Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati

Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati

Uno dei rapper più famosi del momento nonché giudice a X Factor: stiamo palando di Sfera Ebbasta. Un artista che anche una passione per i tatuaggi, scopriamo insieme il significato di ogni tattoo.

Sfera Ebbasta è uno dei rapper più discussi del momento, giudice di X Factor e artista di successo. Il cantante ha una grande passione per i tatuaggi e negli anni ne ha realizzati diversi in varie parti del corpo. Famosissimo fra i giovani e fra chi utilizza i social, Sfera Ebbasta sta iniziando a farsi conoscere anche dal grande pubblico.

In realtà il rapper ha alle spalle una storia molto difficile, fatta di riscatto e di crescita. Ha origini umili e un’infanzia difficile, segnata da problemi familiari e dalla difficoltà a trovare un lavoro e sopravvivere. Sfera è stato messo a dura prova nel corso degli anni e non ha mai smesso di credere nel potere della sua musica che l’ha portato al successo.   

Sfera Ebbasta, chi è e la sua storia

Chi è Sfera Ebbasta? Vero nome Gionata Boschetti, è nato nel 1992 a Cinisello Balsamo in provincia di Milano. Sin da quando era molto piccolo ha dovuto affrontare numerose difficoltà. Quando ha solamente due anni i genitori si separano e quando diventa adolescente perde il padre. Tempo dopo ha raccontato di ricordarsi alcuni dettagli di lui: i video di Woodstock che gli faceva vedere e l’odore strano che spesso arrivava dal bagno visto che era un hippie convinto.


Mentre cresce Sfera Ebbasta capisce di essere molto diverso dai suoi coetanei soprattutto quando si parla di musica. Mentre tutti ascoltano i rapper del momento o i cantautori, la sua mente è in America dove l’hip hop è più vivo che mai. Sfera cresce insieme alla madre, seguendo il suo mito – 50 Cent – e affrontando tante difficoltà, da dieci traslochi ai problemi a scuola.

Gionata viene bocciato in prima media e decide di lasciare i banchi di scuola quando è in prima liceo. Inizia quindi a lavorare per mantenere sé stesso e la madre. Il primo lavoro è quello di consegnare le pizze, ma la paga è troppo bassa e i soldi finiscono subito. Poco dopo comincia a fare l’elettricista, ma non riesce a svegliarsi troppo presto e la vita regolare gli va stretta. Così molla anche questo impiego e inizia di nuovo a sognare di fare il musicista.

Il successo

Frequenta il primo liceo quando un amico gli fa sentire della musica, facendogli scoprire la possibilità di registrare da solo i suoi brani. Inizia a realizzare delle canzoni e pubblicarle su YouTube, poco dopo arriverà il grande successo che renderà Sfera Ebbasta uno degli artisti più promettenti del panorama italiano. Il suo terzo album, Rockstar, ha ottenuto quasi 40 milioni di visualizzazioni su Spotify, raggiungendo il primo posto in tutte le classifiche e facendogli vincere il disco di platino.

Sfera Ebbasta, perché si chiama così

Sfera Ebbasta è un nome d’arte nato per caso grazie a Facebook. Gionata Boschetti infatti da tempo si faceva chiamare Sfera ed era conosciuto a Cinisello con questo pseudonimo. Quando si registrò su Facebook però il social network richiedeva anche l’inserimento di un cognome oltre che di un nome, per questo lui scelse il termine Ebbasta.

Sfera Ebbasta, i tatuaggi

Sfera Ebbasta ha una grande passione per i tatuaggi tanto che ha svelato che se dovesse cambiare mestiere aprirebbe un negozio per tattoo. Fra i tatuaggi più famosi del rapper ci sono i simboli del dollaro e dell’euro sulla tempia. Le due lettere rappresentano anche le sue iniziali: $fera €bbasta.

“È il mio logo – ha svelato a Vanity Fair -. Ho sempre avuto i soldi in testa”. Fra gli altri tatuaggi del cantante troviamo una chitarra sul braccio che gli ricorda il padre, grande appassionato di musica, scomparso quando aveva solo 13 anni.

Un altro tattoo ben visibile è quello con la scritta Familia che si trova sul lato della mano sinistra e indica il legame di Sfera Ebbasta con la sua famiglia, in particolare la madre.

Sfera Ebbasta, il tatuaggio per la tragedia di Corinaldo

Il tatuaggio più significativo di Sfera Ebbasta è quello che ricorda le vittime di Corinaldo. Si tratta di sei stelline realizzate sulla tempia, una per ogni vittima di quel dramma. Si tratta di un tattoo di cui non parla molto volentieri perché gli ricorda un periodo molto difficile e un grande dolore. Era la notte fra il 7 e l’8 dicembre 2018 quando il cantante salì sul palco della Lanterna Azzurra in Corinaldo, in provincia di Ancona. Qualcuno sparò sulla folla dello spray urticante e questo provocò il panico generale, portando a una fuga di massa che causò conseguenze devastanti. Nel dramma morirono cinque ragazzi minorenni (tre ragazze e due ragazzi) con un’età fra i 14 e i 16 anni e una signora di 39 anni che era lì per accompagnare la figlia. Durante la fuga i feriti furono ben 59 di cui 13 in pericolo di vita. L’episodio ha segnato tragicamente la vita del rapper, che ha voluto farsi un tatuaggio per non dimenticare questo momento drammatico.

La sua reazione

“Ho preferito stare zitto – ha raccontato lui a Repubblica, parlando della tragedia -. Tutto quello che si può dire su media o social è superfluo, inadatto e inopportuno. Ho scelto di portare rispetto e agire privatamente per cercare a mio modo di stare vicino alle famiglie colpite. Quello che è successo va oltre la musica, oltre il mio personaggio, oltre tutto. Quella notte ha sconvolto tutti, ci ha distrutto, pensare che sia successo è incredibile. Certe cose in un Paese come il nostro non possono succedere. La sicurezza è la prima regola nella vita di tutti i cittadini. Sul lavoro, dappertutto e anche nei luoghi di intrattenimento. Sono sicuramente criticato e preso di mira ma sono una persona e il mio massimo rispetto e cordoglio vanno alle famiglie delle vittime”.

I fatti di Corinaldo hanno causato per Sfera Ebbasta anche la cancellazione come giudice di The Voice of Italy: “Hanno insistito per avermi, mi hanno convocato a un servizio fotografico – ha svelato -. Stava per cominciare tutto e poi… boh! Guarda, alla fine la mia fortuna è che non ho bisogno di certi canali per essere quello che sono. Ho costruito una carriera senza il supporto di radio e tv, questa è una vera forza. Per me era semplicemente un’esperienza lavorativa che mi incuriosiva ma in realtà non ne ho bisogno”. Sfera ha anche respinto le accuse di istigazione al consumo di droga: “Chi lo ha detto non mi ha mai ascoltato, s’è lasciato suggestionare da quello che diceva la gente. Se ascolti bene il mio disco ‘Rockstar’ ti accorgi che c’è solo positività, good vibes, niente di scuro e negativo. Se invece vuoi fare disinformazione… è un attimo. Ho sempre parlato di me, non ho mai istigato nessuno. Ho sempre detto sui social o nei live: ragazzi non drogatevi, non bevete. Ma dico io, ci vuole Sfera Ebbasta per dire che la droga fa male?”.

Foto Credits Agenzia Fotogramma



Qual è il monastero toscano dov'è stata girata La Casa di Carta
TV

Qual è il monastero toscano dov’è stata girata La Casa di Carta

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevigne
TV

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevingne

TV

Mara Maionchi: tutte le scoperte della talent scout

TV

Gianni Morandi presenta il suo nuovo spettacolo “Stasera gioco in casa”

TV

Maschera di Dalì, che significato ha per la Casa di carta?

TV

La prima puntata di “Una vita in bianco” con Giulia De Lellis: guardate l’anteprima!

TV

Al via Fake – La Fabbrica delle Notizie: il primo programma dedicato alle bufale condotto da Valentina Petrini

TV

Quando esce la casa di carta 4

Black Friday: consigli di acquisti per la casa
Shopping

Black Friday: consigli di acquisti per la casa

Inizia la grande attesa per il Black Friday 2019. Dal 29 Novembre parte l’evento punto di riferimento dello shopping pre-natalizio. Ecco cosa acquistare per la casa.

Leggi di più