John Moore in L'alienista: chi è Luke Evans

John Moore in L’alienista: chi è Luke Evans

Uno degli attori più amati di Hollywood. Nel caso vi foste persi qualche film, ecco tutti i ruoli che Luke Evans ha interpretato.

C’è chi ha perso la testa per lui quando vestiva i panni del dio Apollo, in Scontro fra Titani, o quelli di Zeus; c’è chi non avrebbe mai smesso di guardarlo interpretare Athos o Dracula. È stato definito un “attore epico”, per l’indiscutibile bravura e perché, ammettiamolo, i ruoli in costume sono il suo forte: stiamo parlando di Luke Evans.

Sarà lo sguardo da bel tenebroso o saranno gli addominali scolpiti: Evans ha conquistato tutti. Lo vediamo nella serie tv, L’alienista, nel ruolo di John Moore. Un illustratore di giornali, nella cupa New York del 1896, in cui un serial killer fa strage di giovani prostitute lasciando dietro di sé una striscia di sangue e mistero.

Ma chi è Luke Evans? Ecco la sua storia e tutti i ruoli che ha interpretato, nel caso in cui vi foste perse qualche film.

Luke Evans, da bambino vittima dei bulli a stella sul palcoscenico

Luke Evans è nato a Pontypool, nel Galles, il 15 aprile 1979, l’unico figlio di Yvonne e David Evans. Il bullismo entrerà ben presto a far parte della sua realtà. I genitori, testimoni di Geova, lo portavano con sé bussando di porta in porta. Anche a quelle dei compagni di classe che iniziarono a prenderlo di mira nella piccola cittadina di Aberbargoed dove è cresciuto.

A 17 anni, però, prende in mano la propria vita e si traferisce a Cardiff. Lavora come commesso in un negozio di scarpe e prende lezioni di canto da Louise Ryan, inseguendo il sogno di diventare una star della commedia musicale. La fortuna bussa alla sua porta nel ’97: vestita da borsa di studio per il The London Studio Centre di King’s Cross, dove Evans si diploma nel 2000.

Con la fine degli studi iniziano le apparizioni sul palcoscenico: Taboo, Rent, poi Miss Saigon e Avenue Q. Fino al 2008, quando ottiene il ruolo di Vincent nell’opera Small Change che lo consacrerà non solo nel cuore degli spettatori, ma anche in quello della critica. Riceve infatti la nomination agli Evening Standard Theatre Awards nella categoria “Miglior esordiente”.

La porta del cinema si spalanca davanti all’attore gallese dal 2009, con il primo provino per i grandi schermi. Evans è dichiaratamente omosessuale, in più interviste ha detto: “Non ho mai cercato di nasconderlo, non ha condizionato in alcun modo la mia carriera”.

View this post on Instagram

Most handsome & talented man 🌟

A post shared by Luke Evans Source (@lukeevansig) on

I primi ruoli cinematografici di Luke Evans

Per Luke Evans i primi passi nel cinema sono stati sul set di Sex & Drugs & Rock & Roll (2010) di Mat Whitecross, in cui ha interpretato il ruolo di Clive Richards. Il film-biografia della tormentata esistenza di Ian Dury, il musicista rock affetto dalla disabilità causata dalla poliomelite. Una storia di difficoltà e sogni realizzati grazie alla forza d’animo. Nello stesso anno si cala nel set black di Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese, diretto da Stephen Frears.

Il filone epico-storico: Evans in panni divini

Ma è fra gli effetti speciali di Scontro fra Titani, remake dell’omonimo film del 1982 di Desmond Davis, che abbiamo amato davvero Evans, nel ruolo del dio Apollo, ideale della giovinezza. Dismessi i panni divini, arriva un’altra comparsa mitica nel Robin Hood di Ridley Scott. Nel 2011 è Athos nella versione 3D de’ I tre moschettieri; l’ennesima occasione per l’attore di dimostrare le proprie doti d’interpretazione e d’imponendosi nelle preferenze del pubblico. Il primo ruolo da protagonista arriva con Vivaldi, di Patricia Riggen. Una biografia drammatizzata del compositore italiano e della scandalosa storia d’amore con la cantante Anna Tessieri Giro.

I ruoli più importanti di Luke Evans

La mitologia bussa ancora una volta alla carriera di Evan nel 2011 con il ruolo di un giovane Zeus nell’action movie, Immortals di Tarsem Singh Dhandwar. La pellicola narra le imprese successive alla battaglia tra gli immortali, prima della comparsa degli uomini sulla Terra. I vincitori si autoproclamarono divinità mentre, per i vinti, l’appellativo di Titani e un destino di prigionia. Lo Zeus di Luke Evans è combattuto tra la possibilità di aiutare gli umani e la volontà di non perdere il controllo su di loro.

The Raven

Di diritto fra i film da menzionare: The Raven (2012), diretto da James McTeigue, thriller storico-letterario in cui John Cusack è Edgar Allan Poe che cerca di decifrare il diabolico disegno di un assassino, che miete le proprie vittime utilizzando i metodi illustrati dallo scrittore nelle sue opere. Ad aiutare il protagonista nelle indagini è l’ispettore Emmett Fields, interpretato proprio da Luke Evans, con la conferma definitiva dell’attitudine per i ruoli storici.

Fast and Furious

Dagli omicidi alle auto: nel sesto capitolo di Fast and Furious, Evans è a capo dell’organizzazione criminale che Dominic Toretto e Brian O’ Conner si trovano a fronteggiare. Entra in punta di piedi in un cast tanto vincente quanto affiatato, ritagliandosi un ruolo di forte impatto scenico grazie alla propria professionalità.

Dracula Untold

Dracula Untold, di Gary Shore, doveva essere il primo capitolo di una saga intera che, purtroppo, non ha mai visto la luce, nonostante vi fossero tutte le premesse. Uno sguardo totalmente inedito al vampiro più celebre di tutti i tempi, una chiave di lettura ribaltata per tracciare la storia di Vlad III di Valacchia, interpretato da Luke Evans, e della fama di personaggio oscuro.  Ambientata nel basso Medioevo, la storia racconta di come il protagonista abbia frequentato il Maestro Vampiro e abbia deciso di diventare il Dracula che tutti conosciamo.

Lo Hobbit

Luke Evans ha fatto parte anche della trilogia de Lo Hobbit dove ha interpretato Bard l’arciere, personaggio di Arda, che compare nell’omonimo romanzo oltre che nel Signore degli Anelli.

Il pretendente in La Bella e la Bestia, i ruoli più recenti di Evans

Nel remake live action de La bella e la bestia, Luke Evans interpreta Gaston, disposto a tutto pur di sposare Belle. Costantemente respinto dalla fanciulla, il cacciatore francese del XVIII secolo, decide di affrontare la Bestia. L’incantesimo che circonda il castello, però, sarà causa della sua morte.

Foto credits Agenzia Fotogramma



Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo
TV

Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo

L'isola dei famosi senza censura: dove vedere il reality
TV

L’Isola dei famosi senza censura: dove vedere il reality

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto
TV

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto

Selvaggia Lucarelli parla di fake news in televisione
TV

Selvaggia Lucarelli parla di fake news in televisione

Qual è il monastero toscano dov'è stata girata La Casa di Carta
TV

Qual è il monastero toscano dov’è stata girata La Casa di Carta

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevigne
TV

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevingne

Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati
TV

Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati

TV

Mara Maionchi: tutte le scoperte della talent scout

Il Club 27 vip morti tragicamente a 27 anni
Celebrity

Il Club 27: vip morti tragicamente a 27 anni

Il Club 27 è la definizione con cui i giornalisti hanno incluso i cantanti morti all’età di 27 anni.

Leggi di più