Visitare l’Islanda, dove il freddo e il gelo ti scalderanno il cuore

Musica, mostre, fotografie, esposizioni di artisti, mercatini vintage ma soprattutto le bellezze di questa terra del nord. Zaino in spalla, armiamoci di cartina

Modaioli e indie di tutta Europa l’hanno già eletta come nuova meta hipster, e le cose che fanno notizia hanno iniziato a non essere più solo i Sigur Rós e Bjork: stiamo parlando dell’Islanda, il cui panorama culturale ha iniziato a suscitare l’interesse del resto d’Europa.

Il momento giusto per partire

L’inverno, per quanto potrebbe sembrare troppo arduo da affrontare, è uno dei periodi migliori in cui visitare l’isola, per tutti i cercatori di northern lights, ovvero l’aurora boreale: questo fenomeno si può vedere durante il semestre freddo, diciamo tra novembre e marzo, in tutta la Scandinavia, Islanda compresa.

Armatevi quindi di piumino, sciarpa, guanti e guida turistica, si parte per l’Islanda.

Per dare qualche indicazione geografica, l’Islanda è quella piccola isoletta che sta lassù all’estremo nord dell’Europa, è attraversata da un’unica strada principale, la Ringroad, e decisamente il modo migliore per visitarla è un roadtrip noleggiando un’auto. (Accertarsi di avere una cartina che indichi la tipologia delle strade secondarie, perché verso l’interno diventano più difficoltose.)

Si inizia dalla capitale: Reykjavik

Reykjavik non solo è la capitale dell’Islanda, ma è anche la capitale di Stato più a nord del mondo: iniziare il viaggio da questa affascinante cittadina significa dare un ultimo saluto alla civiltà, magari con un po’ di shopping nei tantissimi negozi vintage, per abbandonarsi poi ai paesaggi incontaminati dell’isola.

Siamo quindi pronti per immergerci nell’assoluto spettacolo della natura, con vulcani, lagune, geyser e cascate. A 40 km da Reykjavik verso sud si trova la Blue Lagoon, un lago artificiale dalla temperatura costantemente compresa tra i 37° e i 40°. Le sue acque termali sono così calde grazie al vicino impianto geotermico che si collega ad una falda acquifera a 200 km di profondità, e sono ricche di minerali come il silicio e lo zolfo, rendendola una meta perfetta per la cura di problemi della pelle.

La meraviglia dei geyser islandesi

Ma il titolo di protagonisti assoluti dell’isola va ai geyser, e i più belli di tutta l’Islanda si trovano sempre nella zona meridionale, nella valle di Haukadalur. Geysir, o “Grande Geysir” è ritenuto il più antico geyser conosciuto; studi scientifici hanno dimostrato che la sua attività iniziò tra il XIII e il XIV secolo. Le sue eruzioni d’acqua bollente possono arrivare regolarmente fino a 60 metri di altezza, mentre nel 1845 raggiunse l’altezza record di 170 metri. Un altro geyser, il vicino Strokkur, regala emozioni, con eruzioni ogni tre minuti.

Questo e molto altro troverete in Islanda. Date un’occhiata alla nostra gallery se ancora avete bisogno di convincervi a partire alla volta del nord, oppure scegliete tra mete altrettanto spettacolari come la Norvegia e la Danimarca o tra gli hotel di ghiaccio più belli.



Forest Bathing, cos'è e dove farlo in Italia
Viaggi

Forest bathing, il benessere arriva dagli alberi

In bici per (ri)scoprire l'Italia, dall'Alto Adige alla Riviera Romagnola
Viaggi

In bici per (ri)scoprire l’Italia, dall’Alto Adige alla Puglia

Viaggi post quarantena consigli per viaggiare sicuri
Viaggi

Viaggi post quarantena: consigli per viaggiare sicuri

Blue hole cos'è e come si forma
Viaggi

Blue hole, alla scoperta del blu profondo

Vacanza a settembre, dove andare
Viaggi

Vacanze a settembre, dove andare?

Spiagge dove vedere le stelle marine
Viaggi

Spiagge dove vedere le stelle marine

In bici, a cavallo o a piedi 5 proposte per un viaggio slow e green
Viaggi

In bici, a cavallo o a piedi: 5 proposte per un viaggio slow e green

Gole dell'Alcantara in Sicilia escursioni e mappe
Viaggi

Gole dell’Alcantara in Sicilia: escursioni e mappe

In bici, a cavallo o a piedi 5 proposte per un viaggio slow e green
Viaggi

In bici, a cavallo o a piedi: 5 proposte per un viaggio slow e green

Nell’estate del Covid, si cercano località immerse nel verde e con ampi spazi, dove poter praticare attività all’aria aperta e in sicurezza.

Leggi di più