Le app dell’estate

Arriva l’estate e non potete farvi cogliere impreparati senza le app più trendy della stagione: strane, divertenti, originali, utili. Se poi funzionano sul serio, quella è un’altra storia

app estate

Hanno poco più di tre anni di vita, visto che se ne è cominciato a parlare nel 2009. Ma ormai non possiamo più farne a meno. Cosa sono? Ma le app, naturalmente, fedeli compagne delle nostre giornate che sui nostri tablet, sugli smartphone o su qualunque altro dispositivo mobile ci possa accompagnare, ci danno suggerimenti, ci risolvono problemi, ci procurano informazioni o semplicemente ci fanno giocare, passare il tempo, ci permettono di comunicare o qualunque altra cosa si possa fare, oggi, con quello che poco tempo fa era solo un telefono. Ovvero praticamente tutto. Costano poco o nulla, sono facili da ottenere e per questo dilagano, senza freni. Sono ormai un enorme business stimato per il 2013 dalla prestigiosa agenzia di ricerca americana ABI come un mercato che sfonderà i trenta miliardi di dollari di transazioni. E se l’estate si avvicina non potete non andare in vacanza con le vostre app di stagione ed essere così impreparati di fronte all’acquisto di un cocomero o ad un attacco di uno stormo di zanzare…

Melon Meter

Zanzare e angurie

Chissà se i nostri pronipoti riusciranno a compiere un qualunque gesto senza ricorrere ad una app. Ma già adesso una app può evitarci sorprese fastidiose. Ad esempio: arriva l’estate e si moltiplicano le serate a base di angurie e meloni. Ma come essere sicuri se un cocomero è maturo? Quello che i nostri nonni facevano usando solo un pizzico di esperienza, oggi lo fa l’app “Melon Meter”, nata in Cina e, incredibile ma vero, prima nelle classifiche ITunes in Kuwait e Armenia (!?), dove evidentemente la maturazione dell’anguria è un problema assai sentito. Costa 1,99 € e, una volta istallata, permette di avere il responso sull’opportunità di acquisto o meno del cocomero battendo con il pugno si di esso semplicemente “nei pressi” del telefono. In Italia, invece, la zanzara è uno dei flagelli dell’estate ed ecco che quindi che ci vengono incontro una “gamma” di app anti-insetto fra cui c’è solo l’imbarazzo della scelta: da “No Zanzare” a “Mosquito Repellent”. Sono gratis e pare agiscano facendo emettere al cellulare – scusate se l’ho chiamato così, mi è scappato – un ultrasuono che, riproducendo il richiamo sessuale della zanzara-maschio respinge le zanzare-femmine fecondate che in genere pungono. Funziona? I pareri degli utenti sono diversi, ma l’hanno provato in qualche milione…

 The Millionaire App, Prezzi Benzina e HypnoMe

app-iconePS

E andiamo sul tradizionale: se state per partire non vi consigliamo il conosciutissimo “SkyScanner” che venti milioni di persone nel mondo usano per cercare un volo, ma piuttosto vi informiamo dell’esistenza di “iVIP Black”, una simpatica applicazione che non è pensata per la plebe come noi ma per i miliardari: costa 899,99 euro nella versione base e necessita una verifica finanziaria prima di essere installata per accertare che il vostro patrimonio superi il milione di dollari. “The Millionaire App” vi permetterà di essere ricevuti in hotel esclusivi, prenotare aerei privati, scovare sartorie esclusive o scegliere i campi da golf. Utilissimo, no? Per i terrestri, invece, potrà esservi utile, prima di mettervi in viaggio con la macchina “Prezzi Benzina”, strepitosa app nostrana capace di darti in tempo reale le informazioni sul distributore di benzina più economico vicino a te. E’ pure gratis. E concludiamo con la vita da spiaggia ovviamente. Sei indecisa su che crema solare utilizzare? Ecco “Ibronze” che in base alla tipologia della tua pelle e al meteo del posto dove sei, ti suggerisce la protezione solare da utilizzare per evitare la scottatura. E se la spiaggia ti annoia e non sai cosa fare o se non riesci a superare lo stress quotidiano nemmeno con le vacanza? Niente paura: non hai che da ricorrere a “HypnoMe”, la prima app autoipnotica per il tuo smartphone, che ti farà cadere in trance per superare i tuoi complessi. Non è dato sapere se è anche in grado di risvegliare l’ipnotizzato a termine trattamento. Speriamo di sì, in caso contrario segnalatecelo…

Ivip Black


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *