Quanto costa la blefaroplastica
Bellezza

Quanto costa la blefaroplastica

La blefaroplastica è una tipologia di intervento estetico finalizzata a risollevare le palpebre cadenti. Ecco quanto costa e come funziona.

La blefaroplastica è uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesti. In sostanza, si tratta di chirurgia estetica delle palpebre, una procedura che consente di correggere in modo chirurgico i difetti di questa zona. Per esempio, borse di grasso, occhiaie molto vistose e palpebre cadenti che appesantiscono lo sguardo e lo invecchiano, facendolo sembrare perennemente affaticato.

D’altronde, la pelle nell’area perioculare tende a invecchiare molto velocemente, specialmente se non viene curata a dovere. Esistono poi anche inestetismi dovuti a genetica e conformazione, che purtroppo non sono trattabili con i semplici cosmetici.

Con la blefaroplastica, in sostanza, si rimuovono cute e grasso in eccesso sulle palpebre (sia quella superiore che quella inferiore) e si riposiziona l’arcata delle sopracciglia, quando è cadente.

Ma quali sono i costi di una blefaroplastica completa e cos’è, invece, la blefaroplastica non chirurgica? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere, concentrandoci in modo specifico su blefaroplastica superiore e inferiore e quanto costa ognuno di questi trattamenti. Approfondiamo anche il tema della blefaroplastica senza bisturi, sempre più richiesta e diffusa.

Come si fa la blefaroplastica superiore e quanto costa

La blefaroplastica superiore consiste nell’asportazione di borse di grasso ed eccesso di pelle nell’area palpebrale superiore. Molto spesso, durante l’intervento viene riposizionata anche la ghiandola lacrimale, che solitamente è dislocata e indolenzita. L’intervento di blefaroplastica superiore non è molto complicato. Ha una durata di 30 minuti circa e può essere eseguito anche in day hospital, con anestesia locale o generale a seconda delle condizioni di chi si sottopone all’operazione. Il chirurgo mette dei punti, molto sottili, che si rimuovono 3-4 giorni dopo la blefaroplastica. Questa tecnica lascia una cicatrice minima, praticamente invisibile, nella piega palpebrale superiore. Naturalmente sta poi alla bravura del chirurgo lasciare meno segni possibili sul volto del/della paziente. Si può tornare alla normale routine quotidiana, lavorativa e sociale, dopo 7-10 giorni dall’intervento.

Tra le controindicazioni si riscontra sovente un leggero gonfiore post operatorio, che però passa da solo in qualche giorno. Il costo della blefaroplastica superiore è di circa 2.000 euro.

Come si fa la blefaroplastica inferiore e quanto costa

Per quanto riguarda la blefaroplastica inferiore, invece, l’intervento è un po’ più complesso rispetto a quello che compete la sola area superiore. Si esegue in day hospital, solitamente in anestesia locale o generale, ma la tecnica è differente. Il chirurgo incide la palpebra inferiore cadente e rimodella così facendo le borse di grasso localizzate in questa zona, così come l’eccesso di cute che contribuisce a creare il difetto estetico. Le borse adipose non si rimuovono sempre, alle volte infatti vengono semplicemente riposizionate.

Anche la blefaroplastica inferiore comporta una piccola cicatrice e, anche in questo caso, l’intervento è indolore. Tuttavia, la ripresa è più lenta. Occorrono circa 2 settimane per tornare alla routine di tutti i giorni per chi si sottopone a un intervento di questo tipo.

Anche questo intervento ha un costo di 2.000 euro circa. Naturalmente, i due interventi – blefaroplastica superiore e inferiore – possono essere seguiti anche insieme se ce n’è bisogno. In questo caso, il costo complessivo è in media di 4.000 euro.

La tecnica transcongiuntivale

Merita un approfondimento a sé la blefaroplastica transcongiuntivale, un particolare tipo di trattamento per la correzione della palpebra inferiore. In sostanza, questa tecnica consiste nella rimozione delle sole borse adipose mediante un’incisione congiuntivale interna alla palpebra, che consente di non lasciare alcun segno né cicatrice.

Questa tecnica è la più adatta per le persone che hanno grasso in eccesso nella zona palpebrale e, inoltre, consente anche di migliorare lo sguardo mediante il sollevamento dell’angolo laterale dell’occhio. Aggiungiamo anche che la blefaroplastica transcongiuntivale non è invece adatta a chi ha eccesso di pelle intorno alle palpebre. Per questo inestetismo è necessario l’intervento tradizionale, l’unico che fa ottenere buoni risultati.

Cos’è e quanto costa la blefaroplastica non chirurgica

Negli ultimi anni, sono sempre di più le persone che scelgono alternative non chirurgiche anche in termini di blefaroplastica. Si tratta di trattamenti meno invasivi, con un decorso ancora più semplice nel post operatorio e che consentono di ritornare alle normali attività quotidiane in tempi ridottissimi. La blefaroplastica non chirurgica è conosciuta anche come non ablativa, poiché il chirurgo non effettua nessuna incisione.

L’eliminazione di cute e borse adipose avviene per sublimazione. Cosa significa? Con sublimazione ci si riferisce al passaggio dallo stato solido a quello gassoso o aeriforme e questo è possibile grazie a sistemi innovativi di ultima generazione. Vi invitiamo a chiedere al vostro medico estetico o chirurgo estetico di fiducia per ottenere ulteriori informazioni dettagliate.

Solitamente occorrono 2-3 sedute, a distanza di 3-4 settimane, per un costo di 250 euro l’una per ottenere dei risultati visibili e duraturi nel tempo.

Considerazioni finali

La blefaroplastica è sicuramente il rimedio migliore per contrastare gli inestetismi delle palpebre cadenti. Tuttavia, è bene ricordare che si tratta sempre di un vero e proprio intervento chirurgico. Non è, quindi, da prendere sotto gamba ed è preferibile ponderare con attenzione la questione, anche ascoltando il parere di più specialisti se necessario. I costi sono piuttosto elevati e ovviamente variano in base alla città dove viene eseguito l’intervento e al tipo di centro specializzato a cui ci si rivolge. Il nostro consiglio è di rivolgersi sempre esclusivamente a personale altamente qualificato e di diffidare a chi si improvvisa.

Il decorso post operatorio, come abbiamo accennato, non è affatto complesso, ma è fondamentale tenere presenti alcuni piccoli accorgimenti. Nei giorni successivi all’intervento è preferibile riposarsi e non sottoporsi a sforzi, non sollevare pesi importanti e non fare attività fisica. Inoltre, è possibile in presenza di gonfiore lenire la zona con della crema anestetica e assumere dei blandi antinfiammatori o antidolorifici. Se avete in programma di sottoporvi all’intervento in estate, ricordatevi sempre di applicare della crema solare sulla zona interessata dall’operazione. Come per ogni intervento, infatti, possono innescarsi fenomeni di fotosensibilizzazione con arrossamenti e irritazioni. In generale, è bene non esporsi al sole nei primi giorni dopo l’intervento, così come per tutti i trattamenti chirurgici e di medicina estetica.

Cosa ne pensate della blefaroplastica? Avete mai pensato di sottoporvi a questa tipologia di intervento chirurgico?



Manicure russa, cos'è e differenza con la manicure tradizionale
Manicure

Manicure russa, cos’è e differenza con la manicure tradizionale

Labbra belle e voluminose con prodotti naturali
Bellezza fai da te

Labbra belle e voluminose con prodotti naturali

Hyaluron pen per labbra cos'è e opinioni
Bellezza

Hyaluron pen per labbra: cos’è e opinioni

Ceretta a caldo o ceretta a freddo Differenze, pro e contro
Skincare

Ceretta a caldo o ceretta a freddo? Differenze, pro e contro

Acido ialuronico e filler si possono fare d’estate
Skincare

Acido ialuronico e filler: si possono fare d’estate?

Come allungare le ciglia con prodotti naturali
Bellezza fai da te

Come allungare le ciglia con prodotti naturali

Come truccarsi con la mascherina
Come mi trucco

Come truccarsi con la mascherina

Carbossiterapia cos'è e quanto costa
Bellezza

Carbossiterapia: cos’è e quanto costa

Rifarsi il seno prima e dopo gli step da seguire
Bellezza

Rifarsi il seno prima e dopo: gli step da seguire

Rifarsi il seno prima e dopo: tutti i consigli, gli step e gli accorgimenti da seguire quando si decide di sottoporsi a mastoplastica additiva o riduttiva.

Leggi di più