Rana pescatrice con peperoni

Secondo piatto molto saporito e leggero, ideale per una cena sfiziosa a base di pesce.

Rana pescatrice con peperoni

La rana pescatrice con peperoni è un secondo piatto “mare e orto” fragrante e saporito, ideale anche per palati molto esigenti.

La rana pescatrice, o coda di rospo, ha carni sode e squisite. E’ un pesce pregevole e prelibato e soprattutto magro e con un basso contenuto di calorie: 100 gr. ne contengono circa 65. E’ un pesce ricco di Vitamina C, di sali minerali tra cui il calcio e di proteine utili al nostro benessere fisico. E’ un pesce che può essere reperibile  in commercio sia surgelato che fresco. Se lo acquistate surgelato lo troverete già pulito, senza testa e spellato. Se lo acquistate fresco fate attenzione che sia freschissimo, non presenti odore di ammoniaca e che le sue carni siano di un colore pallido rosato. Le ricette che la vedono protagonista sono innnumerevoli: al cartoccio, alla griglia, al forno, in umido etc. Per prepararla in modo perfetto è consigliabile utilizzare casseruole di terracotta, di rame o di vetro. In questa ricetta viene preparata insieme ai peperoni. L’accostamento è insolito ma, il sapore delicato del pesce si sposa alla perfezione con quello deciso e dolce dei peperoni. I capperi, le olive e le acciughe insaporiscono in modo appetitoso il resto degli ingredienti mettendo ancora più in risalto la loro saporosità e fragranza. Le foglie di basilico, aggiunte quasi a fine cottura, regalano a questo piatto un aroma molto intenso e sfizioso.

Si può accompagnare con fette di pane di segale fatte grigliare sotto il grill del forno per un paio di minuti, strofinate con un poco di aglio e condite con sale nero di Cipro e un filo di olio extravergine di oliva.

  • Resa: 2 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 45 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 400 gr. rana pescatrice a filetti
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 10 foglie di basilico
  • 1 cucchiaio capperi sotto sale
  • 2 cucchiai olive verdi snocciolate
  • 2 scalogni
  • 2 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • 6 filetti d’acciuga sott’olio
  • brodo vegetale
  • sale
  • pepe verde

Preparazione

  1. Pelate gli scalogni e tagliateli a rondelle sottili.
  2. Lavate bene sotto acqua corrente fredda i filetti di rana pescatrice e poi asciugateli delicatamente con un canovaccio pulito da cucina.
  3. Lavate i peperoni ed eliminate il gambo.
    Tagliateli a falde e poi a quadrotti togliendo i semini ed i filamenti bianchi.
  4. Dissalate i capperi passandoli sotto acqua fredda in modo da eliminare il sale.
    Tagliate a rondelle le olive verdi snocciolate.
    Fate ben sgocciolare i filetti di acciuga e poi tagliateli a pezzetti.
  5. Versate l’olio extravergine di oliva in una casseruola.
    Unite le rondelle di scalogno e lasciate appassire dolcemente per un paio di minuti.
  6. Aggiungete i filetti di acciuga a pezzetti, fate rosolare per un minuto e poi unite i peperoni a quadrotti.
    Mescolate e lasciate insaporire per 5 minuti mescolando spesso.
  7. Aggiungete i capperi dissalati e le olive verdi tagliate a rondelle.
  8. Mescolate e poi adagiate nella casseruola i filetti di coda di rospo.
    Girateli un paio di volte in modo che si insaporiscano e fate cuocere per 5 minuti.
  9. Infine abbassate la fiamma, bagnate con un mestolino di brodo vegetale caldo, mettete il coperchio alla pentola e lasciate cuocere per 15 minuti controllando che il fondo di cottura non si ritiri troppo: in questo caso aggiungete ancora un mestolino di brodo.
  10. Trascorso il tempo, condite con un pizzico di sale, il pepe verde appena macinato ed unite le foglie di basilico.
  11. Mescolate e continuate la cottura per altri 5 minuti a pentola scoperta e a fiamma dolce.
  12. Spegnete il fuoco, mettete nei piatti i filetti di rana pescatrice insieme ai peperoni e bagnate con il fondo di cottura.
  13. Servite in tavola la rana pescatrice con peperoni ben calda e… buon appetito!!!


Vedi altri articoli su: Ricette detox | Ricette Light | Ricette Secondi Piatti |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *