Zona living Scavolini
Casa

Bonus mobili 2013: le novità

L’ultima circolare dell’Agenzia delle Entrate definisce i prodotti interessati dalla detrazione Irpef in caso di ristrutturazione e specifica le modalità di pagamento

Ci sono ulteriori dettagli importanti per chi vuole usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici approvato all’inizio di agosto, che stabilisce la possibilità di beneficiare, fino al 31 dicembre 2013, di una detrazione Irpef per acquisti legati a interventi di ristrutturazione edilizia. La circolare 29/E, pubblicata dall’Agenzia delle Entrate lo scorso 18 settembre, ha infatti dettagliato le tipologie di prodotti interessati dagli incentivi, chiarendo anche le modalità di pagamento consentite.

I mobili e gli elettrodomestici ammessi

Per quanto riguarda l’arredamento e gli elettrodomestici, il loro acquisto deve essere connesso a lavori edilizi effettuati tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2013 e deve avvenire tra il 6 giugno e il 31 dicembre 2013. Le detrazioni coprono, lo ricordiamo, il 50% della spesa fino a un tetto di 10 mila euro, e vengono suddivise nell’arco di 10 anni.

Tra le tipologie di arredo incluse figurano mobili di tutti i tipi quali ad esempio cassettiere, armadi, letti, comodini, librerie, tavoli, scrivanie, sedie, poltrone, divani e credenze, a cui si aggiungono apparecchi per l’illuminazione e materassi.

Sono invece esclusi le porte, la pavimentazione, i tendaggi e altri complementi d’arredo.

Piano cottura a gas Candy
Il bonus elettrodomestici include anche apparecchi senza l'obbligo di etichettatura energetica

Passando agli elettrodomestici, tra i prodotti menzionati a titolo esemplificativo nella circolare compaiono congelatori e frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, asciugatrici, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi per la cottura, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento e radiatori elettrici. Il documento ha inoltre chiarito che, a differenza di quanto inizialmente stabilito, è contemplato nel bonus fiscale anche l’acquisto di elettrodomestici non ancora interessati dall’obbligo di etichettatura energetica (come i piani cottura e le cappe).

È utile anche sapere che, sia per i mobili sia per gli elettrodomestici, il bonus fiscale include pure le spese di trasporto e montaggio.

Pagamento: non solo bonifico

Una novità importante riguarda le modalità di pagamento ammesse, che includono, oltre al bonifico bancario, anche carte di credito o di debito. In quest’ultimo caso farà fede la data di utilizzo della carta e occorrerà conservare le ricevute di avvenuta transazione e la documentazione di addebito sul conto corrente, oltre naturalmente alle fatture di acquisto che riportino natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti. Non sono invece ammessi pagamenti con assegno o contanti.

Segnaliamo infine che l’Agenzia delle Entrate ha redatto una guida on line relativa al bonus mobili.



Ombrellone da balcone, ecco alcune indicazioni
Arredamento

Ombrellone da balcone, ecco alcune indicazioni

5 piante grasse da interno per arredare casa
Arredamento

5 piante grasse da interno per arredare casa

Diventa anche tu chef in cucina con i robot tuttofare
Elettrodomestici

Diventa anche tu chef in cucina con i robot tuttofare

Costumi da bagno per cani
Animali domestici

Costumi da bagno per cani

Lavano, asciugano e aspirano: i tuttofare della pulizia domestica
Elettrodomestici

Lavano, asciugano e aspirano: i tuttofare della pulizia domestica

Telo copriauto: come lavare in base al tessuto
Pulizie di Casa

Telo copriauto: come lavare in base al tessuto

Gatto siamese: carattere e colori di questa razza
Animali domestici

Gatto siamese: carattere e colori di questa razza

Bastoncini del gelato idee per un riciclo creativo
Riciclo creativo

Bastoncini del gelato: idee per un riciclo creativo

Zafferano, come si coltiva e come curarlo
Giardinaggio

Zafferano, come si coltiva e come curarlo

La coltivazione dello zafferano richiede attenzione e una buona manualità. Dalla scelta del terreno all’essiccazione degli stimmi, ecco cosa c’è da sapere.

Leggi di più