Living Coral: una casa color Pantone

Per quest’anno Pantone ha scelto una nuance calda che trasmette ottimismo, ma che evoca anche il ruolo centrale della salvaguardia ambientale. Come si impiega in casa questa tonalità? Ecco qualche suggerimento di stile.

Preparatevi a vederlo praticamente ovunque: parliamo del Living Coral che è ufficialmente il colore dell’anno.
A decretarlo il Pantone Color Institute che ha scelto per il 2019 questa nuance chiara del corallo, una sfumatura molto delicata a cavallo tra le tonalità dell’arancio e pesca.

Si tratta di una shade calda che trasmette ottimismo, ma non solo. Evoca infatti anche il ruolo centrale della salvaguardia ambientale e invita a fare esperienze autentiche rispondendo così alla disumanizzazione dell’era digitale.

«È un momento così delicato per l’ambiente, dove i cambiamenti climatici stanno sbiancando le barriere coralline cancellando i loro arcobaleni», ha spiegato Laurie Pressman vice presidente di Pantone Color Institute.


Gli stilisti e i make up artist si sono già dati da fare per realizzare collezioni a tema, che rendano protagonista questo colore su abiti e accessori moda, e che siano la palette preferita di cosmetici da sfoggiare in abbinamento.

Ma anche la casa si veste di questo color corallo energizzante e che ci trasporta all’istante in un clima di spensieratezza e allegria.

A seconda dello stile delle proprie quattro mura – e dell’effetto che si vorrà ottenere – si potrà scegliere se osare un total look o solo qualche dettaglio di colore.

Ecco, dunque, qualche idea a cui ispirarvi per declinare il Living Coral nei diversi ambienti della casa.

La porta di casa

Iniziamo dall’ingresso, ovvero dalla porta di casa. Per creare da subito un’atmosfera gioiosa e socievole si può scegliere il colore Living Coral già per la porta d’ingresso.

Con finiture laccate, sofisticati decori o semplicemente tinteggiata, le porta color corallo trasmette allegria e ottimismo ai vostri ospiti e anche voi, quando magari rientrate nervose a casa dopo una giornata di lavoro non proprio semplice.

Guardate, ad esempio, l’effetto dinamizzante di questa porta di FerreroLegno.

Le pareti

La carta da parati ultimamente è tornata di gran moda, anche solo per rivestire una sola parete della stanza. Colori soft o accesi, grafismi, geometrie, fiori, rappresentazioni jungle… Le opzioni sono le più svariate per abbinarsi a qualsivoglia tipologia di arredo.

WallPepper®, che oltre alle sue 500 grafiche a catalogo è in grado di proporre soluzioni su misura, ha accolto il Living Coral nelle sue differenti sfumature per conferire alle carte da parati un appeal trendy e contemporaneo.

Rigogliosi giardini, cieli infiniti, foreste tropicali e grafiche astratte assumono così tinte corallo ora più tenui, ora intense, per avvolgere lo spazio e dare vita ad ambienti intimi e carichi di personalità.

Le carte da parati WallPepper® sono realizzate con fibre tessili e cellulosa, e questo le rende soffici e calde al tatto, oltre che molto resistenti.

Se necessario, possono poi essere trattate in maniera tale da essere utilizzate anche su pavimento e soffitto, all’interno così come all’esterno.

Ecco qualche esempio, non sono strepitose?

I tappeti

Scaldano l’atmosfera ma rappresentano anche veri e propri complementi d’arredo che riempiono spazi spogli o in cui serve una nota di colore.

Parliamo dei tappeti, sui quali le declinazioni color corallo sono davvero tante e adatte a tutti gli stili di interior design.

Attingendo a questa palette cromatica di assoluta tendenza, Illulian, ad esempio, ha interpretato nella nuova variante di colore alcuni dei suoi tappeti più apprezzati.

La barriera corallina è protagonista di Amalfi e St. Barth della Marina Collection, in cui preziose architetture di corallo si stagliano su uno sfondo in un piacevole contrasto cromatico.

Una miscela caleidoscopica di sfumature corallo cariche di vitalità anima le geometrie di Kinesis, mentre in Kaboom questa tonalità vibrante è al centro del pattern del tappeto che richiama l’action painting.

Effetto total Coral invece per Athos, appartenente alla Palace Collection, la cui ricca decorazione damascata tratta da antichi disegni è di grande impatto visivo e regala un effetto molto chic.

Mobili e complementi

Quanto ai mobili ci si può davvero sbizzarrire: poltrone, librerie, divani, letti, sanitari ma anche singoli accessori come vasi, suppellettili o elettrodomestici.

Il color Living Coral si presta a un’infinità di interpretazioni nell’ambito dell’interior design, l’unico limite è la vostra fantasia e l’accostamento al resto dell’arredamento.

Molto elegante e avvolgente è, ad esempio, questa poltrona di Carl Hansen & Son. Grazie alla tardiva scoperta dei disegni di Wegner del 1960 la CH468 Oculus Chair è stata messa in produzione nel 2010 in linea con la visione originale del designer e chiamata “Oculus”, dal latino occhio, in riferimento alla forma a occhio nella tappezzeria dello schienale della poltrona.

 

Particolarmente originale, se avete la casa su due piani e a unirli è una scala a chiocciola, questa di Fontanot qui proposta nella versione Living Coral capace di regalare un’atmosfera allegra e briosa.

Clip, questo il nome del modello, è realizzata in acciaio verniciato a polvere, e si caratterizza grazie alle linee marcatamente urban e alle vivaci colorazioni che la rendono un elemento d’arredo funzionale ideale per gli ambienti moderni, giovani e fuori dagli schemi.

 

In cucina potete optare per un top o una parete di ante color Living Coral, che spezzi un colore a tinta unita come il bianco o il legno chiaro o che smorzi la freddezza dell’acciaio.

Ecco un esempio di cucina Abimis che ben integra il color Pantone 2019.

 

E anche in bagno il Living Coral può trovare spazio, rendendo l’ambiente chic, ma con un tono di colore.

La collezione File 2.0 di The Artceram, semplice e dalle linee stondate, è dotata del sistema Rimless che prevede l’eliminazione del bordo interno del wc, mantenendo la continuità della ceramica.

La serie è disponibile in nove varianti di colore: arancio cammeo, rosso corallo, blu zaffiro, giallo zinco, bianco lucido, bianco matt, grigio oliva, nero lucido, nero matt. Semplice ma di grande impatto.

Gli errori da non fare

Infine qualche suggerimento per non commettere errori. L’interior designer Irina Krasheninnikova sconsiglia l’uso di questo colore nelle camere dei più piccoli.

«Non lo utilizzerei per i muri nella nursery, perché potrebbe stimolare eccessivamente il bambino. I più piccoli sono spesso molto emotivi e una tale abbondanza di colori vivaci può risultare troppo eccitante».

Inoltre, secondo l’interior giapponese Mayumi Amimura dobbiamo stare attenti quando lo abbiniamo con il rosso e l’arancione: «Anche se si amano i colori caldi, un uso eccessivo potrebbe potenziarne l’effetto e compromettere l’atmosfera rilassante».



3 ricette natalizie da realizzare con il robot da cucina multifunzione
Elettrodomestici

3 ricette natalizie da realizzare con il robot da cucina multifunzione

Come apparecchiare la tavola a Natale
Arredamento

Come apparecchiare la tavola a Natale

Gli accessori indispensabili per un bagno in perfetto stile relax
Arredamento

Gli accessori indispensabili per un bagno in perfetto stile relax

Materasso gonfiabile, come sceglierlo
Consigli per la casa

Materasso gonfiabile, come sceglierlo

Cibo che fa male ai cani
Animali domestici

Cibo che fa male ai cani

Elettrodomestici

Scaldavivande: come funziona e i modelli più pratici per l’ufficio

Come arredare il salotto in stile retrò
Arredamento

Come arredare il salotto in stile retrò

Educare un gatto: come insegnargli dei comandi
Animali domestici

Educare il gatto: come insegnargli dei comandi

Le piante per gli ambienti umidi come cucina e bagno
Arredamento

Le piante per gli ambienti umidi come cucina e bagno

Se sei un’amante delle piante e ami essere circondata di verde, scopri quali sono gli esemplari che meglio si adattano agli ambienti umidi della casa come cucina e bagno.

Leggi di più