutti gli alimenti che contengono il fruttosio. È ereditaria ed è causata dalla mutazione di un gene, indispensabile per la sintesi dell’enzima, che consente alle cellule del fegato di digerire ed utilizzare il fruttosio.

Questo enzima si chiama aldolasi B e la sua assenza può causare gravi danni al fegato e ai reni. Il consumo costante di fruttosio, se non viene digerito, favorisce infatti lo sviluppo di ittero, epatomegalia (aumento delle dimensioni del fegato), cirrosi, fino ad arrivare a convulsioni, coma e morte.

Cerchiamo di capire quali sono i sintomi di questa intolleranza e come gestirla al meglio.

Sintomi

Questa patologia si manifesta fin dai primissimi mesi di vita, con sintomi di varia natura, come: rifiuto dell’alimentazione, vomito, ritardo di crescita, ipoglicemia e danni al fegato.

Il fruttosio infatti viene metabolizzato nel fegato, nel rene e a livello intestinale. Più precocemente è introdotto il fruttosio nell’alimentazione del bambino, maggiore è al reazione dell’organismo.

La diagnosi di questa patologia si effettua mediante esami del sangue con analisi del DNA. In questo modo si può identificare se vi è una mutazione del gene che dà il segnale per la produzione dell’enzima aldolasi. Una volta diagnosticata la malattia, l’unica soluzione è adottare una dieta povera di fruttosio, non sempre facile da gestire.

A volte il bambino intollerante al fruttosio sviluppa una naturale avversione per gli alimenti che lo contengono. In questi casi la diagnosi viene fatta più tardi, spesso in età scolare perché il bimbo manifesta un evidente ritardo della crescita e una fastidiosa distensione addominale. Quando i sintomi sono lievi e il bambino segue una alimentazione povera di fruttosio, la diagnosi viene fatta addirittura in età adulta.

La dieta povera di fruttosio

Come già detto una dieta povera di fruttosio può essere complicata da gestire. Infatti il fruttosio è uno zucchero presente nella frutta e nella verdura e, sotto forma di saccarosio, nello zucchero da tavola.

Vanno escluse quindi tutte le tipologie di frutta, alcuni tipi di verdure, in particolare pomodori, carote e barbabietole. Bisogna evitare anche il miele e tutte le altre fonti di fruttosio, saccarosio e sorbitolo, quindi anche i dolcificanti.

Occorre fare attenzione anche al fruttosio nascosto in alcuni alimenti, medicinali o integratori, come ad esempio i dolci, il pane dolce per hot-dog, i condimenti, le gomme da masticare, gli sciroppi per la tosse e altri farmaci.



cibi ad alto contenuto proteico
Vivere bene

5 cibi ad alto contenuto proteico (altro che uova)

Alimenti antiossidanti naturali
Vivere bene

Alimenti antiossidanti naturali, quali sono e i benefici

Fare jogging con il cane
Vivere bene

Fare jogging con il cane: consigli su come fare e dove andare

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti
Vivere bene

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti

5 tips per mangiare in modo più sano
Vivere bene

5 tips per mangiare in modo più sano

prova costume
Vivere bene

Perché ci siamo stufate di sentire ancora parlare della “prova costume”

esercizi di stretching
Vivere bene

10 esercizi di stretching per iniziare la giornata

Vivere bene

Rimedi naturali per prevenire le doppie punte