Sag Awards 2015: trionfo per Birdman e Julianne Moore

Dopo i Golden Globe, prima degli Oscar, ci sono i Screen Actors Guild Awards. Sul secondo red carpet dell’anno hanno sfilato attori in haute couture, in attesa dell’Academy.

I Sag Awards sono ritenuti indicatori attendibili in vista degli Oscar. Molti membri dell’associazione fanno infatti parte anche degli Academy Awards, per cui i vincitori del premio sono considerati favoriti per la vittoria dell’ambita statuetta. E in 24 ore molte cose posso cambiare. I premi che vengono consegnati ogni anno dallo Screen Actors Guild, il sindacato degli attori, come riconoscimento per le migliori interpretazioni hanno infatti confermato il momento positivo di Birdman che ha battuto il tanto celebrato, ai Globe, Boyhood. Il film di Alejandro González Inárritu, presentato in anteprima mondiale al Festival di Venezia, ha fatto suo il riconoscimento per il miglior cast.

Miglior attore protagonista dell’anno Eddie Redmayne per La teoria del tutto, già vincitore ai Golden Globe e a questo punto vero favorito per gli Oscar. Trionfo meritato anche per Julianne Moore, anche in questo caso già vincitrice ai Golden Globe con Still Alice. Mai vincitrice di un premio Oscar, per l’attrice sembrerebbe finalmente arrivato il momento atteso per un’intera carriera. Vittoria importante anche per J.K. Simmons, attore non protagonista dell’acclamato Whiplash, con Patricia Arquette migliore attrice non protagonista in Boyhood.

Ma i premi assegnati allo Shrine Exposition Center di Los Angeles son stata anche l’occasione le star di proseguire i loro esercizi di stile sul red carpet in attesa della grande notte degli Academy Awards. Emma Stone ad esempio si è affidata ancora una volta alle sapienti mani della maison Dior per il suo look: questa volta niente pantaloni, sostituiti da un velo nero trasparente in chiffon. Sofia Vergara ha optato per un lungo e aderente abito monospalla rosso di Donna Karan Atelier. Jennifer Aniston ha proposto uno stile più sexy e ha scelto uno scollatissimo abito vintage di John Galliano. Lupita Nyong’O ha optato per un abito arcobaleno disegnato da Elie Saab, un look che pare essere piaciuto molto a Jared Leto, che indossava un originale completo scuro e portava i capelli sciolti. Tenuta in blu per Daenerys di Game Of Thrones, ovvero Emilia Clarke, mentre la giovane Sarah Hyland è apparsa orgogliosa sul red carpet con una creazione firmata Vera Wang, che lei stessa ha contribuito a disegnare. Una Keira Knightley al quarto mese di gravidanza avvolta in un estroso abito lilla di Erdem ha catalizzato le attenzioni dei fotografi. Non potevano mancare Julia Roberts vestita da Givenchy, come la vincitrice del premio come miglior attrice Julianne Moore, che ha scelto anche lei Givenchy Couture e Naomi Watts in Balenciaga accompagnata da Liev Schreiber.



Le figlie di Mara Maionchi: chi sono e cosa fanno nella vita
Celebrity

Le figlie di Mara Maionchi: chi sono e cosa fanno nella vita

Le frasi più celebri e divertenti di Mara Maionchi
Celebrity

Le frasi più celebri e divertenti di Mara Maionchi

Tredici Pietro, chi è il figlio di Gianni Morandi
Celebrity

Tredici Pietro, chi è il figlio di Gianni Morandi

Ivana Icardi, chi è e cosa fa la sorella di Mauro
Celebrity

Ivana Icardi, chi è e cosa fa la sorella di Mauro

Sahar Tabar, chi è l'iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie
Celebrity

Sahar Tabar, chi è l’iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie

Sfera Ebbasta e il papà vita privata del cantante trapper
Celebrity

Sfera Ebbasta e il papà: vita privata del cantante trapper

Denis Dosio i trattamenti di chirurgia a cui si è sottoposto
Celebrity

Denis Dosio: i trattamenti di chirurgia a cui si è sottoposto

Il Club 27 vip morti tragicamente a 27 anni
Celebrity

Il Club 27: vip morti tragicamente a 27 anni

Il Club 27 vip morti tragicamente a 27 anni
Celebrity

Il Club 27: vip morti tragicamente a 27 anni

Il Club 27 è la definizione con cui i giornalisti hanno incluso i cantanti morti all’età di 27 anni.

Leggi di più