Intervista a Emanuela Postacchini: “Dalle Marche a Hollywood!”

Bellissima, molto sensuale e determinata: l’attrice Emanuela Postacchini ci racconta la sua avventura hollywoodiana e il film in cui la vedremo ballare con Liam Neeson…

Emanuela Postacchini - One Hundred Portraits

Si chiama Emanuela Postacchini, ha 26 anni e da quando ne ha 15 sta costruendo passo dopo passo la sua strada verso il successo. La sua bellezza l’ha portata a intraprendere presto una carriera da modella e a partecipare a concorsi come Miss Italia (dove nel 2005 arrivò con la fascia di Miss Eleganza Marche), e la sua intraprendenza l’ha spinta ancora più in là, fino Oltreoceano. Dopo aver preso parte a qualche fiction come R.I.S. Roma 3, Le mani dentro la città e al film Poker Generation, ed essere stata scelta come testimonial del brand di hairbeauty Cotril, la giovane attrice marchigiana ha spiccato il volo verso La Mecca del cinema, Hollywood, dove si trova ora, impegnata a costruirsi un futuro da star. Qui a notarla è stato un regista del calibro di Paul Haggis (premio Oscar per Crash) che l’ha scelta per una, seppur piccola, parte nel suo ultimo film, Third Person, in cui l’attrice si è ritrovata a recitare (e ballare) con un pezzo da novanta come Liam Neeson.

Noi l’abbiamo incontrata alla presentazione del libro fotografico One Hundred Portraits di Angela Lo Priore, che raccoglie 100 scatti realizzati dalla fotografa a grandi star del cinema italiano e internazionale (inclusi Brad Pitt e Al Pacino), e nel quale compare anche un suo bellissimo ritratto black and white (vedi qui sotto). Emanuela era in partenza per Los Angeles, dove tanti progetti e un fidanzato la aspettavano a braccia aperte. Ecco cosa ci ha raccontato…

Che effetto fa vedere la propria foto accanto a star come Al Pacino, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow nel libro One Hundred Portraits?
Sono stata davvero onorata da questa chiamata e ammiro molto Angela Lo Priore (la fotografa autrice del libro ndr) che è un’artista fantastica. Ha saputo instaurare un rapporto bellissimo tra me e l’obiettivo sul set e poi io adoro il bianco e nero.

Tu a Hollywood, tra queste star internazionali che vediamo nel libro, ormai non sei più una sconosciuta… Parlaci dei film che hai girato.
Nei prossimi mesi uscirà The Third Person, di Paul Haggis, in cui interpreto una ragazza napoletana e poi in autunno dovrebbe arrivare anche Thursday, un thriller psico-religioso che tratterà temi molto forti e di cui sono molto orgogliosa, perché ha un cast internazionale.

Certo che essere scelti da Paul Haggis dev’essere stata una bella soddisfazione…
Sì, devo dire che non me lo aspettavo. Non perché non credessi in me, però è stato uno dei primi provini che ho fatto in America… Paul Haggis poi è un regista che stimo molto e il fatto che mi abbia scelto è stata sicuramente una spinta per continuare.

Tra l’altro è un film con un cast stellare: da Liam Neeson a Adrien Brody, da Olivia Wilde a Mila Kunis…
Sì infatti. Io ho recitato con Liam Neeson e Olivia Wilde. Era una scena di ballo che abbiamo girato a Cinecittà, dove si è svolta parte delle riprese.

Com’è stato ballare con un attore come Liam Neeson?
È stato divertente! Lui è molto alto e abbiamo ballato un lento. Anche se non ho avuto un ruolo da protagonista è stato un grande insegnamento per me!

Sappiamo che ora sei di nuovo in partenza per Los Angeles. Che progetti hai?
Sì, ormai sono quattro anni che mi divido tra l’America e l’Italia e negli ultimi due anni sono stata più là che qua. In questo momento ci sono un po’ di progetti per l’anno prossimo su cui sto lavorando e poi continuerò a lavorare con il mio vocal coach, perché l’inglese è la prima arma per un’attrice che vuole emergere.

Emanuela Postacchini

Ma quando sei negli States incontri altri italiani? Magari Elisabetta Canalis, Alessandra Mastronardi o altri vip nostrani che sono a cercare “l’America”?
Io in realtà non faccio molta vita mondana e non vado quasi mai ai party. Ho amici italiani, ma non tutti fanno parte del mondo dello spettacolo. E poi di giorno sono sempre a scuola.

Torni spesso nel tuo paesino d’origine nelle Marche? Lì come è vissuto il tuo successo? Sarai un po’ la star del paese…
Sì, i miei compagni di classe spesso mi scrivono e m’incoraggiano. Li sento vicini anche se non ci vediamo spesso. Anche perché quando torno mi piace passare il tempo con la mia famiglia e non esco spesso. In questo sono un po’ timida: essendo un paesino, quando torno mi sento gli occhi puntati addosso, ma io sono molto riservata e non mi piace vantarmi e mostrarmi.

Sappiamo che hai avuto una love story con Stephen Dorff, ora in che rapporti siete?
Ci siamo lasciati 2 anni e mezzo fa e diciamo che io non credo nell’amicizia dopo l’amore. Lui ha fatto parte della mia vita, ma non ripenso al passato…

Ora sei innamorata?
Sì, sono fidanzata con un cantautore che stimo moltissimo: si chiama Jameson Burt e vive a Los Angeles. Ci siamo conosciuti lì e stiamo insieme da un anno e mezzo.

L’hai già portato in Italia a conoscere i tuoi?
Sì, viene spesso anche per motivi di lavoro. Ai miei piace perché è un ragazzo molto dolce.

Tu che tipo sei in amore, sogni il matrimonio e i figli?
Credo che una donna dopo i 25 anni inizi a sentire un cambiamento. Per me, che ne ho 26, in effetti è stato così. Mi sento più materna e più donna ora. Detto questo, non faccio progetti, mi piace prendere le cose come vengono…

Emanuela Postacchini


Vedi altri articoli su: Celebrity | Spettacoli |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *