Rilassamento cutaneo, cause e rimedi
Bellezza

Rilassamento cutaneo, cause e rimedi

Dieta, attività fisica, creme e trattamenti in istituto. Ecco gli strumenti per contrastare un fenomeno naturale ma antiestetico: il rilassamento cutaneo.

Il rilassamento cutaneo è un fenomeno naturale e inevitabile. È causato dal progressivo peggioramento del grado di elasticità e idratazione della pelle. Con l’avanzare dell’età, infatti, l’epidermide si assottiglia e perde la sua capacità di rinnovarsi.

Elastina e collagene

Il rilassamento cutaneo si manifesta in entrambi i sessi su viso e corpo. Nelle donne, tuttavia, risulta più evidente, ed è dovuto principalmente alla progressiva perdita, in quantità e qualità, di elastina e collagene, proteine strutturali presenti nel nostro organismo fin da bambini.

Le fibre di elastina e collagene conferiscono tonicità e resistenza alla pelle, formando una sorta impalcatura di sostegno della cute, proteggendola dai cedimenti. Quando queste fibre iniziano a deteriorarsi, si accelera la comparsa delle rughe e la pelle appare sempre più flaccida, cadente, secca e priva di tono.

Questa evoluzione si manifesta sia nell’epidermide (lo strato più esterno) che nel derma, il livello sottostante in cui sono presenti i bulbi piliferi, le ghiandole sudoripare e le terminazioni nervose. Le ragioni di questa degenerazione – talvolta prematura – possono essere svariate: alcune fisiologiche, altre correlate a pessime abitudini personali o a fattori ambientali.

Le cause del rilassamento cutaneo

Il decadimento della pelle non dipende solo dalla predisposizione genetica ma, in buona parte, dall’ambiente che ci circonda e dallo stile di vita. Il sole è senza dubbio il nemico numero uno: si parla infatti di foto-invecchiamento.

I raggi ultravioletti, se non adeguatamente schermati, causano rilevanti alterazioni, tra cui la formazione di antiestetiche macchie, una maggiore fragilità della pelle e la comparsa di rughe sempre più marcate ed evidenti. Oltre al sole, altri fattori concorrono all’insorgere di un precoce rilassamento cutaneo: inquinamento dell’aria, stress psico-fisico, una beauty routine del viso non corretta e alimentazione disordinata.

Senza dimenticare il fumo di sigaretta. Il ben noto “volto del fumatore” è caratterizzato da rughe verticali sopra il labbro superiore, dette “codice a barre”, zampe di gallina molto pronunciate intorno agli occhi, guance cadenti con linee sottili, pelle poco elastica, disidratata e dal colorito grigio-pallido.

Il rilassamento cutaneo causato da un forte dimagrimento

La perdita di peso, se brusca ed eccessiva, non permette alla pelle di adattarsi in modo graduale a questo cambiamento. Può accadere dopo mesi di dieta ipocalorica o dopo una gravidanza.

Il collagene, di conseguenza, perde la propria struttura e non è più capace di svolgere la sua funzione di sostegno, provocando una marcata riduzione nel tono e nell’elasticità della pelle. Si manifestano così dei veri e propri cedimenti, evidenti soprattutto sul viso all’altezza delle guance, che appaiono rilassate e grinzose e degli zigomi, che perdono la loro definizione.

Colpiti anche gli occhi – una o entrambe le palpebre sono più basse del loro normale livello – e il collo, che diventa molle e cadente. Anche il corpo, con il forte dimagrimento, risente di questo processo accelerato di invecchiamento. Il seno appare sempre più rilassato, l’addome flaccido e grinzoso, i glutei perdono tonicità, così come l’interno delle braccia, delle cosce e le ginocchia. Compaiono le smagliature.

Combattere il rilassamento cutaneo a tavola

Una corretta alimentazione è la prima arma per avere una pelle tonica ed elastica. Bevi almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Assicurati il giusto apporto quotidiano di proteine, fondamentali per la costruzione e la riparazione di muscoli e cute.

Seguendo una dieta varia ed equilibrata assumerai anche vitamine A, C ed E, dalle proprietà foto protettive e antiossidanti, sali minerali e gli acidi grassi Omega 3, questi ultimi importanti per prevenire i danni causati da un’eccessiva esposizione solare. Per stimolare ulteriormente il processo di rinnovamento della pelle, soprattutto se hai una vita frenetica e dopo i 40 anni, puoi ricorrere agli integratori a base di collagene e acido ialuronico.

L’attività fisica è altrettanto importante. Scegli una disciplina che ti piace e in grado di tonificare tutte le fasce muscolari. Sei pigra? Opta per attività slow come la camminata a passo svelto o la cyclette abbinata ad esercizi facili per le braccia (come quelli da eseguire con le bottiglie d’acqua). L’importante è fare esercizio tutti i giorni.

La beauty routine

Una corretta detersione e l’applicazione di cosmetici mirati rientrano tra le sane abitudini quotidiane per contrastare il rilassamento cutaneo. Detergi bene il viso tutte le sere prima di andare a dormire, anche se non sei truccata.

Al mattino, anche in inverno, applica una crema idratante con fattore di protezione solare. Se hai la pelle secca, per il viso e per il corpo scegli sostanze nutrienti come gli oli di jojoba, di karité, di mandorle, di avocado e di argan. Per la crema notte, andrà bene il retinolo. Esfolia la pelle una-due volte alla settimana per favorire il turn over cellulare e, con la stessa frequenza, applica sul viso una maschera nutriente, rassodante, rigenerante o lenitiva, in base al tipo di pelle.

Se la cute del viso appare già piuttosto rilassata, puoi ricorrere ai sieri effetto lifting con acido ialuronico e vitamina C. Invece, per conservare la compattezza dei tessuti del corpo, applica un prodotto rassodante a base di sostanza funzionali come caffeina, ginseng, echinacea e centella asiatica, con massaggi prolungati sulle aree più esposte al rilassamento cutaneo, come l’interno di cosce e braccia.

Combattere il rilassamento cutaneo con i trattamenti in istituto

I centri estetici più attrezzati propongono trattamenti sempre più all’avanguardia per intervenire in maniera mirata e con risultati più o meno duraturi sul rilassamento cutaneo. La radiofrequenza va bene sia per il viso che per il corpo.

Ci sono poi gli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità, che raggiungono il derma e i muscoli, stimolando il collagene e tonificando visibilmente la pelle. Passiamo alla medicina estetica. Con la carbossiterapia potrai intervenire sulle smagliature. Se non hai paura degli aghi, ci sono i filler a base di acido ialuronico.

A metà strada tra medicina e chirurgia estetica c’è l’inserimento, dove necessario, dei fili di sospensione. Per i risultati definitivi, infine, si ricorre alla chirurgia estetica. Il viso viene risollevato con il lifting. Per riempire seni e glutei “vuoti” e privi di tono, invece, si interviene con l’inserimento di protesi in silicone o con l’innesto di grasso prelevato da altre parti del corpo.



Filler viso, costo e tutto quello da sapere
Bellezza

Filler viso, costo e tutto quello che c’è da sapere

I colori dell'autunno nel make-up
Make up

I colori dell’autunno nel make-up della stagione

Colore unghie autunno 2020, Spicy Orange
Manicure

Colore unghie autunno 2020, Spicy Orange

Capelli blu notte, elettrico, sfumati o con riflesso
Hairstyle

Capelli blu notte, elettrico, sfumati o con riflesso

Rossetto a prova di mascherina, quali scegliere
Make up

Rossetto a prova di mascherina, quali scegliere

Addominoplastica costi e rischi
Bellezza

Addominoplastica: costi e rischi

Microneedling cos'è, costo e controindicazioni
Lifestyle

Microneedling: cos’è, costo e controindicazioni

Crioterapia estetica cos'è, costo e controindicazioni
Bellezza

Crioterapia estetica: cos’è, costo e controindicazioni

Come mi trucco per andare a scuola
Come mi trucco

Come mi trucco per andare a scuola

Make-up acqua e sapone, semplice e luminoso: ecco come truccarsi per andare a scuola per essere curate senza incorrere nelle ire dei professori

Leggi di più