Avicii firma la canzone più ascoltata in assoluto su Spotify

Wake me up ha battuto ogni record con 200 milioni di ascolti (circa 850mila al giorno). Al secondo posto Radioactive

Avicii

Wake me up di Avicii, il giovane talento musicale svedese, continua a fare parlare di sé. Dopo il successo mondiale nell’estate 2013 ecco un nuovo incredibile traguardo: Wake me up è la canzone più ascoltata di tutti i tempi su Spotify, il famoso servizio musicale in streaming on demand. Si parla di ben 200 milioni di ascolti, un risultato impressionante, con un notevole distacco rispetto all’ex prima in classifica, ovvero Radioactive degli Imagine Dragons (182 milioni di streaming).
Il successo era quasi annunciato visto che la canzone, al momento del lancio, ha scalato subito le classifiche di tutti e 28 i Paesi (oggi sono 55) in cui il servizio di Spotify era presente, battendo ogni record anche per la velocità a cui è arrivata ai 100 milioni di ascolti a settembre 2013.
Curiosità: sapete in quali città il brano di Avicii va più forte? Il ragazzo gioca in casa visto che dominano la classifica Stoccolma e Oslo, seguita da Göteborg (Svezia). Londra e New York sono al quarto e al quinto posto delle località-fan di Wake me up. L’Italia non è in top ten ma le tre città in cui la canzone ha avuto più successo sono Milano, Roma e Torino.
Soddisfatto naturalmente l’artista che ringrazia tutti i suo fan.

Avicii

Avicii, nome d’arte di Tim Bergling, viene da una terra fredda ma amante della musica, Stoccolma, la stessa città da dove era partito il fenomeno pop degli Abba negli anni Settanta. Allora il giovane talento non era ancora nato, visto che di anni ne ha solo 24 ma ha una grande passione. Pensate che nonostante la giovane età è già stato nominato due volte ai Grammy Awards, gli oscar della musica, per Sunshine, creata in collaborazione con un mostro sacro della dance music, David Guetta, e per un’altra hit, Levels.
Intanto possiamo goderci il nuovo singolo Hey Brother e aspettare un nuovo successo.


Vedi altri articoli su: Attualità |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *