arancini

Arancini di riso: gusto e allegria siciliani

Ecco la ricetta degli arancini. O almeno, quella più diffusa. E voi, in quali versioni li avete provati?

È una delle specialità più note – e più stuzzicanti – della cucina siciliana. E se in vacanza siete state in Sicilia e già vi manca, o se non ci siete state affatto, ma ogni anno vi dite che “prima o poi…”, o ancora, se non sapete resistere a una delle più ghiotte pietanze da rosticceria, ecco la ricetta degli arancini siciliani.

Le cui origini sono piuttosto misteriose: l’impiego dello zafferano fa pensare a una nascita in epoca medievale, ma la prima “attestazione” si ha in un dizionario siciliano-italiano ottocentesco.

Ma sapevate che a quanto pare l’arancino (o arancina) nella sua prima ricetta era un dolce? Anche se adesso forse ci riesce difficile da immaginare diverso dalla sua versione salata, così saporita, colorata e allegra. La versione che proponiamo qui è quella più diffusa, con ragù e piselli.

Ma ne esiste una un po’ più veloce, con un ripieno bianco a base di besciamella (o provola), prosciutto cotto a dadini, parmigiano grattugiato, sale e pepe, una con ricotta e spinaci, con funghi, con pesce, con pistacchio di Bronte. E altre ancora, ma dobbiamo fermarci qui perché ci sta già venendo l’acquolina in bocca. A voi no?

Ingredienti

  • 500 grammi riso
  • 200 grammi macinato di vitellone
  • 100 grammi piselli
  • 50 grammi concentrato di pomodoro
  • 50 grammi parmigiano grattugiato
  • 3 uova
  • 1 cipolla
  • gambi di sedano
  • 1 bustina zafferano
  • 2 tazze pan grattato
  • 1 tazze farina
  • 1 litri olio di semi per friggere
  • sale e pepe a piacere

Preparazione

  1. Per prima cosa, tritiamo cipolla e sedano e mettiamoli ad appassire in padella con un filo d’olio; aggiungiamo la carne e facciamo rosolare per 5 minuti. Aggiungiamo i piselli, il pomodoro, prezzemolo e basilico, facciamo cuocere un quarto d’ora e poi aggiustiamo di sale e di pepe.
  2. Un tocco di zafferano!

    Lessiamo il riso nell’acqua salata per 10 minuti e poi scoliamolo. Condiamolo con un uovo, il burro, parmigiano e zafferano e lasciamo intiepidire.

  3. Un tocco di zafferano!

    Dividiamo il riso in porzioni e diamo a ognuna una forma sferica – grande all’incirca come un’albicocca. Scaviamo un’incavità al centro di ognuna, inseriamo un cucchiaio di ragù e richiudiamo.

  4. Un tocco di zafferano!

    Infariniamo i nostri arancini, passiamoli più volte nelle rimanenti uova sbattute e quindi nel pangrattato. Friggiamo in olio caldo, scoliamoli su un foglio di carta da cucina e serviamo.

  5. Un tocco di zafferano!

    Se preferiamo, possiamo cuocere gli arancini in forno, a 220 gradi per una ventina di minuti. Saranno forse un po’ meno saporiti, ma un po’ più salutari. Quanto al servirli caldi o freddi, vedrete che andranno a ruba in ogni caso!



Indivia gratinata al forno
Ricette Antipasti

Indivia gratinata al forno

Datteri ripieni salati
Ricette Antipasti

Datteri ripieni salati

Ostriche in tempura
Ricette Antipasti

Ostriche in tempura

Lampascioni fritti
Ricette Antipasti

Lampascioni fritti

Pasta fritta toscana
Ricette Antipasti

Pasta fritta toscana

Panzerotti al forno
Ricette Antipasti

Panzerotti al forno

Mozzarella in carrozza ricette in padella e al forno
Ricette Antipasti

Mozzarella in carrozza: ricette in padella e al forno

Cestini di parmigiano con verdure
Ricette Antipasti

Cestini di parmigiano con verdure

Torrone sardo con il bimby
Ricette con il Bimby

Torrone sardo con il Bimby

E’ tempo di festività natalizie e quindi di torrone, nelle sue diverse varianti regionali. Unico nel suo genere il torrone sardo, privo di zucchero nell’impasto.

Leggi di più