Pasta e patate
Ricette

Pasta e patate

Piatto vegetariano, cremoso, vellutato e molto saporito, tipico della tradizione campana: la pasta e patate.

La pasta e patate è un primo piatto della tradizione culinaria campana. Può essere preparata sia in versione più brodosa, tipo minestra, e sia più asciutta e cremosa arricchendola con il Provolone del Monaco, formaggio tipico della Campania.

E’ una ricetta povera, preparata con pochi ed economici ingredienti,  ma molto saporita e semplice da realizzare. Si prepara in un’oretta ed è subito pronta per essere gustata.

E’ un piatto davvero unico, dal sapore intenso e dalla consistenza cremosa e vellutata regalata dal provolone e dal parmigiano ed è amato da grandi e piccini. E’ sostanzioso e adatto ad essere assaporato con il sopraggiungere dei primi freddi : si serve ben caldo e viene reso brioso dal pepe nero.

E’ il piatto della nonna che ci riporta indietro nel tempo e ci regala ricordi ormai lontani tenendoci  legati alle tradizioni del nostro territorio.

Si può realizzare utilizzando gli avanzi di pasta corta che rimangono molto spesso nei sacchetti e non sappiamo come riutilizzare. Se non avete a disposizione il Provolone del Monaco, potete adoperare della provola stagionata. Se volete rendere il piatto ancora più appetitoso, potete usare della provola o scamorza affumicata: la fragranza affumicata è molto indicata per esaltare ancora di più i sapori.

La ricetta proposta è quella nella versione più asciutta, per renderla più brodosa, basta aggiungere più acqua calda durante la cottura delle patate e della pasta ed aggiungere solo parmigiano grattugiato al momento di servire tralasciando di aggiungere il Provolone.

 

Photo Credit: Dario Trimarchi

  • Resa: 4 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 35 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 500 gr. patate
  • 150 gr. Provolone del Monaco o provola stagionata
  • 150 gr. cipolla bianca
  • 400 gr. pasta corta
  • 1 gamba di sedano
  • 1 carota
  • 4 cucchiai passata di pomodoro
  • 4 cucchiai parmigiano grattugiato
  • 5 cucchiai olio extra vergine d’oliva
  • sale
  • pepe nero

Preparazione

  1. Pela la carota e la cipolla, lavale e tagliale a metà. Lava il sedano e taglialo in 3 pezzi grandi. Lava bene le patate, pelale e tagliale a piccoli dadini.
  2. Versa l’olio extravergine di oliva in una pentola insieme al sedano, alla carota e alla cipolla e fai rosolare a fiamma bassa per un minuto.
  3. Quindi unisci le patate e la passata di pomodoro e fai insaporire per un paio di minuti mescolando spesso.
  4. A questo punto versa dell’acqua calda salata fino a ricoprire del tutto le patate e a sovrastarle di circa tre dita.
  5. Mescola e porta a bollore. Da quel momento calcola circa 20 minuti di cottura, tempo necessario perchè le patate raggiungano quasi la cottura perfetta.
  6. Trascorso il tempo, togli la cipolla, il sedano e la carota.
    Tuffaci la pasta, mescola, aggiusta di sale e portala a cottura in base al tempo indicato sulla confezione.
  7. Unisci il provolone del Monaco tagliato a cubetti, fallo amalgamare bene alla pasta e patate, spolverizza con il parmigiano grattugiato e con il pepe e spegni il fuoco.
  8. Distribuisci nei piatti la pasta e patate e servila in tavola ben calda.


Crescione senza strutto, la ricetta
Ricette Piatti Unici

Crescione senza strutto la ricetta

Come utilizzare il cioccolato rimasto delle uova di Pasqua
Consigli di cucina

Come utilizzare il cioccolato rimasto delle uova di Pasqua

Piadina fatta in casa
Cosa Cucino Stasera

Piadina fatta in casa

Cous cous alla trapanese
Ricette Piatti Unici

Cous cous alla trapanese

Pancake con lo yogurt
Ricette Dolci e Dessert

Pancake con lo yogurt

Profiteroles al cioccolato
Ricette Dolci e Dessert

Profiteroles al cioccolato

Agnello con carciofi
Ricette Secondi Piatti

Agnello con carciofi

Colomba di Pasqua al pistacchio
Ricette Dolci e Dessert

Colomba di Pasqua al pistacchio

Come conservare il tartufo
Consigli di cucina

Come conservare il tartufo

Si conserva in freezer, dentro ad un sacchetto sottovuoto. Ma anche in frigorifero, avvolto in carta da cucina o sott’olio. Di chi parliamo? Del tartufo!

Leggi di più