Donne e carriera, Est Europa ai primi posti delle classifiche

In Lettonia il record: il 46% dei manager è donna. Seguono Francia, Slovenia, Lituania e Ungheria

donne-manager

Ci sono più donne che fanno carriera nell’Europa dell’Est che in quella dell’Ovest. È questo il risultato di una ricerca di Das, compagnia del gruppo Generali che si occupa di tutela legale. Per il lancio della polizza diretta a sindaci, amministratori, quadri e dirigenti, Das ha analizzato i dati sul numero di manager nei vari Paesi Ue, numero che negli ultimi 6 anni è diminuito del 29%: oggi in un Europa ci sono 13 milioni di manager, 5 milioni in meno del 2007. Le uniche eccezioni a questo trend negativo sono Malta, Cipro, Slovenia e Svezia.

Interessante è la parte dedicata alle quote rosa: in Europa solo un terzo dei manager è donna ma in alcuni Paesi si sfiora quasi la parità. È il caso della Lettonia con il 46% di donne ai piani alti. Segue la Francia con il 39%, in linea con altri Stati dell’Est Europa: Slovenia, Lituania, Ungheria. Un gradino più in basso per la Polonia (38%), che supera per tre punti percentuali la Bulgaria. Chiudono la top ten del numero di donne manager europee la Svezia (Stato spesso associato alla parità dei sessi e delle opportunità) e il Portogallo con il 35% e infine il Regno Unito (34%, anche se sono in crescita).

E l’Italia? Che non sia un Paese per donne forse l’avevate già capito e infatti troviamo il nostro tricolore alle ultime posizioni della classifica con il 26% di quote rosa (217mila donne in posizioni importanti). Peggio di noi solo Grecia, Macedonia, Lussemburgo e Cipro. Possiamo consolarci pensando che neanche la Danimarca, Paese noto ai più perché anche il primo ministro è donna, è posizionato bene con solo i 28% di manager in rosa. Stessa cosa per la Germania (28%). Se vogliamo fare carriera non ci resta che l’Est Europa!


Vedi altri articoli su: Attualità |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *