Cannes, Ryan Gosling diserta, Robert Redford no

Cannes, Ryan Gosling diserta, Robert Redford no

Refn ha presentato Solo Dio perdona senza il suo attore protagonista, il bel Ryan Gosling, mentre Robert Redford ci ha insegnato come si sopravvive in mezzo al mare

-
23/05/2013

Nei giorni scorsi abbiamo visto sfilare a Cannes Justin Timberlake, Matt Damon. Mancava solo lui sulla Croisette, per la gioia delle sue tantissime ammiratrici. E invece no.

[dup_immagine align=”alignright” id=”20444″]

Ryan Gosling, protagonista di Solo Dio perdona di Nicolas Winding Refn, non è venuto al Festival. La voce di una sua possibile assenza era girata nei giorni scorsi, ma la speranza è sempre l’ultima a morire. Ieri la conferma durante la conferenza stampa di presentazione della pellicola. In un breve messaggio, l’attore ha detto di essere molto dispiaciuto di non essere a Cannes, ma è impegnato su un altro set…


[dup_immagine align=”alignleft” id=”20445″]The Show Must Go On, lo spettacolo deve continuare, e quindi Nicolas Winding Refn ha presentato il film senza Gosling. I due erano stati insieme a Cannes del 2011 con Drive, pellicola che allora aveva ricevuto il premio alla migliore regia, tra gli abbracci e i baci che si erano scambiati Gosling e Refn. Quest’anno, sul red carpet, il regista si è “dovuto accontentare” di due bellissime donne: Kristin Scott Thomas e Rhatha Phongam.
Solo Dio perdona, in concorso al Festival di Cannes, nelle sale italiane dal 30 maggio, è una storia di violenza e di vendetta, scatenata dopo l’uccisione di Billy (Tom Burke). Il fratello Julian (Ryan Gosling), senza spendere tante parole (ancora meno di Drive per intenderci…) si metterà in cerca degli assassini.
In conferenza stampa gli è stato chiesto il perché di una pellicola così dura è il regista ha risposto che per lui l’arte è violenza e che gli esseri umani vengono al mondo con un fortissimo istinto di sopravvivenza e per questo sono violenti, ma che con il passare del tempo sviluppano necessità e domande di ordine spirituale. Non a tutti però questo lato aggressivo è piaciuto e la critica si è divisa in modo netto tra elogi e delusioni.
[dup_immagine align=”aligncenter” id=”20447″]

Robert Redford torna in scena

[dup_immagine align=”alignleft” id=”20449″]Giudizi completamente positivi invece per il nuovo film di Robert Redford, All is Lost, di J.C.Chandor (Margin Call). L’attore di La Stangata e L’uomo che sussurrava ai cavalli, in questa storia è un uomo che combatte per la sopravvivenza in mezzo all’oceano (film non adatto a chi ha organizzato una gita o una vacanza in barca nei prossimi mesi!).
Qualcuno ha scherzato su questa pellicola dicendo: “Cannes ha di nuovo un film muto dopo The Artist”. E in effetti in All is Lost, ancora di più che Solo Dio Perdona, non ci sono battute, a parlare è solo la forza degli elementi. Di questo ingrediente del film ha parlato anche Redford a Cannes dicendo che non è stato facile girare da solo e senza parole, ma che crede nel valore del silenzio di questa pellicola.
[dup_immagine align=”aligncenter” id=”20450″]


Leggi anche: Taglie americane e taglie italiane: convertitore e come districarsi

  • Scrittore e Blogger